• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Premio Nobel 2016, tra nomi previsti e qualche sorpresa, di Ornella Nalon

Nobel-2016

I premi Nobel 2016: da Yoshinori Ohsumi a Bob Dylan, tra i nomi previsti, anche qualche sorpresa. 

Ed eccoci, anche quest'anno, alla conclusione della premiazione Nobel.
Come ben sappiamo, tale premio viene assegnato, con cadenza annuale, a persone od organizzazioni di tutto il mondo che si sono distinte per il loro lavoro nei settori della medicina, della fisica, della chimica, dell’economia e della letteratura.
Brevi cenni sulle origini del premio, potrete trovarli nel mio precedente articolo (Totonobel, 5 probabili finalisti).

3 ottobre: viene assegnato dall'Università medica svedese Karolinska Institutet il premio per la medicina,  al biologo cellulare Yoshinori Ohsumi.

premio-nobel-medicina
Nato nel 1945 a Fukuoka, in Giappone, è professore presso il Tokyo Institute of Technology e dal 1988 segue il gruppo di ricerca che egli stesso ha fondato e dal quale è sorta l'importante scoperta che potrebbe combattere infezioni e tumori, da cui il rinomatissimo premio.
Gli studi di Oshumi hanno aperto la strada alla scoperta delle numerosi funzioni assolte dall'autofagia (il processo con cui una cellula degrada una parte di se stessa per riciclarne i componenti). Il processo è stato a lungo considerato legato solo alla morte cellulare programmata e solo negli ultimi anni gli studi su di esso hanno evidenziato che è coinvolto in un grandissimo numero di funzioni e di patologie. Le scoperte del nobel Oshumi, approfondendo questo aspetto, ha buone possibilità di condurre anche alla cura di tali malattie.

4 ottobre: l'Accademia reale svedese delle scienze ha assegnato il premio per la Fisica a tre studiosi britannici: David Thouless, Duncan Haldane e Michael Kosterlitz. 

premio-nobel-fisica

Le loro scoperte sul cambiamento di fase della materia, in particolari ai superconduttori, super fluidi e film magnetici, hanno spianato la strada alla progettazione di nuovi materiali con molte nuove proprietà. I servizi che potranno adottare le scoperte dei tre vincitori, riguardano principalmente nuove macchine quantistiche, ma soprattutto degli avveniristici computer quantistici. Staremo a vedere cosa ci prospetterà il futuro dell'hi-tech.

5 ottobre: l'Accademia reale svedese delle scienze ha assegnato il premio per la Chimica a Jean-Pierre Sauvage, Sir J. Fraser Stoddart e Bernard L. Feringa.

nobel-chimica-2016

Il riconoscimento è stato conferito ai tre ricercatori per "aver progettato e prodotto le macchine molecolari" (o nanomacchine), ovvero molecole in grado di effettuare dei compiti attraverso un input di energia e, quindi, per aver concepito "la più piccola macchina del mondo" studiando il movimento ''controllato'' delle molecole, aprendo la strada alla possibilità di realizzare dispositivi sempre più miniaturizzati, allo sviluppo di nuovi materiali, sensori e sistemi per l’immagazzinamento dell’energia.

7 ottobre: il Comitato per il Nobel della Norvegia ha assegnato al presidente colombiano Juan Manuel Santos il nobel per la Pace.

premio-nobel-pace
La motivazione del comitato è la seguente: 
Per il duro lavoro svolto e gli sforzi risoluti nel portare la pace nel suo paese.
In effetti, il 26 settembre 2016 il presidente era riuscito a ufficializzare un accordo di pace con il leader delle Farc che poneva fine a un conflitto della durata di oltre cinquant'anni. Tuttavia, appena qualche giorno dopo, l'accordo è stato rigettato dalla volontà del popolo colombiano, attraverso un referendum.
“Anche se l’accordo di pace è stato respinto nel referendum, i negoziati hanno portato il sanguinoso conflitto in modo significativo più vicino a una soluzione pacifica” ha commentato il Comitato, per poi continuare: 
Il premio deve essere visto anche come un omaggio al popolo colombiano che, nonostante le grandi difficoltà, non ha perso la speranza di una pace giusta, e a tutte le parti che hanno contribuito al processo di pace. Questo tributo è rivolto, non da ultimo, ai rappresentanti delle innumerevoli vittime della guerra civile...

10 ottobre: la Banca di Svezia ha assegnato il premio per l'Economia a Oliver Hart e Bengt Holmström per il loro contributo alla “teoria dei contratti”.

Oliver-Hart-Bengt-Holmström

La spiegazione della giuria al premio è la seguente:
Sviluppando la teoria dei contratti hanno creato uno schema esauriente per analizzare molte diverse problematiche dell’architettura contrattuale, come la retribuzione basata sulla performance per i top manager, le deduzioni e le coretribuzioni nelle assicurazioni e la privatizzazione delle attività del settore pubblico
Le economie moderne sono tenute insieme da innumerevoli contratti. I nuovi strumenti teorici creati da Hart e Holmström sono preziosi per la comprensione dei contratti e delle potenziali insidie nella progettazione di un contratto.

13 ottobre: l'Accademia di Svezia ha assegnato il nobel per la Letteratura al cantautore americano Bob Dylan.

Bob-Dylan

È la prima volta che viene premiato un cantautore, anche se Dylan fu proposto come candidato addirittura nel 1996 da un docente di letteratura motivando la sua proposta in questo modo: 
Per l'influenza che le sue canzoni e le sue liriche hanno avuto in tutto il mondo, elevando la musica a forma poetica contemporanea.
L'Accademia ha annunciato la premiazione con queste parole:
Per aver creato una nuova espressione poetica nell'ambito della tradizione della grande canzone americana.
Bob Dylan ( Robert Allen Zimmerman) è nato a Duluth (USA) nel 1941 e si fa risalire la sua carriera discografica al 1962. Cinquantaquattro anni di grande musica e di testi importanti, rimasti simbolo di un'epoca, che lo hanno consacrato come un gigante della cultura degli ultimi 50 anni.

I sei premi saranno consegnati il 10 dicembre, anniversario della morte del fondatore Alfred Nobel, avvenuta nel 1896.


Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, da 0111 Edizioni.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!