• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Lotta di classe" di Mario Fillioley, recensione di Beatrice Rurini

Lotta-di-classe-Mario-Fillioley-recensione

Lotta di classe di Mario Fillioley, Minimun Fax, 2016. Un anno di insegnamento raccontato con sottile ironia, l'opera prima di un professore di scuola media che diverte e convince.

Anche i grandi scrittori leggono le opere prime; “Lotta di classe” è stato suggerito dal mio mito Diego De Silva e mi sembrava d'obbligo darci almeno un'occhiata.
Si tratta del diario romanzato di un anno di scuola a Terni di un giovane professore siciliano. Una trasferta che segna il passaggio da una scuola serale di periferia a una scuola media di piccole dimensioni situata in una cittadina dove più o meno tutti si conoscono e tutti sanno i fatti degli altri, ma senza l'arroganza e l'invadenza del vicinato pettegolo di cui era abituato.
Dopo aver letto con avidità questo libro non posso che farne una recensione positiva.
L'opera prima del giovane e talentuoso Mario Fillioley rappresenta, a mio parere, una prova superata a pieni voti, giusto per restare in tema scolastico. Le pagine scorrono veloci strappando non soltanto sorrisi ma, in alcuni casi, anche interessanti spunti per riflessioni a volte profonde.
Fillioley racconta un anno del suo insegnamento, in maniera semiseria, tra il diario e il romanzo, tra ricordi personali ed eventi immaginati.
Ogni volta che viene ­a ricevimento un padr­e io mi stupisco di q­uanto il padre non c’­entri niente coi figl­i, in pratica sono so­lo le madri che trasmettono il carattere e­ gli atteggiamenti, i­nsomma alla fine non ­è vero che siamo tutt­i come i nostri genit­ori: siamo tutti come­ le nostre madri.
Libro breve, godibile, a tratti ilare, non scontato, scritto con arguzia e partecipazione. Divertente, acuto, interessante per essere un'opera prima.


recensione-libro-lotta-di-classe

Lotta di classe

Cosa vuol dire stare in classe ai tempi della "buona scuola", delle lavagne multimediali e degli iPhone sotto il banco? 
Mario Fillioley ci porta dentro le aule, tra i corridoi durante la ricreazione, nelle stanze dei professori, e ci regala un fantasmagorico diario di un anno di scuola - il suo primo da docente di ruolo - in un istituto distante novecento chilometri da dove ha vissuto fino a quarant'anni. 
Da settembre a giugno si mescolano ricordi personali, la voglia di provare metodi nuovi, la paura di sbagliare e lo scetticismo verso chiunque pensi di avere in mano la soluzione su cosa voglia dire oggi educare. Ne viene fuori una commedia a metà tra Woody Alien, David Sedaris e Domenico Starnone, il cui protagonista è un professore sempre vicino ai ragazzi e alle loro storie, un impacciato detective in quella landa misteriosa e avvincente che è l'adolescenza. Ogni interrogazione, ogni gita, ogni circolare è il pretesto per una meravigliosa divagazione. Ogni lezione si trasforma in un racconto esilarante e talvolta malinconico su quello che infine è il senso profondo della scuola: diventare grandi insieme.

di Mario Fillioley | Minimun Fax | Biografia
ISBN 978-8875217495 | cartaceo 12,75€ | ebook 7,99€ Acquista

Beatrice-rurini

Beatrice Rurini
Del 1969, sono appassionata di lettura e musica sin da piccola. Ho conseguito la maturità magistrale (senza insegnare), studiato pianoforte e violoncello. Lavoro come restauratrice d'arte. Sono sposata con prole e, soffrendo d'insonnia, mi appoggio alla lettura per evitare di stare con le mani in mano.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!