• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Scrittori] Intervista a Claudia Gerini, a cura di Silvia Pattarini

Scrittori-Intervista-Claudia-Gerini-Silvia-Pattarini

Un caffè con Claudia Gerini, in tutti gli store online col suo primo romanzo Il sogno di Giulia, edito da Lettere Animate.

Oggi il nostro caffè letterario è ben lieto di presentarvi un volto nuovo della letteratura italiana: è con noi Claudia Gerini. 
Ciao Claudia e benvenuta sul nostro sito in veste di scrittrice. Per rompere il ghiaccio, visto che ci troviamo in un caffè letterario virtuale, permettimi di offrirti virtualmente un caffè, un tè, una tisana, una bibita fresca o…  cosa preferisci?
Ciao Silvia, decisamente per un’accanita consumatrice di caffè come me, ne gradirei uno anche se virtuale! Sono io che ti ringrazio per l’opportunità che mi state dando di far conoscere me e il mio libro.

Bene ora che abbiamo rotto il ghiaccio raccontami qualcosa di te. Chi è Claudia nel quotidiano?
La Claudia di tutti i giorni è donna e mamma lavoratrice.
Lavoro da 15 anni in un supermercato, precisamente nel reparto di gastronomia. Decisamente un lavoro faticoso ma mi piace. Non mi immaginerei in nessun altro posto ormai, mi piace il quotidiano contatto con le persone. Ho due bambini, uno di 12 e uno di appena un anno. Rimettermi in gioco come mamma dopo tanto tempo non è per niente facile ma mi ha fatto ringiovanire.
Gestire il tempo tra lavoro, figli e casa è decisamente una faticaccia. Ma le donne che stanno leggendo questo già lo sanno.

Claudia-Gerini
Anch’io ho lavorato in un supermercato tanti anni fa, bei ricordi! Ma ora concentriamoci sul presente. Per scrivere un libro è necessario avere una storia da raccontare: raccontaci qual è stata quell’alchimia, quella scintilla interiore che ti ha spinto a scrivere il tuo romanzo d’esordio.
Scrivere è sempre stata una passione. Pensa che quando ero piccola mi sarebbe piaciuto fare la giornalista.  Devo dire che questo mio primo libro è nato per caso da un desiderio, anzi chiamiamolo sogno, che mi gira in testa da un po’. Da lì a costruirci sopra una storia il passo è stato breve.

Per un esordiente il percorso da seguire prima di giungere all’ambito traguardo della pubblicazione non è affatto semplice, talvolta può rivelarsi tortuoso e complicato. Raccontaci la tua esperienza.
In effetti il mondo dell’editoria , per un esordiente come me, è un labirinto complicato. Senza l’aiuto di mia sorella Valentina, che è già al suo secondo romanzo, non avrei davvero saputo come fare! Ho mandato il manoscritto ad alcune case editrice e quando mi è arrivata la risposta di Lettere Animate non potevo crederci! E’ stata un’enorme soddisfazione personale.


Il sogno di Giulia è la tua prima fatica letteraria: a che genere appartiene, è un romanzo o un saggio e a che target di pubblico ti rivolgi?

Il sogno di Giulia è un romanzo, racconta una storia, la storia di una donna come tante. Per questo penso che molte si possono rispecchiare in questo personaggio. In questo momento mio figlio di 12 anni sta leggendo il libro e sono stata piacevolmente sorpresa dal fatto che gli piaccia. E’ una storia semplice, adatta a tutti.

Come intendi impostare la promozione del tuo libro: ti impegni personalmente in presentazioni presso librerie, biblioteche e centri culturali , preferisci il web o, tutte le soluzioni possibili?
Certo, a breve farò una presentazione ufficiale nel mio paese, Ponsacco. Ma credo che il web, oggi, sia un ottimo strumento per farsi conoscere ad un pubblico più vasto.

Claudia preferisce leggere alla vecchia maniera, sfogliando le pagine e annusando il profumo dei libri, oppure si è lasciata affascinare dalle innovative tecnologie e  legge gli ebook?
Devo dire che preferisco sfogliare le pagine del caro vecchio libro. Ne ho tantissimi a casa. Leggo molto e mi piace comprarli, sceglierli leggendo le trame, le storie degli autori. Recentemente, però, ho dovuto arrendermi anche alla tecnologia e ho letto alcuni libri in formato ebook. Ammetto che sono molto comodi perché, specialmente quando sono in giro, posso portarmi diversi libri da leggere senza dover per forza usare una valigia solo per quelli!

Incuriosisci i nostri lettori raccontandoci, in sintesi, i punti di forza del tuo libro.

Giulia è una donna con una famiglia che adora, un lavoro sicuro,  ma cerca qualcosa che la vita di tutti i giorni non riesce più a darle. Un input, uno stimolo per ritrovarsi. Prende una decisione coraggiosa, molla tutto e insieme ai figli e al compagno si trasferisce in un altro paese, anzi in un altro continente. Si mette alla prova, alla ricerca di una felicità e di una serenità che tutti quanti vorremmo. Per sapere se riuscirà a trovarla non vi resta che leggere il mio libro!

Hai ancora qualche sogno nel cassetto da realizzare?
Uno dei miei sogni si è appena avverato. Vedere che il mio libro piace a qualcuno è già una grande soddisfazione. Per il resto ho una famiglia che adoro, la salute, tanti amici, un lavoro, direi che sono felice.

Dove possiamo trovare il tuo libro?
Il mio libro si può trovare negli store on line: IbsLa FeltrinelliAmazon ed è ordinabile presso qualunque libreria.
Ti ringrazio molto, Silvia, per l’opportunità che mi hai dato di parlare di me e del mio libro.

Claudia ti ringrazio tantissimo per essere stata con noi e, a nome di Gli scrittori della porta accanto ti faccio i complimenti per il tuo libro, augurandoti che sia un vero successo! In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!

Il sogno di Giulia

La voglia di ricominciare a credere in qualcosa, il sogno di una vita, la determinazione e la forza di una donna. Tutto questo porta Giulia, quarantenne ormai disillusa della vita, il suo compagno, Bizio, e il figlio a mollare tutto per tentare la sorte. Dall'Italia in piena crisi economica ai Caraibi della Repubblica Dominicana, i tre raggiungono la sorella di Giulia, Sara, che lì si è stabilita. Un viaggio dall'altra parte del mondo, in un luogo così diverso da quello che fino ad allora era stato il suo mondo. Ma è proprio quando tutto sembra perso che ci si accorge che i sogni a volte diventano realtà.
Questo romanzo è legato a un altro: Giulia è la sorella di Sara, la protagonista di La notte delle stelle cadenti, di Valentina Gerini, Edizioni Lettere Animate. Il sogno di Giulia, tuttavia, non ne è un sequel né tanto meno un prequel. Si tratta di due storie intrecciate, narrate da due punti di vista differenti.

Lettere Animate | Romance
ISBN 978-8868827403  | cartaceo 9,00€   | ebook 1,49€ Acquista




Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...