• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Il tempo senza ore" di Luca Favaro: una struggente storia d'amore, sacrificio, devozione

Il-tempo-senza-ore

Il tempo senza ore

di Luca Favaro
Nulla Die Edizioni
Narrativa
ISBN 978-8869150241
cartaceo 17,00€ | Acquista

Marco Galeotto, alla soglia dei cinquant'anni, è un apprezzato maestro di musica e brillante direttore di coro. La sua carriera è all'apice, fino al giorno in cui strane e indecifrabili amnesie cominciano a turbare la sua quotidianità. 
Una storia struggente, sulla malattia, sul caos che determina non solo in chi ne è affetto, ma altresì in coloro che devono sobbarcarsi l'onere dell'assistenza, spesso abbandonati a se stessi, tanto dai parenti quanto dalle Istituzioni. 
Una storia d'amore, inteso non soltanto come passione, ma soprattutto come sacrificio e devozione, valori oggi grandemente dimenticati. 
Un romanzo che s'incide sottopelle, ricordandoci quant'è labile la linea che divide sanità e malattia, invitandoci dunque a godere appieno del tempo che ci è concesso.

Il libro è divulgato dalla rappresentazione teatrale da cui è stato tratto. Al momento la "tournèe" è ferma, riprenderà a gennaio 2017.

Agguantò la mazza da baseball appesa al muro che gli aveva regalato uno dei suoi allievi. L'aveva sempre considerato un regalo insulso per un musicista, ma in quel momento gli tornò utile per percuotere con violenza muri e suppellettili. In preda a un eccesso di rabbia, brandì la mazza a destra e a manca senza controllo, avvertendo il rumore del legno dei mobili che si rompeva. Lanciò un altro grido pieno di collera. Doveva essere lui a fare a pezzi la sua vita insulsa, non il male. Si arrestò di colpo. La cuccia di Dock. No. Quella era sacra, non si toccava.
"Amore! Mio Dio! Cos'è successo?". Margot, col gli occhi spalancati che esprimevano un qualcosa che andava oltre lo spavento e lo sconcerto, gli stava davanti.
"Ecco... io... io... non voglio morire!"


L'AUTORE


Luca-Favaro
Luca Favaro vive a Breda di Piave in provincia di Treviso. Sposato, due figli, lavora come infermiere dal 1990. Grande appassionato di musica, canta nel coro Gospel Sonoria e nel coro della parrocchia. i Giovanidentro. È attivo nel volontariato in vari ambiti, dalla disabilità all'ambito parrocchiale.
Nel 2009 ha pubblicato il suo primo libro di racconti, "Il sole in una lacrima", storie vere di ammalati conosciuti durante i suoi primi vent'anni di carriera infermieristica. Il libro, finalista al premio letterario "Il saggio", è stato ristampato in una seconda edizione con una copertina diversa. Oltre a questo ha pubblicato vari altri racconti in varie antologie, nonché la raccolta "Ti ho visto" per la casa editrice La gru.
"Il tempo senza ore" (Nulla die, 2015), è il suo primo romanzo. Candidato al Campiello 2016, si è piazzato al terzo posto al premio letterario "Io scrivo" e ha vinto il Premio d'Onore della giuria del IBRSC di Belluno. Da "Il tempo senza ore" è stato tratto uno spettacolo teatrale, in parte recitato, in parte costituito da una sorta di lettura animata.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!