• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Ti aspetto" di Samantha Terrasi, pagina 69 #64

Ti-aspetto-Samantha-Terrasi-pagina69

Ti aspetto di Samantha Terrasi, Lupo Editore, 2014. Una storia d'amore e d'amicizia, vite che si sfiorano, s’incrociano, vite solitarie. Vite che vivono di amori, paure, rimpianti, bugie, dubbi, attese.

272 pagine | cartaceo 12,75€  Acquista 

Un sms, il display, dice Stella Nina: Il caffè chi me lo deve portare, l’astronave???? Nina.
Michele corre al bar e la trova con il cellulare in mano. Le arriva da dietro, le chiude gli occhi e le bacia la nuca.
Nina pensa sia un film e si gode quel sole che ha il sapore di un caffè sorridente. Michele si siede e ordinano due caffè.
«Raccontamiun po’ di te».
Michele la guarda tutta.
«Beh, non c’è molto da dire... Abito con mia nonna e mio padre che è un Fisico, sono al secondo anno della Facoltà di Fisica e ho tanti progetti da realizzare. Il primo anno ho fatto cinque esami e quest’anno voglio finire tutti gli esami del primo semestre in tempo per Febbraio... Ho realizzato una parte di un seminario importante e mi si è aperta una porta. Sto studiando per laurearmi con 110 e lode e così andrò in America, come vuole mio padre».
Michele la osserva e non capisce da che parte guardarla... Gli sembra fuori dal mondo.
«Nina, sei così sicura che la tua vita andrà così?».

«Sì, perché?».
«Perché la vita è un continuo cambiamento di direzione, non puoi sapere cosa farai dopo la laurea, potresti conoscere un ragazzo e magari fuggire con lui».
«Mio padre mi vuole in America e non voglio deluderlo».
«Nina, ma tu cosa vuoi?».
Nessuno le ha mai chiesto questo.
«In che senso, Michele? In che senso?».
«Nel senso...Non hai un sogno, tipo diventare ballerina, studiare russo, fare l’amore in ascensore?».
Nina arrossisce e lo guarda negli occhi.
«Beh, non penso siano sogni...».
«Nina, ma tu non sogni mai?».
Nina vorrebbe dire Sogno te... Ma forse è troppo presto. Arrossisce e Michele capisce...
«Beh,facciamo così, ora hai incontrato l’uomo che ti farà sognare... Ci stai, Nina?».
Nina rimane sempre con i piedi per terra.
«Possiamo fare un esperimento... Michele».
Quella ragazza lo prende tantissimo.
«Ci vediamo domani alla stessa ora? Che dici, cara? Così sogniamo insieme...».
Michele si alza e le dà un bacio in fronte.

~ 69 ~

Quarta di copertina
"Ti aspetto" di Samantha Terrasi.

Nina e Michele sono alla ricerca della felicità e dell'amore perfetto, che arriveranno persino a sfiorare. Lei studentessa di Fisica, che ha sacrificato i suoi sogni per quelli del padre; lui ricercatore universitario, attraente ma leggero: le loro esistenze si incroceranno sotto il diapason di una stella, in un breve ma infinito frangente.
"Ti aspetto" stabilisce per folgorazioni narrative la sequenza di un destino paradossale: aver sfiorato la gioia senza accorgersene, averla avuta dimenticandosene, possederla abbandonandola.

Leggi le altre pagine 69:


About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!