• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Fattore Z" di Alessandro Casalini, recensione di Nicolò Maniscalco

Fattore-Z-Alessandro-Casalini-recensione

Fattore Z di Alessandro Casalini, Sillabe di sale, 2016. Una stanza chiusa, quattro personaggi e un contatore che scandisce un countdown, un thriller psicologico particolare.

"Fattore Z", di Alessandro Casalini, trae il nome da uno dei suoi quattro personaggi, Zoe, una malata terminale di AIDS che ha un dono particolare che sarà rivelato durante il confronto con gli altri tre personaggi: un pretePadre Sandro, con un passato tutto da decifrare, una rock starNick, sessodipendente e ormai sul viale del tramonto, e una scienziata in odore di Nobel, Pamela, detta Pam, bomba sexy con un corpo da maggiorata. 
I quattro sono rinchiusi in una stanza tutta bianca con un contatore a sei cifre che scandisce un countdown, lasciandoli ignari di ciò che succederà alla comparsa dello “zero”.
S’innesca subito una diatriba tra la scienziata e il teologo che sarà parte dominante del rapporto tra i quattro che vivono sotto la spada di Damocle del conto alla rovescia.
Ovviamente, solo alla fine del romanzo con il contattore arrivato allo zero, il lettore scoprirà l’epilogo. 
Non si tratta di un vero e proprio romanzo giallo, almeno non nell’accezione comune del termine, piuttosto lo definirei un thriller a sfondo psicologico ma, attenzione, nulla a che fare con il solito cliché dello stereotipato incontro di persone costrette in un luogo chiuso, perché la trama ha anche aspetti fantascientifici con dotte citazioni matematiche.
I racconti di vita dei quattro, fin dall’inizio, evidenziano le loro debolezze e le relative fragilità. I personaggi confessano segreti che mai, in altra situazione, avrebbero rivelato, fino a rivolgere reciprocamente una violenza inusitata; infatti, nonostante le loro problematiche e la situazione vissuta, la solidarietà è assente tra i quattro che mostrano il loro lato peggiore, fino a giungere a un finale imprevedibile.
È un romanzo consigliabile a tutti i lettori, in particolare agli amanti del mistero.

Fattore-Z

Fattore Z

Stanza bianca, quattro insoliti personaggi ed un contatore appeso al muro da cui prende vita uno strano conto alla rovescia. Sono Padre Sandro - un prete missionario alla disperata ricerca delle risposte che solamente la fede può dare, Nick - una ex rockstar oramai fusa di testa con evidenti problemi di sesso dipendenza, Pam - uno scienziato in odore di Nobel piena di sé con misure e curve da top model, ed infine Zoe - una malata terminale di AIDS. Questi gli improbabili compagni di viaggio catapultati all'interno di un mondo monocromatico scandito dal susseguirsi di numeri apparentemente senza senso. E' solamente un gioco, oppure un altro stupido reality show ? E se fosse un esperimento "psico-qualcosa" ?! Ne resterà solamente uno ?! Inutile continuare con domande senza risposta, così i quattro cominciano a raccontare se stessi gli uni agli altri, andando a scavare sempre più a fondo, e riportando alla luce vecchi scheletri nascosti in armadi oramai dimenticati. Il tempo passa, i ricordi affiorano, mentre i numeri marciano inesorabili verso lo zero. Con in passare delle ore qualcuno del gruppo si perde per strada. Zoe invece ha qualcosa di speciale. Lei sa vedere attraverso quell'apparente successione di numeri senza senso. Numeri Primi, Ipotesi di Riemann, congetture mai dimostrate. Forse c'è qualcosa oltre quelle pareti bianche. Zoe chiude gli occhi e vede.

di Alessandro Casalini | Sillabe di Sale Editore | Thriller
ISBN 978-88-98303-71-7 | cartaceo 15,00€ Acquista
Nicolò-Maniscalco

Nicolò Maniscalco
L'infinita quantità dei suoi hobbies li rende assolutamente non tutti elencabili, tra questi: l'Agility Dog, che pratica con i suoi amati Border Collie, e la lettura di libri e fumetti.
Dopo anni d’indecisione, inizia a scrivere un po' per gioco un po’ per mettersi alla prova.
Il Labirinto della Memoria, Zerounoundici Edizioni.
Nucleo operativo A5, Selfpublished.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!