• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] Elle Ramazzaglia presenta la sua saga "Il matrimonio", nell'intervista di Elena Genero Santoro

saga-eros-romance

In anteprima Il matrimonio, di Elle Ramazzaglia. Una saga tra eros e sentimento, una storia d’amore intensa e passionale.




IL MATRIMONIO
APPARENZA E REALTÀ
Elle Ramazzaglia
Cavinato Editore;
Romance Erotico
ISBN 978-8869822711
cartaceo 21,25€ 
ebook 5,99€

Giorgia è una giovane donna che all’apparenza ha tutto: un marito, una solida posizione economica, una bella casa. La sua vita scorre serena e tranquilla, in una confortante quotidianità in cui non sono ammessi dubbi o distrazioni. Questa placida e rassicurante routine è improvvisamente interrotta dall’incontro casuale con Leo, un uomo bellissimo e affascinante che si innamora di lei al primo sguardo. Nonostante Giorgia cerchi di tenere a distanza quest’uomo misterioso piombato senza invito nella sua vita, il corteggiamento serrato di Leo inizia ad aprire dei varchi nella solida realtà che lei stessa si è costruita, spingendola a mettere in discussione ogni aspetto della sua esistenza. Grazie a Leo, Giorgia inizia un percorso interiore che la spinge a interrogarsi sulla sua reale felicità e sul significato stesso dell’amore, e a confrontarsi con i suoi veri desideri, primo fra tutti il desiderio di maternità, accantonato per compiacere un marito forse troppo egoista o disattento verso le sue reali esigenze. Attraverso l’incontro con Leo, Giorgia riscopre se stessa: la sua femminilità sopita, la sua passionalità pronta a esplodere, i suoi bisogni – dell’anima e del corpo – finalmente appagati da un amore caldo e travolgente.


IL MATRIMONIO
SOSPETTO E DESIDERO
Elle Ramazzaglia
Cavinato Editore
Romance Erotico
ISBN 978-8869822957
cartaceo 25,00€ 
ebook 5,99€


Chi è realmente Leon Lioness? Perché il marito di Giorgia si comporta così con lei? Giorgia può o no, avere dei figli? Ci sono persone che sembrano destinate a soffrire e, qualsiasi siano le loro scelte o i cambiamenti che intraprendono nelle loro vite, succede sempre qualcosa che le fa ripiombare nello sconforto. Presa la decisione di tornare da Leon, Giorgia chiede il divorzio a suo marito e resta nel suo paese, per occuparsene. La frequentazione con Leon continua, ma gestire un rapporto a distanza non è facile e quando non hai avuto abbastanza tempo per conoscere l’altra persona, è più difficile riuscire a fidarsi di lei. Questa situazione permetterà molte ingerenze e non tutte positive. Se Giorgia è felice per il suo ritardo e Leon per aver trovato l’amore della sua vita, chi non è mai stato favorevole a questa unione, durante la loro lontananza, troverà terreno fertile per seminare dubbi e insinuazioni, puntando sulla gelosia di lui e sull’insicurezza di lei. Il desiderio di Leon di sposare Giorgia, riuscirà a fargli superare la sua gelosia o, peggio ancora, il sospetto che lei lo possa tradire? Il sospetto di Giorgia, di non essere all’altezza di un uomo come Leon, vincerà sul suo desiderio di essere finalmente felice.


IL MATRIMONIO
ORGOGLIO E UMILTÀ
Elle Ramazzaglia
Selfpublishing 
Romance Erotico
ISBN 978-1537427997
cartaceo 20€ 
ebook 3,99€

