• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Il giardino irraggiungibile" di Caterina Saracino, recensione di Giulia Mastrantoni

Il-giardino-irraggiungibile-Caterina-Saracino-recensione

Il giardino irraggiungibile di Caterina Saracino, selfpublished, 2016. Un romance in cui gli opposti si attraggono e si respingono, storie d'amore etero e omosessuale tra giovani adulti, un vortice di emozioni e sensazioni.

Elia Dori è un pubblicitario che da bambino ha perso il suo fratello gemello, Zeno. Dopo aver tentato in tutti i modi di distruggere se stesso per sopperire al dolore della perdita, Elia ha deciso di prendere in mano le redini della sua vita
Insieme ad Andrea Simone ha aperto un’agenzia pubblicitaria nella quale i tre hanno investito e investono tutte le loro energie. Quasi tutte. Tutti e tre, infatti, hanno una spiccata passione per le avventure amorose.
Quando la strada di Simone incrocia quella della poco più che diciottenne Nina, anche quella di Elia si intreccia a quella di Sharbat, una bellissima ragazza dagli occhi impossibilmente affascinanti. Una situazione complicata che va a intricarsi ulteriormente quando si scopre che l’attuale compagna di Elia, Jenira Salvetti, è la professoressa di lettere di Sharbat.
Nel frattempo Giorgio, tirocinante in agenzia, inizia una storia con Andy, il cantante del gruppo in cui suona. Ma Andy non è propenso a rendere pubblica la cosa e, anzi, decide che Sharbat è una preda più che appetibile...
È a quel punto che Giorgio, sopraffatto dalla gelosia, inventa una bugia piccolissima. Minuscola quasi. Che avrà ripercussioni enormi.
Una storia d’amore, quella narrata in Il giardino irraggiungibile di Caterina Saracino, che segue le vicende amorose (e intricate) di una serie di personaggi. Un romanzo ben scritto, gradevole e scorrevole che si divora nell’arco di una serata.
La vera tematica attorno a cui ruota è il cambiamento. Quanto può cambiare una giovane donna che sta ancora cercando se stessa? Quando può cambiare un uomo per amore? In che modo è possibile sopravvivere alla perdita di qualcuno che ci è caro?
Una storia da leggere.

Il-giardino-irraggiungibile-libro

Il giardino irraggiungibile

Elia è un giovane uomo che ha dedicato la sua vita alla ricerca del piacere, e che ha sempre fuggito l'amore. Quando incontra Sharbat, una ragazza che sembra provenire da un altro pianeta, qualcosa dentro di sé comincia a cambiare.
Questo amore, però, è destinato a innescare un meccanismo fatale...

"Non potei fare a meno di osservarla, illuminata dalla luce antica del lampadario che pendeva al centro del tavolo. Aveva un piatto troppo carico, immaginavo che sarebbe riuscita a mangiarne metà.
- Sono venuto a farti una proposta, Sharbat.
Sollevò lo sguardo dalla forchetta già avvolta in un nido ordinato di spaghetti e scoprì i denti per sorridermi."

di Caterina Saracino | Selfpublished | Romance
ASIN B01FBRNAUI | ebook 1,99€ Acquista



Giulia Mastrantoni
Da quattro anni collaboro all’inserto Scuola del Messaggero Veneto, scrivo per il mash up online SugarPulp e per la rivista dell’Università di Trieste Sconfinare.
Dopo aver trascorso un periodo in Inghilterra, ho iniziato un periodo di studi in Canada, ma, dovunque sia, scrivo.
Misteri di una notte d’estate, ed. Montag.
One Little Girl – From Italy to Canada, eBook selfpublished.
Veronica è mia, Pensi Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...