• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Il sogno di Giulia" di Claudia Gerini, recensione di Silvia Pattarini

recensione-Il-sogno-d-Giulia-Claudia-Gerini

Il sogno di Giulia di Claudia Gerini, Lettere Animate, 2016. Emozioni positive, per una chiave di lettura solare come l’immagine di copertina.

Chi di voi non ha mai sognato di mollare tutto, cambiare vita e fuggire ai Caraibi?
È questo "il sogno di Giulia", la protagonista. L’intraprendente mamma decide di lasciare le poche certezze che offre l’Italia, raggiungere la sorella che già vive oltre oceano e reinventarsi una nuova vita partendo da capo.
Scelta coraggiosa, che la porta a non mollare mai e affrontare anche le avversità sempre con una buona dose di ottimismo. Infatti, la nuova vita nella Repubblica Dominicana non è solo mare cristallino e spiagge bianche lambite dal sole, palme con noci di cocco e ritmo del Caribe. In questa cornice caraibica, sapientemente dipinta con descrizioni da cartolina, Giulia deve affrontare i problemi quotidiani, scontrasi con una nuova realtà in un paese straniero, il che non è sempre facile.
Ma con il suo carattere solare, sempre positivo e una buona dose di fortuna, riuscirà a sconfiggere i problemi quotidiani e…
Non voglio svelare troppo, credo che l’autrice, l’esordiente Claudia Gerini, si meriti l’attenzione di tanti lettori. Ho apprezzato in particolare la descrizione dell’uragano ai Caraibi, ho sentito a pelle il terrore della protagonista, mi sono commossa cogliendo tra le righe l’amore di una mamma per i propri figli, ho percepito l’angoscia del distacco, ho scoperto la grande generosità di Giulia disponibile ad accogliere tanti bambini sfortunati. Un libro che ha saputo trasmettermi tante emozioni positive, una chiave di lettura solare come l’immagine di copertina.
Raccomandato a chi abbia voglia di abbandonarsi alle emozioni e sappia assaporare le cose belle che questa vita può offrire. Indicato come terapia d’urto per chi è molto stressato e ha bisogno di evadere, rilassandosi sognando i Caraibi: questo libro fresco e scorrevole si rivelerà una lettura piacevole e perfetta. 
Per concludere voglio citare una frase tratta dal libro, che mi è rimasta impressa:
In fondo, il paradiso è dove il cuore trova pace.

Il-sogno-di-Giulia-Claudia-Gerini-libro-cover

Il sogno di Giulia

La voglia di ricominciare a credere in qualcosa, il sogno di una vita, la determinazione e la forza di una donna. Tutto questo porta Giulia, quarantenne ormai disillusa della vita, il suo compagno, Bizio, e il figlio a mollare tutto per tentare la sorte. Dall'Italia in piena crisi economica ai Caraibi della Repubblica Dominicana, i tre raggiungono la sorella di Giulia, Sara, che lì si è stabilita. Un viaggio dall'altra parte del mondo, in un luogo così diverso da quello che fino ad allora era stato il suo mondo. Ma è proprio quando tutto sembra perso che ci si accorge che i sogni a volte diventano realtà.
Questo romanzo è legato a un altro: Giulia è la sorella di Sara, la protagonista di La notte delle stelle cadenti, di Valentina Gerini, Edizioni Lettere Animate. Il sogno di Giulia, tuttavia, non ne è un sequel né tanto meno un prequel. Si tratta di due storie intrecciate, narrate da due punti di vista differenti.

di Claudia Gerini | Lettere Animate | Romance, letteratura di viaggio
ASIN B01G4OMRU | ebook 1,49€ Acquista

Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...