• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[GiroGiroTondo] “Il bacio della principessa” di Fernando Almena, recensione di Liliana Sghettini (narrativa per l'infanzia 5+)

recensione-Il-bacio-della-principessa-Fernando-Almena

Il bacio della principessa di Fernando Almena, illustrazioni da Ulrike Muller, Matilda Edizioni, 2016. Una fiaba orginale contro gli stereotipi delle principesse e del principe azzurro.

Care bambine e cari bambini oggi vi parlerò di una fiaba originale. Ma perché vi dico che è originale? Perché abbatte tutti gli “stereotipi”. Accidenti che parolaccia! Tranquilli adesso, insieme, cerchiamo di capire.
Uno stereotipo, cari bambini e bambine, è un concetto o modo di pensare che ripete passivamente un modello fisso. Stereotipato vuol dire ripetuto senza originalità. È come se la maestra vi chiedesse il vostro colore preferito e voi, senza badare ai vostri gusti, ne diceste uno a caso solo perché è lo stesso che tutti i compagni hanno detto prima di voi. Non vi sembra assurdo!? Ognuno di noi ha gusti diversi!
Ed ecco che questa fiaba è esattamente il contrario di uno stereotipo, è una storia che parla di un argomento già conosciuto, principi e principesse, ma è scritta in modo nuovo, originale, inaspettato. Sapete bene che ciascuno di noi è unico e per questo interessante, quindi non bisogna mai commettere l'errore di pensare che solo quello che siamo o pensiamo sia giusto e buono. Per migliorare e crescere, occorre, nel rispetto reciproco, ascoltare anche gli altri e conoscere l'altrui normalità.

Il-bacio-della-principessa

Il bacio della principessa

di Fernando Almena
illustrazioni di Ulrike Muller
Matilda Edizioni
cartaceo 8,00€  Acquista

Narrativa per ragazzi età consigliata 5+


In un regno molto lontano, abitavano due allegri sovrani di nome Rospo e Rospa. 

I due avevano una figlia di nome Rospina che beatamente saltellava tutto il giorno di sasso in sasso.
Era una brava figlia sebbene, di tanto in tanto, avesse dei battibecchi con i suoi genitori. La amavano più di ogni altro rospo al mondo anche se la figliola faceva delle richieste che non volevano proprio accontentare.
Che cosa avrà mai chiesto Rospina secondo voi? Volare forse sulla Luna? O conquistare l'intero pianeta Terra? Tutt'altro, la giovane ha semplicemente voluto avere una moto fiammante. Richiesta insolita, certo, ma perché non accontentarla? Erano forse preoccupati per la sua incolumità? Pensavano, ad esempio, che potesse fare dei pericolosi incidenti? Tutt'altro, Rospo e Rospa “semplicemente” volevano per lei un futuro preconfezionato e come da tradizione. Avrebbero voluto che cercasse un bel Rospo, possibilmente principe, e provvedesse, come è consono ad una regnante, a mettere al mondo un bell'erede al trono.
Insomma, i due sovrani avevano previsto tutto, ma proprio tutto per il futuro della loro amata figlia. Una cosa, però, non avevano previsto: Rospina aveva tutt'altri desideri da realizzare.
Accadde un giorno che i due sovrani comunicarono alla figlia che presto si sarebbe sposata, punto e basta! Rospina di tutta risposta disse che non c'era alcun principe rospo in tutto il regno e quindi non avrebbe potuto farlo, anche volendo. I due sovrani disperati si rivolsero a Rospente, il saggio della comunità che confermò la notizia secondo la quale un maleficio aveva imprigionato in un corpo umano, l'ultimo principe rospo rimasto. Accidenti che bel guaio, come avrebbero fatto a darlo in marito a Rospina?
Cari bambini, secondo voi, Rospina cederà alla volontà dei suoi genitori o inseguirà i suoi sogni di libertà? A voi la risposta dopo che avrete letto Il bacio della principessa” di Matilda Edizioni.

Liliana-Sghettini

Liliana Sghettini
Dottore Commercialista. Appassionata lettrice, si avvicina alla scrittura con alcune pubblicazioni di racconti brevi e scritti epistolari.
Impegnata nella scuola come rappresentante dei genitori, si interessa di pedagogia, didattica e psicologia.
Scrive recensioni, racconti, poesie e favole in compagnia di sua figlia, fonte inesauribile di ispirazione oltre che compagna di lettura.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...