• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Il sogno di Giulia" di Claudia Gerini, recensione di Ornella Nalon

Il-sogno-di-Giulia-Claudia-Gerini-recensione

Il sogno di Giulia, di Claudia Gerini, Lettere Animate, 2016. Una bella favola, realistica e probabile, una donna che molla tutto e insegue i suoi sogni all'altro capo del mondo. 

Chi non ha mai pensato, almeno una sola volta, di mollare tutto e andare a rifarsi una vita all'altro capo del mondo? La protagonista del romanzo di Claudia Gerini l'ha fatto.
Giulia non era pienamente soddisfatta del suo vivere in Italia e desiderava raggiungere la sorella ai Caraibi. Non era stato del tutto semplice organizzare il viaggio, lasciare i genitori e accordarsi con l'ex marito per l'affido del loro figlio, ma alla fine, il suo sogno è diventato realtà.
Con al seguito il compagno Bizio, il suo ragazzino Andrea, due valigie colme di abiti leggeri e il cuore pieno di aspettative, arriva a Santo Domingo, dove il sole abbagliante è già di per sé una promessa di benessere. Poi, la vista delle palme, delle acque limpide del Mar dei Caraibi e della sabbia sottile e candida da sembrare borotalco, sembra confermarle che la sua scelta è stata assennata e riesce a vincere anche gli ultimi dubbi.
Tuttavia, trascorsi i primi giorni di entusiasmo, deve fare i conti con il problema di trovare una sistemazione per sé e la famiglia e un lavoro che li possa mantenere. L'ospitalità della sorella e del cognato è stata offerta con generosità e si è rivelata preziosa, ma non può certo durare in eterno.
La fortuna sembra assistere Giulia e Bizio e ben presto riescono a trovare entrambi un'occupazione: fotografo nelle escursioni turistiche per lui e domestica in una villa di una dolce vecchietta per lei. Quest'ultima, una volta presa in simpatia Giulia, le offre anche la dependance come abitazione. 
Certo, i lavori non sono altamente gratificanti e li tengono molto occupati, ma finché non si troverà di meglio se li dovranno far bastare. 
Erano ai Caraibi e non riuscivano a trovare il tempo per andare in spiaggia. Ah! Se qualcuno glielo avesse detto quando era in Italia, al freddo, non ci avrebbe di certo creduto! 
A chi vuole sapere se  Il sogno di Giulia si avveri in toto oppure si riveli soltanto un'ulteriore delusione, non spetta che leggere il libro che, tra l'altro, si presta a una veloce lettura grazie al suo contenuto lieve e allo stile fluente dell'autrice.


Per chi non lo sapesse, Claudia Gerini è sorella di Valentina che, a sua volta, è autrice di “Volevo un marito nero” e di “La notte delle stelle cadenti” ambientati ai Caraibi. 

Praticamente, il libro di Claudia si ricollega a entrambe le narrazioni della sorella, riportando i loro protagonisti, questa volta come personaggi di contorno, e proponendo il suo punto di vista e il suo sentire all'esperienza dell'espatrio in quei luoghi incantevoli. 
Devo dire che ho trovato davvero simpatica e originale questa sorta di sidequel, ma scritto con mani diverse, anche se ho notato una certa comunanza negli stili delle due sorelle/autrici. Anche Claudia, nello scrivere, esprime semplicità, nell'accezione che riconduce alla genuinità e non certo alla banalità, anche lei pare entusiasta e innamorata della vita e dell'amore e riesce a trasmetterlo. E anche il suo romanzo è una bella favola, non di quelle del tutto improbabili, ma ben legate a una realtà non sempre del tutto facile. E come tutte le favole che si rispettino, la morale esiste. Come sempre è una verità che sta sotto gli occhi di tutti, ma ogni tanto è necessario che qualcuno che ce la ricordi: “In fondo il paradiso era dove il cuore trova pace”
Consiglio questo libro in alternanza a qualche lettura impegnativa, quando si ha desiderio di evasione e leggerezza o quando il reale sta prendendo il sopravvento sui propri sogni.

Il sogno di Giulia

La voglia di ricominciare a credere e sperare in qualcosa, il sogno di una vita, la determinazione e la forza di una donna. 
Tutto questo porta Giulia, quarantenne ormai disillusa della vita nella sua adorata Italia, il suo compagno Bizio e il figlio, a mollare tutto per tentare la sorte. 
Dall'Italia in piena crisi economica ai Caraibi della Repubblica Dominicana. Un viaggio dall'altra parte del mondo, in un luogo così diverso da quello che fino a quel momento era stato il suo mondo. 
Il cambiamento non è facile, è tutto nuovo laggiù. E proprio quando tutto sembra perso ci si accorge che, a volte, i sogni diventano realtà.




di Claudia Gerini | Lettere Animate | Romance, Letteratura di viaggio
ASIN B01G4LOMRU | ebook 1,99€ | cartaceo 8,99€ Acquista


Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, da 0111 Edizioni.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!