• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "La Società Letteraria Sella di Lepre" di Pasi Ilmari Jääskeläinen, recensione di Davide Dotto


La Società Letteraria Sella di Lepre di Pasi Ilmari Jääskeläinen, Salani , 2014. Storia di un piccolo gruppo di scrittori e dei suoi segreti.

Sono molti e variegati i personaggi che incontriamo nel romanzo di Pasi Ilmari Jääskeläinen "Società Letteraria Sella di Lepre". Ella Milana è colei che tiene le fila del racconto, inoltrandosi in un vero labirinto dal quale potrà uscire a condizione che accetti di abitarlo e di espugnarne le profondità.
Nonostante le apparenze, Ella ha le doti necessarie per intraprendere l'inconsueto viaggio: è una lettrice compulsiva, ma non frettolosa, i libri li rilegge anche tre volte per meglio assimilarli.
Capiamo presto che se entra a far parte della Società Letteraria Sella di Lepre, è a ragion veduta e non basta l'invidia a soffocare l'aurea di rispetto che le è dovuta.
Nondimeno il sogno di una vita pone fin da subito alla prova l'adepta, cospargendo il cammino di invisibili tranelli e ingegnose macchinazioni. È quel che succede a seguito della scomparsa della fondatrice, nonché famosa scrittrice di libri per bambini:
In un lampo era svanito il suo fulgido futuro di scrittrice allieva di Laura Lumikko: critiche entusiastiche, interviste, contratti interessanti, premi e sovvenzioni. Soprattutto, metri di scaffali pieni di libri con il suo nome in copertina…
Non si può dire che le venga sbattuta la porta in faccia. Anzi, è stata chiusa ogni via d'uscita possibile. Il nuovo membro della Società Letteraria è invischiato nei suoi segreti e, al punto in cui si trova, tanto vale tentare di svelarli, conducendo una vera e propria indagine letteraria.

Cos'è la Società Letteraria Sella di Lepre

Non solo un ambito circolo i cui accoliti sono stati scelti con il contagocce nei primi anni dalla fondazione, sorta di semidei, promesse della letteratura, prodigi viventi. È una specie di Hogwarts per scrittori, o almeno lo era fino alla scomparsa di Laura Lumikko. Di lei rimane un ciclo di romanzi e uno strano manuale, un libretto dalla copertina di cuoio marrone che contiene le regole del gioco, un prezioso filo d'Arianna con dentro il Minotauro che costringe chiunque se ne serva a mettere a nudo il proprio lato oscuro. Che poi, a ben guardare, è il presupposto dell'arte della scrittura: quella di andare a fondo. Sembra una battuta banale, ma è questo l'arcano:
«Vuoi sapere come si scrive un romanzo? Ti rivelo un segreto: comincia dalla pagina uno e procedi fino alla fine.»
In definitiva in questa scuola non vi sono grammatiche, dizionari o prontuari. Non si accenna a tecniche di scrittura tradizionali. Se vi sono schemi o argini, essi vanno rotti affinché qualsiasi contenuto trabocchi, si espanda e sia raccolto da qualcun altro. Non è ammesso barare, indorare la pillola. È necessario interrogare il proprio abisso personale, in una reciproca sfida senza esclusioni di colpi. Non ci si deve accontentare nient'altro che della verità. Essa soltanto potrà riversarsi sulla pagina scritta. Quanto questo sia arduo (o impossibile) ce lo suggerisce Friedrich Nietzsche in Ecce homo:
Quanta verità può sopportare, quanta verità può osare un uomo? ... Ogni risultato, ogni passo avanti nella conoscenza è una conseguenza del coraggio, della durezza con se stessi, della pulizia con se stessi.

semidei-letteratura

Si tratta di un processo estenuante oltre che irreversibile, assai simile alle sedute psicoanalitiche: difficile seppellire di nuovo ciò che è stato portato alla luce.

Emerge una funzione paradossale della letteratura, che disvela se stessa rompendo argini, col rischio di mescolarsi alla realtà che è chiamata a rappresentare, contaminandosi. Cessa insomma di essere un semplice antidoto della multiformità, del caos e dell'incomunicabilità del reale. Ne è piuttosto testimone fedele.
«Il mondo è ciò che è così com’è. Sulle cose delle quali non si può parlare bisogna tacere...»
«L’uomo è una creatura complessa e opaca... Il compito di noi scrittori è studiare le persone, imparare a conoscere la loro vita. Dobbiamo solo ricordarci di mantenere una certa distanza per non perdere la visione d’insieme.»
Ecco. La stessa cosa la diceva, in altra maniera, Italo Calvino: per raccontare occorre una minima e invalicabile distanza, quasi un entrare e uscire da un'altra porta.
Un po' quello che ha fatto la misteriosa Laura Lumikko, vera deus ex machina di questa storia.

La Società Letteraria Sella di Lepre

Per Ella Milana, giovane supplente in una scuola superiore, diventare membro onorario della Società Letteraria Sella di Lepre è un riconoscimento straordinario, che equivale a entrare nella storia della letteratura. Ma si accorge presto che il piccolo gruppo di scrittori di cui fa finalmente parte nasconde misteri inquietanti: che fine ha fatto Laura Lumikko, la più famosa autrice di romanzi per ragazzi del mondo e fondatrice della Società Letteraria, inspiegabilmente scomparsa nel bel mezzo di una festa? Che cosa si nasconde dietro il minaccioso rituale noto come il Gioco? E soprattutto, perché la biblioteca di Sella di Lepre conserva edizioni di romanzi classici dal testo profondamente cambiato e dai protagonisti irriconoscibili? In uno stile che fonde ironia, mistero e surreale, La Società Letteraria Sella di Lepre è un’imprevedibile, emozionante caccia al tesoro, dove il tesoro è la verità celata nei libri. Una caccia che porta Ella a rischiare la vita – ma anche a interrogarsi sul significato del narrare, sul potere delle storie, e sul meraviglioso, perturbante ballo in maschera in cui ogni lettore si immerge ogni volta che sfoglia le pagine di un libro.

di Pasi Ilmari Jääskeläinen | Salani | Fantasy
ISBN 9788867159055 | cartaceo € 13,50 | ebook € 7,99 Acquista

Davide-Dotto

Davide Dotto
Sono nato a Terralba (OR) vivo nella provincia di Treviso e lavoro come impiegato presso un ente locale. Ho collaborato con Scrittevolmente, sono tra i redattori di Art-Litteram.com e curo il blog Ilnodoallapenna.com. Ho pubblicato una decina di racconti usciti in diverse antologie.
Il ponte delle Vivene, Ciesse Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...