• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Il salotto di Emma] La figlia del silenzio, confessioni di una madre negata, di Emma Fenu

figlia-del-silenzio-madre-Emma-Fenu

Sono Norah, la mamma di Paul.

Se dovessi dipingere un quadro della mia vita, userei il colore bianco.
Bianco di neve. Neve che occulta corpi e attutisce suoni. Neve che fa del silenzio una tomba vuota.
Bianco di pelle diafana che si squarcia. Bianco di liquido amniotico che ne fuoriesce.
Bianco di latte che imperla i capezzoli.
Bianco di strumenti chirurgici di ghiaccio, freddi. Bianco di lenzuola di lino e di camice inamidato da infermiera, puliti.
Bianco di nuvole in cielo, ali di angeli senza vagiti. Bianco di narcisi e larve in terra, petali e carne a onorare il luogo buio in cui si ritorna: “cenere alla cenere, polvere alla polvere”.

Ho dato alla luce i miei gemelli una sera, quando una tormenta di neve non mi permise di raggiungere l’ospedale. Era il marzo del 1964.

Mi svegliai dall’anestesia, assistita da mio marito, medico, e dalla sua infermiera; mi diedero Paul fra le braccia: un neonato perfetto e bellissimo.
Di lei non sapevo, non c’erano le ecografie, all’epoca.
Mi dissero che avevo partorito una bimba morta. Una bimba tolta dal mio utero di carne calda e subito accolta da una fredda tomba di terra, in un cimitero a metà fra i mondi.
Phoebe. La mia bambina.
Bianca la bara. Bianca l’assenza: un vuoto, un abisso di nulla. Bianco il ricordo di un volto mai visto. Bianca la nostalgia di chi non è mai stato.
Arma bianca è la menzogna. Bianca lama sul mio cuore esangue.
Mia figlia non è morta, è Down. Mia figlia è viva e io per troppo tempo non lo ho saputo, per volontà di mio marito.
Bianco il sudario sulle nostre parole taciute.
Bianca la luce della verità, come è bianca la bellezza pura di mia figlia. Viva.
Sono Norah, la mamma di Paul e Phoebe.

Figlia-del-silenzio

Figlia del silenzio

di Kim Edwards
Garzanti
ISBN 978-8811681243
cartaceo 8,42€ Acquista
ebook 6,99€

La figlia del silenzio è un romanzo di Kim Edwards, edito da Garzanti nel 2010.

Con un linguaggio delicato ma mai affettato, la scrittrice statunitense racconta la storia di David Henry, medico, che decide di nascondere a tutti, in primis alla moglie Norah, l’esistenza di una figlia Down, gemella del bambino che crescerà nella menzogna. Divulgata la notizia della morte della neonata e affidatala all’infermiera Caroline perché la porti in un istituto, David accetta la decisione di quest’ultima di tenerla con sé, come una madre.
Una storia complessa che sospende il giudizio sui sentimenti e sulle scelte degli uomini e che affronta con coinvolgimento emotivo ed intelligenza narrativa i temi della diversità, della ipocrisia sociale e della maternità.
Lui pensò che le sue dita erano fragili, come le ossa di un uccellino.
“Amore”, continuò, ma gli si spezzò la voce e non trovò più le parole che aveva preparato con tanta attenzione. Chiuse gli occhi e quando riuscì a parlare di nuovo, le labbra pronunciarono parole diverse da quelle che aveva preparato.
“Amore mio, soffro tanto. La nostra bambina è morta appena nata”.

Emma-Fenu
Emma Fenu
Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vive, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Laureata in Lettere e Filosofia, ha, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrive per lavoro e per passione.
Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena, Abel Books.
Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità, Echos Edizioni.
Le dee del miele, Milena Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...