• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Professione lettore] 7 storie di violenza di genere, di Loriana Lucciarini

libri-violenza-donne

La battaglia contro il femminicidio si combatte anche con la cultura. Da Dacia Maraini a Serena Dandini, sette libri che raccontano di donne violate.

Il 25 novembre è la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, noi de Gli Scrittori della Porta Accanto abbiamo deciso di segnalarvi alcune letture interessanti sul tema e lo facciamo con una serie di brevi recensioni.
Prendete nota e... read it!

Ferite-a-morte

Ferite a morte

Serena Dandini, eclettico e divertente personaggio televisivo e teatrale, questa volta sveste i panni di conduttrice tv per diventarne narratrice di storie di vittime di violenza. È suo, infatti, questo volume.
Questo libro non racconta solo drammatiche storie di donne: in collaborazione con Maura Misiti approfondisce anche gli aspetti legislativi, sociali e di lavoro dei centri antiviolenza nel mondo, provando a analizzare il modo in cui ogni paese prova a arginare questo fenomeno complesso.
Da leggere perché: non è solo un bel libro ma sensibilizza sul tema, informando e fornendo dati importanti a documentazione.
Non mi spettava Luigi di Varese, ero stata già promessa a qualcun altro, per me era prevista un’altra storia, scritta da quando ero piccola, che non si poteva cancellare. Una storia che veniva da tanto lontano, dalla valle di Bamiyan, dove vivono ancora i miei nonni, ma i Buddha giganti di pietra non ci sono più, facevano paura ai talebani e li hanno abbattuti per sempre; anch’io facevo paura e non ero neanche un gigante.
Gliel’ho chiesto quella mattina: “Mamma, posso scrivermi un’altra storia?”. La invento da me, come i vestiti che so farmi da sola, quelli sbracciati, colorati, che metto di nascosto. Vorrei una storia così, con un finale diverso, dove ci sia pure il viaggio in motocicletta che voleva Luigi, su su, fino a Capo Nord, per scoprire le notti bianche che sono bianche proprio come l’alba chiara di Vasco.
E invece mi è rimasto solo l’arancione del melograno che fiorisce ogni primavera e fa frutti succosi, ricchi di semi rossi come il mio sangue.
di Serena Dandini | Rizzoli | Narrativa
ISBN 978-8817072342 | cartaceo 10,20€ Acquista | ebook 7,99€


I-due-volti-di-nuova-Delhi

I due volti di nuova Delhi

“I brevissimi” di Lettere Animate sono storie brevi da leggere tutte d’un fiato. In questo titolo viene narrata la violenza sessuale ai danni di una giovane ragazza indiana. La luce e il buio si contrappongono quali metafore di un destino crudele: la luce morbida dell'alba – simbolo della giovane protagonista che è pronta a dischiudersi al futuro prossimo che già ammalia con la sua bellezza e alla tenerezza dell'amore – viene inghiottita dal buio cupo della violenza e degli istinti più selvaggi.
La narrazione in punta di penna, sensibile e delicata da parte dell'Autrice, ci porta a un finale che ci impedisce di immaginare un futuro per i due sfortunati protagonisti che lasciamo annientati dalla violenza, mentre la luce del mattino lascia per sempre posto all'oscurità.
Da leggere perché: la brutalità che trasuda tra le pagine di questo racconto breve arriva fin nell'animo del lettore, lasciandolo attonito e sconcertato di fronte a un epilogo così violento. Ottimo esempio di letteratura di sensibilizzazione.

di Annarita Tranfici | Lettere Animate | Racconto breve
ASIN B00SM1WS22 | ebook 0,99€ Acquista


