• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[People] Francesco Simone, il Poeta delle Meraviglie, il personal trainer delle donne "in forma con le forme", intervista di Claudia Gerini

Francesco-Simone-il-Poeta-delle-Meraviglie

Poeta, personal trainer, Francesco Simone si impegna nella diffusione di un importante messaggio per le donne: si può essere belle e in salute indipendentemente dalle forme.

Mi sono imbattuta in Francesco Simone per caso in internet, precisamente su Facebook, il noto social network che ormai accompagna incessantemente le nostre giornate e, a volte e per qualcuno, nottate. Sempre per caso, ho iniziato a seguire le sue iniziative e le sue idee e ho pensato che in giro difficilmente ci siano personaggi di questo tipo. Mi spiego meglio: Francesco Simone, salentino ma ormai trapiantato a Pisa da anni, è una di quelle persone che non ti aspetti. A prima vista la cosa che più salta agli occhi è il fisico scultoreo, e uno che fa palestra tutti i giorni non può non averlo. Ma sbirciando sulla sua pagina personale, si capisce che non sia certo uno tutto muscoli e basta. Infatti, oltre a frequentare il mondo della palestra per lavoro che fa, Francesco scrive. Ed è per questo che mi sono incuriosita.

Francesco-SimoneCiao Francesco, benvenuto tra Gli scrittori della porta accanto. Per prima cosa presentati ai nostri lettori: chi sei, cosa fai nella vita?
Sono un personal trainer, un presenter nazionale di fitness coreografico e un consulente tecnico per centri fitness 

So che oltre al tuo lavoro hai un'altra passione: quale? Come nasce? 
Ho la passione della scrittura. Scrivo racconti, poesie, pensieri, aforismi, "flash" emotivi. Nasce come esigenza quasi vitale di esprimere i miei bisogni, le mie ansie e tensioni, tutto ciò che è irrisolto o chiuso in un angolo. Scrivere è per me terapeutico e quasi... catartico. Credo nell'interconnessione imprescindibile e inscindibile tra mente e corpo. Credo che una gratificazione emotiva che passa da una condivisione di pensieri, racconti, poesie possa aiutare i miei assistiti ad avere un rapporto più empatico ed efficace con me e gestire più efficacemente il proprio percorso salute.

La tua pagina Facebook si chiama il Poeta delle Meraviglie, perché ti sei definito così?
In realtà, quando ho dato il nome al gruppo Facebook, prima, e alla fan page, in seguito, non ho pensato ad una autodefinizione ma a un concetto generale. Sono partito da un pensiero che mi ha colpito molto:
La vita non è che la continua meraviglia di esistere.
Rabindranath Tagore
Aggiungo io:
Ognuno di noi ne sia il poeta.
Meravigliate e meravigliatevi, scavate dentro il vostro Paese delle Meraviglie. Perché ognuno di noi ha il suo. Ed è quanto di più prezioso e inviolabile esista. Nel Paese delle meraviglie c'è solo Luce, che proietta le ombre del reale.

Quando trovi il tempo di scrivere? 
Sempre, appena ne sento il bisogno. Butto giù sul cellulare, sul pc o semplice vecchio classico foglio di carta ciò che mi arriva e traduco in parole immediatamente.

Tra i tuoi progetti e iniziative ce n'è anche una che si rivolge alle donne: "In forma con le forme".

In-forma-con-le-forme 
Di cosa si tratta?
È un mio progetto professionale che ha come punti chiave in primis la Salute per se stesse, scevra da standard numerici, taglie, chili, centimetri o quant'altro possa "formattare" il percorso salute di una donna. Il secondo punto chiave è l'armonia delle forme. Si può essere belle in salute con le proprie forme, adottando uno stile di vita sano basato su alimentazione e allenamento. In forma con le forme si può? Sì, e si deve, aggiungo io. Per se stessi e per scoprirsi bella ogni giorno che passa. Come dico io in un mio pensiero:
La donna è una meravigliosa armonia tra spigoli del suo carattere e curve del proprio corpo.
Grazie per la tua disponibilità e per averci dedicato un po' del tuo tempo. 
Grazie a te per lo spazio dedicato e per l'attenzione.


Per chi volesse informazioni, lasciamo qua il suo contatto: la sua pagina Facebook ufficiale #InFormaConLeForme.
Io e Francesco abbiamo in comune una passione, la scrittura.
È sicuramente una cosa che parte dal cuore e ti attraversa la testa e che sente il bisogno di uscire. Si scrive per sé stessi ma si scrive anche per gli altri. Per trasmettere emozioni e per emozionarsi a nostra volta.
L'altra passione di Francesco dovrei invece cercare di metterla in pratica più spesso! L'amore per se stesse e per il proprio essere, accettare quello che siamo per vivere in armonia, anche magari con qualche curva in più, ma consapevoli del potenziale che possiamo essere. Se come me vi siete incuriosite, non vi resta che iniziare a seguire i suoi consigli, sempre tra una lettura e l'altra, si intende!


Claudia Gerini
Claudia Gerini nasce a Pontedera negli anni ’70. Completa il liceo linguistico e collabora saltuariamente con un’importante testata giornalistica. Poi abbandona gli studi e le passioni per un impiego fisso. Da più di 15 anni infatti lavora nel reparto gastronomia di un supermercato. Adora la sua famiglia ed è ciò a cui si è ispirata per scrivere questo suo primo romanzo.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...