• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] “Donne che emigrano all’estero” di AA VV, la vita è un viaggio, recensione di Emma Fenu

donne-che-emigrano-all-estero

Donne che emigrano all’estero di AA VV, StreetLib, 2016. La vita è un viaggio.

Sono donne che emigrano all’estero. Emigrano: in tale verbo, al tempo presente, sta l’essenza di un libro-testimonianza che si distingue per grande valore sociale e antropologico oltre che, ovviamente, narrativo. Emigrare, dunque, è un modus vivendi, una filosofia per cui l’esistenza stessa si recepisce come viaggio, in perenne itinerario di scoperta.
Vi troverete coinvolti in 34 storie di donne che, per propria scelta o per capriccio del destino, vivono in varie parti del mondo, lontano dal proprio paese: l’Italia.
Sono donne che lavorano.
Sono donne che amano.
Sono donne che educano.
Sono donne che si confrontano.
Sono donne che si raccontano.
Attraverso uno stile scorrevole e accattivante, ciascuna protagonista rende il lettore partecipe non solo degli eventi della propria vita, ma anche dei propri sentimenti e delle proprie riflessioni da espatriata.
Non c’è traccia di vittimismo, in queste storie da bere d’un fiato, e nemmeno si scivola nell’autoesaltazione. Sono donne comuni, la maggior parte di esse con una formazione scolastica e professionale molto valida, che hanno coscienza delle difficoltà e dei possibili successi e affrontano ogni prova non dimenticando il potere salvifico dell’ironia.
Sono degne figlie di una mamma-Italia che, proprio in quanto genitrice, si ama visceralmente e, di conseguenza, si detesta, quando ci si sente respinti dal suo abbraccio. Tutte, infatti, dimostrano di possedere un forte senso d’identità e di appartenenza che ben si coniuga con una sana apertura verso l’altro e in una affermazione della multi cultura quale sommo mezzo per l’arricchimento sia del singolo sia del popolo a cui esso appartiene.

Non esistono luoghi perfetti. 

Non è un “eden” la terra in cui si è nati e cresciuti, ma nemmeno quella in cui si risiede per sete di conoscenza, per esigenze lavorative, per spirito umanitario, per ragioni sentimentali.
Esistono persone capaci di rendere il mondo migliore, abbracciandolo come un frutto del ventre. Le donne che emigrano all’estero sono madri di speranze di una stirpe che sa non arrendersi, che sa integrarsi senza perdere memoria di sé, che sa battersi nella pace per la tutela di diritti universali che non hanno razza, sesso e colore.
Donne che emigrano all’estero è, pertanto, una preziosa lettura che permette di emozionarsi, immedesimarsi e, al contempo, di analizzare in modo oggettivo, attraverso un privilegiato punto d’indagine, la società contemporanea e una delle tante realtà che sono alla base della decisione di lasciare il proprio paese.
Ricordo che i ricavati della vendita del libro sono destinati alla Onlus Di.Re, Donne in Rete contro la Violenza.

donne-che-emigrano-all-estero

Donne che emigrano all’estero

Nei tempi dell'era digitale, dove tutto corre veloce, trentaquattro donne italiane emigrate all'estero si fermano e si raccontano. Lo fanno a ruota libera, soffermandosi di volta in volta su aspetti specifici del proprio vissuto - la vita quotidiana, gli affetti, il lavoro, gli usi e costumi del nuovo paese, il cibo, l’arte, la musica, le bellezze naturali, le atmosfere. Un divenire anarchico di istantanee che danno vita al mosaico delle loro esistenze nei luoghi più disparati della terra. Capita così di essere trasportati nelle viuzze di Zanzibar piuttosto che nella selvaggia Lapponia, o di trovarsi tra la folla di Hong Kong per poi approdare, qualche pagina dopo, tra i fiordi della Nuova Zelanda. Inevitabile la riflessione sulle diseguaglianze sociali, sui diritti civili; sulla difficoltà di integrazione e sui momenti di inevitabile nostalgia. Dedicato a chi ama viaggiare e scoprire il mondo in cui viviamo, questo libro rappresenta un ponte tra le donne che vivono all'estero e quelle rimaste in patria: un intreccio di mani, un susseguirsi di consigli, un invito a seguire il loro esempio. 
C’è molta sincerità, in questi racconti: questa capacità, prettamente femminile, di mettersi a nudo, è ciò che lega tra loro le diverse esperienze.
Il libro sull'espatrio al femminile che tutte noi aspettavamo. Per comprendere il significato profondo dell’espatrio nell'era digitale, per vivere e capire le emozioni di donne che hanno fatto la valigia e sono diventate delle moderne migranti.

di AA VV | StreetLib | Racconti
ISBN 978-6050499285 | cartaceo 13,98€ | ebook 5,99€ Acquista


di Emma Fenu
Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vive, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Laureata in Lettere e Filosofia, ha, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrive per lavoro e per passione.
Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena, Abel Books.
Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità, Echos Edizioni.
Le dee del miele, Milena Edizioni.
Il segreto delle Principesse, Milena Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!