Ti-amo-anima-mia

Ti amo anima mia, una storia di violenza

Romanzo autobiografico e testimonianza coraggiosa di una donna che ritrova la forza per riappropriarsi della propria vita, o di quel che ne è rimasto.
Una vita devastata nei sogni, nelle aspettative.
Una quotidianità fatta di sofferenza e vessazioni psicologiche.
Una storia che parla anche di amore, ma di quello sbagliato però; di quel sentimento proteso verso il proprio uomo, unico e incondizionato, disposto a perdonare sempre; di quell'amore protetto, curato e idealizzato, che si trasforma in altro e che disgrega l'animo di chi in esso vi aveva riposto i propri sogni.
Questa è la storia di Najaa, che si ritrova ad affogare nel mare di brutalità, bugie e aspettative disilluse, mentre annaspa in cerca di felicità e di una sé stessa che sembra non esserci più, annientata dalla violenza dell'uomo che fino a poco tempo prima le aveva sussurrato promesse d'amore...
Ben scritto e ben approfondito nell'aspetto psicologico dei protagonisti questo romanzo va letto perché la violenza psicologica, che rischia di sfociare in abuso fisico, è un problema sociale e coinvolge ognuno di noi, spesso anche negli affetti più vicini.

di Najiaa | Edizioni Psiconline | Narrativa non-fiction
ISBN 978-8898037537 | ebook 4,99€ Acquista | cartaceo 11,90€


Una-normale-strana-vita

Una normale strana vita

La storia di Bianca è quella di tante altre donne: per troppo amore viene trascinata in una spirale di oppressione psicologica che il suo compagno di vita le impone. Ma quando arriva anche la violenza fisica, che la travolge in modo inesorabile e crudele, per Bianca giunge il momento dell'assunzione di consapevolezza. La verità è evidente di fronte a lei e a nulla possono gli inganni a cui ha sempre creduto. Il “va tutto bene” si mostra per quello che realmente è.
Bianca comprende che deve sottrarsi a tutto questo, così parte e ritrova se stessa in un viaggio doloroso e arduo, che le offrirà una nuova consapevolezza, grazie alla quale riuscirà a rompere le catene che la tenevano ancora legata a un rapporto malato, per riuscire ad abbracciare un futuro diverso, fortemente voluto, faticosamente rincorso e che finalmente arriva, con tutta la sua splendida luce.
Da leggere perché: l’autrice affronta l'attuale argomento della violenza sulle donne descrivendo il percorso di oppressione psicologica in modo lucido e approfondito.
L’unica certezza è che lo desidero forse di più di tutte le altre volte. Lo desidero perché credevo di averlo perso e invece è qui, non importa se mi sta facendo male, ho bisogno di sapere che va tutto bene e che siamo ancora un noi. Mi basta averlo qui per cancellare i dubbi e le perplessità, per il resto troveremo una soluzione, magari qualche balla me l’avrà raccontata, ma alla fine non può fare a meno di me. Gli sono entrata nel sangue come lui a me.

di Arianna Berna | Selfpublished | Narrativa
ISBN 978-1523815418 | cartaceo 7,19€ | ebook 0,99€ Acquista


Vorrei-camminare-come-fanno-i-bambini

Vorrei camminare come fanno i bambini

Un romanzo bello e intenso, dove la protagonista è Gloria, una giovane donna che incontriamo in un momento speciale della sua vita: è una neomamma felice, amorevole e presente verso sua figlia.
Gloria ha dolorosi ricordi di un passato che a stento è riuscita a dimenticare. Gloria è segnata nell'animo dalle profonde ferite che il rapporto conflittuale con sua madre le ha inferto. Gloria è scossa da continui attacchi di panico che l'annientano, impedendole di vivere davvero. Ma adesso che Gloria è madre sa che sarà tutto diverso: l’amore che la lega a sua figlia è totale e assoluto e la giovane donna sa che le occorrerà tutta la sua forza per non permettere al passato, alle ferite e a ciò che ha vissuto di riversarsi su sua figlia. Deve proteggerla!
Sarà questa la molla che spingerà la donna a vincere e affrontare i suoi problemi, percorrendo a passi faticosi il suo nuovo presente con la determinazione a vivere in modo appagante. Per farlo dovrà andare a fondo dentro se stessa, per dare un senso ai sogni inquietanti che l'angosciano e far riemergere un segreto dimenticato che sarà la chiave di volta che le permetterà di liberarsi del peso opprimente di una colpa non sua, della quale è solo e soltanto vittima.
Da leggere perché: l'abuso è il nodo centrale della vicenda ma rimane nascosto, non svelato, latente nella coscienza. Per quasi tutto il romanzo si trattano principalmente le conseguenze psicologiche legate ad esso e soltanto nel finale la violenza emerge in tutta la sua brutalità, come punto focale di svolta.