Dopo il matrimonio, Leon, sentendosi al sicuro, incomincia a parlare con Giorgia della sua vita e a confidarle molte delle cose che lo tormentano. Giorgia capisce che non ha avuto un’infanzia felice e ne ha la conferma, quando anche Desy le confessa una verità che solo lei sa, e che ha alimentato il rancore che Leon prova per suo padre, fin da quando era bambino. Ma Desy è lontana dall’essere una madre affettuosa e amorevole, e svelerà la sua vera natura non appena Giorgia, per amore di Leon, le chiederà di raccontargli la verità. Una madre conosce il proprio figlio, i suoi pregi e i suoi difetti, e quando vuole ottenere qualcosa, chi meglio di lei, sa come farlo? Desy, userà la gelosia e l’orgoglio di Leon per ottenere ciò che vuole e Giorgia, nella sua umiltà, sarà costretta a subirne le conseguenze. Non ha i mezzi, né economici né intellettuali, per mettersi contro Desy e sarà costretta a scappare di nuovo, proprio quando avrebbe avuto più bisogno di Leon e della sua famiglia. Ma una persona forte riesce a ottenere ciò che vuole e a raggiungere il suo obbiettivo, se continua a insistere con determinazione.
Chi avrà la meglio? L’orgoglio o l’umiltà?


L'autore racconta


Raccontaci qualcosa di te: chi è Elle Razzamaglia nella vita di tutti i giorni? 
Sono una donna sposata e mamma. Nella vita ho dovuto rinunciare a molto e la scrittura mi ha sempre aiutata. Ricordo quando ancora non c’erano i telefonini o non erano così diffusi come adesso, quante lettere scrivevo ad amici e parenti e la loro lunghezza… Nulla mi è stato regalato e per questo, mi sento in pari con la vita e forse anche un po’ in credito.

Una trilogia. Questa è la prima opera che pubblichi?
La storia di Leon e Di Giorgia non è una trilogia, la definirei una saga, visto che i libri sono cinque.
Sì, “Il Matrimonio Apparenza e realtà” è il primo romanzo che ho pubblicato e dato che sta piacendo, a giugno ho pubblicato “Il Matrimonio Sospetto e desiderio” e ad agosto “Il Matrimonio Orgoglio e umiltà”.

Veniamo alla saga che presenti oggi. Com’è nata l’idea? È già nata come serie oppure un libro tira l’altro?
Io ho scritto questa storia quasi cinque anni fa e ho continuato a farlo per un anno. Poi ne ho trascorsi due a leggere e rileggere, sistemando alcune cose e siccome non riuscivo a lasciare Leon e Giorgia, ho ripreso a scrivere, perché era la mia isola felice, lontana dalla realtà. Non credevo che un giorno l’avrei pubblicata e non mi sono posta il problema della lunghezza della storia. Adesso so che è molto più facile far conoscere un libro e non cinque, ma ormai è tardi. Ci penserò per le prossime avventure.

È un romance erotico. Ci racconti di che cosa parlano i tre volumi che presenti oggi?
Giorgia è una donna sposata, da tredici anni, con un uomo che forse non ha mai amato e dal quale si è allontanata sempre di più, da quando lui non ha accettato di provare ad adottare un figlio, dato che lei non poteva averne di suoi. Sua cognata non parla mai apertamente di questa cosa con lei, ma sa che non è felice e, sperando di aiutarla, la invita ad andare con lei a un incontro con una famosa psicologa. Là, Giorgia incontra Leo e scatta subito la scintilla per quest’uomo misterioso e affascinate. Ma se Leo è libero di viversi la storia con Giorgia, lei non scorda di essere sposata e cerca in tutti i modi di tenerlo a distanza. Quando si rende conto di essersi innamorata, Giorgia cede e trascorre dieci giorni con Leo a casa sua. Scopre che Leo è Leon Lioness, figlio unico di William Lioness, ricco imprenditore venuto dall’America e morto quando lui aveva solo diciannove anni. Ma Giorgia non ama gli uomini ricchi e li ha sempre guardati con sospetto. Leon faticherà a farla cedere e pur di non spaventarla o farla scappare, accetterà di non parlarle mai della sua situazione economica. E’ l’inizio di una storia d’amore intensa e passionale, che non tutti approvano e che dovrà superare molte difficoltà: dalla suocera avida al finto amico, dai presunti tradimenti a quelli reali, dai segreti del passato alle confessioni del presente. 

