• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Il volo di Matteo" di Eugenio De Marco, recensione di Elena Genero Santoro

Il-volo-di-Matteo-Eugenio-De-Marco-recensione

Il volo di Matteo di Eugenio De Marco, PubMe, 2016. La storia di Matteo e del suo ingresso nel mondo adulto. Attraverso una chat.

Questa è storia di Matteo e del suo ingresso nel mondo adulto.
In realtà Matteo non è un ragazzino, ma un uomo estremamente timido al punto da non aver mai avuto una relazione e nemmeno un rapporto sessuale. Finché non scopre un modo in cui riesce ad essere se stesso senza doversi nascondere: la chat
Solo dietro a una tastiera riesce a rivelare di sé. E così, come a volte capita, quando finalmente inizia a schiudersi, a uscire dal guscio, conosce non una ma due donne. Perché quando si è in uno stato di grazia e nella giusta disposizione d’animo, le occasioni, inaspettatamente, arrivano in abbondanza. 
La prima è Giorgia, una collega con la quale Matteo intreccia una tenera amicizia. La seconda è Valeria, con cui intraprende una relazione virtuale e con la quale si approccia al sesso attraverso la telecamera. Alla fine però, solo uno dei due sarà il vero amore.
Il romanzo è delicato e descrive un personaggio credibile e umano in tutte le debolezze. Attuale il tema dell’amore in chat e del coraggio che certe persone manifestano solo quando sono coperte dall’anonimato o quando hanno la sensazione di potersi defilare e sparire in qualunque momento. 
Perché alla fine la domanda è: può essere vero amore una relazione intrecciata a distanza, senza aver mai incontrato l’altra persona? 
Anche se il partner è sincero, si può dire di conoscerlo davvero, nel profondo, pur senza averlo mai visto dal vivo, annusato, toccato? 
Bastano le parole? O ci vuole un contatto diverso?
"Il volo di Matteo" di Eugenio De Marco è una storia gradevole, sentimentale, introspettiva, che ho apprezzato sinceramente. Struggente fino alle lacrime la scena della morte della madre. Per questo autore un ottimo inizio con questo romanzo d’esordio.

Il volo di Matteo

Il volo di Matteo è una storia semplice di vita dove un ragazzo diventa uomo e si apre alla vita e alle altre persone partendo da un avvenimento triste che lo segna ma contemporaneamente da inizio a una nuova fase della sua esistenza. 
In questo periodo di tempo acquisterà una maggior consapevolezza di se e del suo valore scoprendo anche la bellezza dei rapporti umani superando ansie e timidezza che lo bloccano anche nei rapporti col mondo femminile. 
Una piccola storia dove si può trovare uno sguardo delicato e sensibile al tema della timidezza.



di Eugenio De Marco | PubMe | Narrativa
ISBN 978-8894813098 | cartaceo 12,50€ | ebook 3,49€ Acquista

gli-scrittori-della-porta-accanto

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.
Immagina di aver sognato, PubGold.
SCHEDA DELL'AUTORE

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!