• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Sogni, creatività e cuscini di legno di Cirmolo, di Angelo Gavagnin

Sogni-creatività-cuscini-legno-Cirmolo

Riposare bene è importante, per recuperare energie e sognare. Perché spesso sono proprio i sogni a ispirare la nostra creatività, le intuizioni, le visioni sul futuro. E perché non provare i cuscini di legno di Cirmolo per favorire un sonno sereno?

Quante ore dormiamo delle 24 che la giornata ci mette a disposizione, tra l'altro mai sufficienti a coprire i nostri impegni ogni santo giorno? 
Io molte, mi è sempre piaciuto assai e non ho mai avuto problemi a dormire, semmai a svegliarmi. Alcuni la vivono come una perdita di tempo, tempo rubato alla vera attività, alla vera vita che avviene nelle ore di veglia. Ma è troppo bello dormire! 
Non è solo il riposo ad essere indispensabile. Chi non riesce a dormire è una persona sfortunata e a rischio di malattie. Nel sonno il nostro corpo recupera le forze, perché l'energia consumata si riacquista di certo mangiando, ma anche dormendo. 
E i sogni, dove li mettiamo i sogni? Che vita sarebbe senza sogni? 
Da piccoli ci basta sognare un bel gelato, poi diventiamo più complessi, contorti, i sogni non li capiamo più e abbiamo bisogno di Freud, ma ce li godiamo lo stesso. 
Le persone più fortunate hanno la capacità di incanalare il sogno secondo la propria volontà. Magari riescono a risolvere i problemi che durante il giorno non sembrano aver soluzione, escogitando strumenti e trovate più fantasiose, che nei momenti di veglia nessuno mai penserebbe.
I sogni vanno al di là del razionale e aprono strade nuovissime, sentieri sconosciuti che portano proprio lì dove è perfetto andare.

I sogni hanno spesso ispirato agli scrittori di fantascienza visioni di un futuro che poi si è avverato.

creativit-sogni-dormire-scrittori-futuro
Pensavo alla differenza tra il giornalista e lo scrittore. Il giornalista è abituato a guardare alle notizie quotidiane, le descrive e le commenta resta nel presente. Lo scrittore molte volte fa la stessa cosa, ma nel farlo usa anche le sue esperienze, la sua vita, e poi non si accontenta, e inventa, guarda più avanti, e molte volte questo proiettarsi in avanti lo porta ad indovinare il futuro.
Quanti romanzi hanno svelato ciò che sarebbe successo anni dopo. Storie che sembravano fantascienza sono diventate il nostro presente. Basti pensare al sottomarino elettrico descritto da Verne nel 1870, in Ventimila leghe sotto i mari, e che verrà inventato realmente nel 1960. Sempre Verne, nel 1865, in Dalla Terra alla Luna descrive un allunaggio che nella realtà avverrà poi nel 1969, cento anni dopo. George Orwell, nel suo 1984, descrive un mondo totalmente controllato da telecamere dove tutti sono continuamente monitorati e seguiti (allora era una critica al periodo Staliniano) e nel 2010 l’americana N.S.A. ( Agenzia per la Sicurezza Nazionale) è stata al centro di uno scandalo, quando furono fornite le prove che stesse spiando inconsapevoli cittadini. Aldous Huxley, Mondo Nuovo e Ritorno al Mondo Nuovo, nel 1932 ipotizzò una società dipendente dagli antidepressivi, che nella realtà entreranno in commercio solo 18 anni dopo. E chissà quanti altri esempi. E ancora, forse, c'entra il sogno, alcune di queste geniali intuizioni sul futuro saranno di sicuro state sognate o pensate in quella fase del dormiveglia che si apre a nuovi mondi, chissà. Non sai come concludere il tuo ultimo racconto? Prima di dormire entra in confidenza con i personaggi, pensa a loro come a degli amici, coccolali e finalmente sognali, vedrai che le idee te le daranno loro stessi, devi solo scriverle tra sonno e veglia, appena compaiono, perché la mattina non le ricorderai più.


I nuovi cuscini di legno di Cirmolo per favorire un buon sonno e bei sogni.


cuscini-legno-Cirmolo
Per agevolare il buon sonno e i bei sogni, ultimamente sono nati i guanciali di legno, non scherzo. Non pensate però di appoggiare la testa sopra una fetta di tronco! Sono fatti di piccoli trucioli, i più quotati sono quelli di Cirmolo (in Val di Fiemme ci sono i Cirmoli più profumati) o Pino Cembro, mescolati a piume d'oca, farro e miglio, il tutto poi foderato in cotone. Il cuscino garantisce un perfetto riposo, respirando essenze e agevolando il rilassamento di collo e spalle. Una specie di aromaterapia che dura tutta la notte.
Non so se sia una pubblicità positiva visti i risultati, ma sembra che questi cuscini siano molto usati dai giocatori dell'Inter nel tentativo di migliorare le loro prestazioni. In attesa dei sospirati gol, intanto una cosa, riposando bene, l'hanno capita:  che scudetti e coppe, continuando così, appunto, se li sognano! Ma la speranza, viste le straordinarie proprietà dei Cirmoli, è l’ultima a morire.


Angelo-gavagnin

Angelo Gavagnin
Ho lavorato al Porto di Venezia, un lavoro che mi lasciava periodi di libertà che ho usato per viaggiare in Thailandia, Malesia, Sri Lanca, ma anche Cuba e Santo Domingo. Sono stato varie volte in India. Ho conosciuto il Maestro Indiano Osho e ho assistito alla sua cremazione tra canti e balli. Sono diventato papà all'età nella quale di solito si diventa nonni e così sono finiti i viaggi e mi è venuta voglia di scrivere.
Non sono nato e mi sento molto bene, IlMioLibro.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...