• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Silenzi messaggeri" di Stefania Meneghella, recensione di Giulia Mastrantoni

Silenzi-messaggeri-Stefania-Meneghella-recensione

Silenzi messaggeri di Stefania Meneghella, Gruppo Albatros Il Filo, 2016. Jamie è ghiaccio, Schlomo è fuoco, li accomuna solo la solitudine.

È il 2004 e Jamie vive nel ghiaccio. La città è fredda, come pure il suo cuore. Tutto intorno, c’è silenzio. Non vuole e non sa ricordare, ma soprattutto ha paura. È spaventata da quella voce, è terrorizzata dall’idea di voltarsi indietro ed è intimidita dal mondo. La sua vita è nella neve. La sua neve non si scioglierà mai.
È il 1995 e Jamie ha diciannove anni. È distesa su un prato e scrive sul suo diario. Scrive cose che non può raccontare e parla di sentimenti che non sa capire. Jamie racconta della sua vita, delle emozioni che la travolgono e del dolore che già la avvolge.
È il 1996 e la sua vita cambia radicalmente.
È il 2004 e Schlomo vive nel fuoco, un fuoco così fiammeggiante da sembrare un inferno implacabile. Sogna di giorno e vive di notte. Non sa se sarà mai qualcosa di meglio di ciò che è attualmente, ma sa che non ha la forza di rialzarsi.
È il 1995 e Schlomo sta scrivendo a suo padre, perché non c’è più. È andato via troppo presto, lasciando un vuoto immenso. È andato via senza una ragione, così come tutti coloro che ci abbandonano.

Nel 1996, durante una sera d’estate, Jamie e Schlomo si incontrano. 

Sono entrambi un sogno, una benedizione e una condanna al silenzio. Un silenzio che non sa lenire né dimenticare. Si incontrano in un attimo e, in quel lasso di tempo infinito e invisibile, si riconoscono. Non credono nell’amore, non credono nella vita, non credono nelle parole. Ma credono l’uno nell’altra. 
Iniziano a scriversi lettere. Lettere brevi, fatte di silenzi e di riflessioni, di condivisione e di distacco. Si raccontano i primi pianti, le delusioni, la vita e l’amore che hanno perso. Si ritrovano simili e ugualmente persi.
Silenzi messaggeri di Stefania Meneghella è una storia scritta con il cuore. Poetica e sincera, parla di qualcosa che ci accomuna tutti: la solitudine. Quando il cuore ha freddo anche tutto il resto diventa neve e ghiaccio. Il mondo è grande e ruota intorno a qualcosa che non siamo noi, e questo ci spaventa. Ma esistono l’amore e il coraggio a salvarci dall’indifferenza. Esiste un destino fatto di connessioni e ricordi che può portarci in un luogo più felice, dove tutto può crescere e rigenerarsi.

recensione-libro-silenzi-messaggeri

Silenzi messaggeri

Jamie e Schlomo non si sono mai realmente incontrati: nessun contatto, nessuna parola detta, solo silenzio. Un silenzio dentro il quale ciascuno ha trovato la sua dimensione, il suo spazio per essere coraggiosamente sé stesso, per dimenticare o almeno ignorare per qualche istante quella voce che insistente lo richiama alla dura realtà. Schlomo suona il violino e le sue note, trasportate dal vento, arrivano ai polmoni di Jamie, che le respira e le trasforma in parole scritte. Ad unirli una corrispondenza di sentimenti, la consapevolezza che da qualche parte, in questo cosmo, l'altro esiste e tanto basta. Al di fuori di questa dimensione il mondo può essere crudele, come crudele è chi vi abita ed è capace di distruggere in un attimo l'innocenza di una bambina. Ma il mondo può anche essere tenero, come il volto di chi, nel momento più difficile, ti tende la mano, ti abbraccia e traccia la strada per un futuro migliore. Non resta che seguirla e, in un continuo cercarsi, provare a domare il caos e a restituire silenzio all'anima.

 di Stefania Meneghella | Gruppo Albatros Il Filo | Narrativa 
ISBN 978-8856777178 | ebook 9,49€ | cartaceo 10,47€ Acquista


Giulia Mastrantoni
Da quattro anni collaboro all’inserto Scuola del Messaggero Veneto, scrivo per il mash up online SugarPulp e per la rivista dell’Università di Trieste Sconfinare.
Dopo aver trascorso un periodo in Inghilterra, ho iniziato un periodo di studi in Canada, ma, dovunque sia, scrivo.
Misteri di una notte d’estate, ed. Montag.
One Little Girl – From Italy to Canada, eBook selfpublished.
Veronica è mia, Pensi Edizioni.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...