• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Fattore Z" di Alessandro Casalini, recensione di Giulia Mastrantoni

Fattore-Z-Alessandro-Casalini-recensione


Fattore Z di Alessandro Casalini, Sillabe di sale, 2016. Un thriller psicologico, in cui il visivo si mescola all’onirico, il ricordo alla finzione, quattro personaggi raccontano se stessi portando alla luce vecchi scheletri negli armadi.

Un missionario, una malata terminale, una rockstar e una scienziata. 
Una stanza bianca e un contatore con una serie di numeri. 
Così inizia la riunione tra questo mal assortito gruppo. Si tratta di un esperimento voluto dal governo, circa il quale si sa poco o nulla. 
Padre Sandro aspetta, mentre Zoe, la malata terminale, inganna il tempo in attesa della morte per AIDS. Nick, la rockstar, ha da sempre una spiccata tendenza alla ninfomania, che si riversa su Pam, la scienziata. Intanto il contatore perde cifre. Ma perché?
Quando inizia un filmino, la storia di Zoe viene proiettata su di una delle pareti bianche, la ragazza sviene. Lo shock è troppo grande.
Poi è la volta di Nick. E le cose precipitano.
Fattore Z è un thriller psicologico che si fa leggere d’un fiato. Fino all’ultima pagina si è in dubbio circa il finale e ogni riga in più che si legge apre nuove domande.
Alessandro Casalini fa vivere al lettore le vicende dei personaggi con semplicità, descrivendole in modo diretto e lasciando che siano i fatti a parlare, anziché i racconti.
Il visivo si mescola all’onirico, il ricordo alla finzione, l’angoscia alla certezza che ormai non si ha più nulla da perdere.
Fattore Z è la storia di più storie. Un connubio tra la celebrazione del dialogo e la rinnegazione dello stesso. Infatti, i personaggi parlano moltissimo tra loro, ma lo fanno celandosi dietro a una maschera di indifferenza e pacatezza. Quello che vi si cela in profondità, però, è ben altro...

Fattore-Z

Fattore Z

Stanza bianca, quattro insoliti personaggi ed un contatore appeso al muro da cui prende vita uno strano conto alla rovescia. Sono Padre Sandro - un prete missionario alla disperata ricerca delle risposte che solamente la fede può dare, Nick - una ex rockstar oramai fusa di testa con evidenti problemi di sesso dipendenza, Pam - uno scienziato in odore di Nobel piena di sé con misure e curve da top model, ed infine Zoe - una malata terminale di AIDS. Questi gli improbabili compagni di viaggio catapultati all'interno di un mondo monocromatico scandito dal susseguirsi di numeri apparentemente senza senso. E' solamente un gioco, oppure un altro stupido reality show ? E se fosse un esperimento "psico-qualcosa" ?! Ne resterà solamente uno ?! Inutile continuare con domande senza risposta, così i quattro cominciano a raccontare se stessi gli uni agli altri, andando a scavare sempre più a fondo, e riportando alla luce vecchi scheletri nascosti in armadi oramai dimenticati. Il tempo passa, i ricordi affiorano, mentre i numeri marciano inesorabili verso lo zero. Con in passare delle ore qualcuno del gruppo si perde per strada. Zoe invece ha qualcosa di speciale. Lei sa vedere attraverso quell'apparente successione di numeri senza senso. Numeri Primi, Ipotesi di Riemann, congetture mai dimostrate. Forse c'è qualcosa oltre quelle pareti bianche. Zoe chiude gli occhi e vede.

di Alessandro Casalini | Sillabe di Sale Editore | Thriller
ISBN 978-88-98303-71-7 | cartaceo 15,00€ Acquista


Giulia Mastrantoni
Da quattro anni collaboro all’inserto Scuola del Messaggero Veneto, scrivo per il mash up online SugarPulp e per la rivista dell’Università di Trieste Sconfinare.
Dopo aver trascorso un periodo in Inghilterra, ho iniziato un periodo di studi in Canada, ma, dovunque sia, scrivo.
Misteri di una notte d’estate, ed. Montag.
One Little Girl – From Italy to Canada, eBook selfpublished.
Veronica è mia, Pensi Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!