di Giovanna Avignoni | Youcanprint | Narrativa
ISBN 978-8893069960 | cartaceo 12,75€ Acquista


Cristallo

Cristallo

Cristallo è un romanzo autobiografico che racconta lunghi anni passati/subiti accanto a un uomo manipolatore e crudele.
Vera, la protagonista, vive la tortura quotidiana di uno stillicidio psicologico continuo che, inesorabilmente, la disintegra in mille pezzi, nel carattere, nella voglia di vivere, nella propria sicurezza e autostima. Perché Vera, purtroppo, non è quella che Vittorio vuole, non riesce a essere all'altezza, è imperfetta, sbagliata, inutile.
L'isolamento, una delle armi che gli stalker utilizzano per rendere inermi le vittime, è la catena che la tiene prigioniera: lei, che sola non è e che ha una famiglia che le vuole bene, viene lentamente allontanata dai suoi cari, e precipita nella vergogna: colpevolizzandosi per non reagire e sentendosi complice del suo aguzzino, nonché responsabile di ciò che subisce.
Così, anche se Vera è consapevole di essere vittima di un amore malato, la debole ribellione che mette in campo dura sempre troppo poco. La ragazza alla fine cede sempre alle lusinghe del suo uomo e al bisogno di averlo accanto e torna a essere di nuovo vittima inerme della furia di sopraffazione psicologica in cui la getta il suo partner.
Perché? Perché Vittorio è la sua droga, non ne può fare a meno, non è in grado di resistergli. Questa spirale distruttiva proseguirà per anni fino a quando, però, qualcosa spezzerà la routine e allora, per Vera, si prospetterà la possibilità di afferrare una nuova vita, diversa e appagante...
Da leggere perché: dà speranza. Vera si libera e rinasce, riprendendo in mano la propria esistenza, riuscendo ad abbracciarsi forte e a perdonarsi per gli errori e la fragilità del passato. Un messaggio importante per molte donne che stanno vivendo la stessa drammatica realtà e che faticano a vedere una via d’uscita.

di Federica D'Ascani | Selfpublished | Narrativa non-fiction
ebook 2,49€ Acquista | cartaceo 6,01€


Passi-affrettati

Passi affrettati

Libro-documento a testimonianza di storie di donne vittime di abusi e violenze: sette donne, sette destini diversi, in sette paesi del globo. Unico fattore comune: la violenza in ambito domestico, dove padri, madri, parenti si trasformano in spietati aguzzini.
Le storie di Lhakpa, Aisha, Civita, Juliette, Amina, Teresa e Viollca ci trascinano dentro l'incubo, narrandolo con semplicità e senza forzature emotive, con un atto di lucida accusa contro la violenza perpetrata ai danni delle donne.
Breve, conciso, diretto come un colpo al cuore, tanto imperativo nel costringere a non staccare gli occhi dalle parole, genera emozioni tanto profonde quanto permanenti.
Da leggere perché: per capire, per sentire, per indignarsi, per non chiudere gli occhi o far finta di niente.
Non riesco a dormire. Forse sono morta e il mio corpo e la mia mente stanno diventando parte di un infinito paesaggio roccioso. Ma qualcosa mi riporta alla vita. È il pianto insistito di Cate. Mi tappo le orecchie con le mani e sprofondo in un gelido sonno minerale.

di Dacia Maraini | Perrone | Narrativa non-fiction
ISBN 978-8860043948 | cartaceo 8,50€ Acquista


Loriana Lucciarini
Impiegata di professione, scrittrice per passione. Spazia tra poesia e narrativa. Molte pubblicazioni self e un romanzo “Il Cielo d'Inghilterra” con Arpeggio Libero. E' l'ideatrice e curatrice delle due antologie solidali per Arpeggio Libero, la prima di favole per Emergency “Di favole e di gioia” nonché autrice con la fiaba “Si può volare senza ali” e la seconda di “4 Petali Rossi – frammenti di storie spezzate”, racconti contro il femminicidio per BeFree. E' fondatrice e admin di “Magla-l'isola del libro”

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...