Qual è il target cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare?
Credo che “Il Matrimonio” sia adatto a tutti, perché tratta vari argomenti e non è incentrato solo su un avvenimento o un periodo della vita. Giorgia all’inizio ha trentadue anni e alla fine ne ha quasi cinquanta. E’ una donna giovane e molto bella, che con gli anni deve affrontare i problemi che derivano dall’essere sposata con Leon Lioness e poi madre dei suoi figli. Ha attraversato momenti felici e momenti molto bui, durante i quali è stata costretta a usare lembi di stoffa, non potendosi permettere di comprare i pannolini, o a fare da badante a una signora anziana pur di non chiedere soldi a Leon (non che lui non glieli avrebbe dati, ma Giorgia è molto orgogliosa e lo sarà fino alla fine). Ha visto i suoi capelli diventare bianchi e il suo ciclo sparire. Leon, ovviamente, ha anche lui attraversato queste fasi, ma da uomo ricco, seppur con il cuore spezzato, dato che ama Giorgia in modo viscerale.

Quali sono gli aspetti stilistici a cui hai dato maggiormente spazio?
Io ho puntato molto sui personaggi e non solo sui protagonisti: i caratteri, le paure, i difetti e i pregi. Volevo far passare il messaggio ‘anche in paradiso si piange’ e puntare sul fatto che se c’è l’amore, tutto si supera. Amo i dialoghi e ne ho inseriti tanti, perché secondo me una battuta o una risposta, è più diretta e ti resta impressa, facendoti capire più di cento riflessioni. Volevo che i lettori potessero rivedersi in uno dei personaggi e, in una o più, delle problematiche che affrontano. Ci sono molti colpi di scena che cambiano le carte in tavola e che spiazzano chi credeva di aver capito come sarebbe andata, e cosa che caratterizza questa serie, o forse me, è la suspense finale, che ti lascia l’amaro in bocca.

Nelle tua saga prevale l’aspetto sentimentale, quello erotico o hai voluto dare equo spazio ad entrambi gli aspetti?
Prevale l’aspetto sentimentale su tutti i fronti e non solo tra Leon e Giorgia. Ci sono anche le parti erotiche, perché si amano e perché Leon è molto passionale. Ma la storia prende mille pieghe e in direzioni molto diverse. I personaggi sono tanti e ci si affeziona a tutti, conoscendoli. Diciamo che… sesso sì, ma con tanto amore.

Quanto ti ha coinvolto intimamente la stesura di questi romanzi? C’è qualcosa di autobiografico?
La stesura mi ha coinvolta a tal punto che non volevo pubblicarli, perché li sentivo figli che avevo appena partorito ed ero gelosa di loro. Mi faceva male pensare che qualcuno li potesse leggere e quando i miei figli mi hanno convinta a provarci, ho scelto solo sette Case Editrici e fra le più note, sapendo che non mi avrebbero mai contattata. Ma i casi della vita… Ed eccomi qua, a parlare di loro.

Orgoglio e umiltà. C’è qualche messaggio particolare che speri di comunicare attraverso questo romanzo?
Sì, che non sempre l’orgoglio alberga nella persona ricca o colta, e che non sempre l’umiltà si trova in quella che non ha potuto studiare o è meno abbiente.

Il finale è definitivo o potrebbero esserci nuovi capitoli per questa storia?
Bella domanda! I primi tre e che sono già disponibili, hanno un finale che potrebbe essere considerato conclusivo. Per cui chi volesse fermarsi a questi, può tranquillamente farlo.
I due che pubblicherò a febbraio e cioè:
Il Matrimonio Forza e fragilità” e “Il Matrimonio Gelosia e fedeltà”, portano avanti la storia di Leon e Giorgia per ancora qualche anno, per tutti coloro che si sono affezionati a loro.
Per come la vedo io, il finale definito è la morte di uno o dell’altra. Ma i miei figli mi hanno vietato di far morire i protagonisti delle storie che scrivo e ogni giorno mi chiedono preoccupati: “Mamma, hai fatto morire qualcuno?”
Io vengo dai thriller e loro lo sanno…
Ma tranquillizzo loro e le lettrici di “Il Matrimonio”: non morirà né Leon né Giorgia!

Grazie per essere stata con noi, Elle. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.

gli-scrittori-della-porta-accanto

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

SCHEDA DELL'AUTORE

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!