• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] Roberto Fancellu presenta il suo romanzo "Senza più paura", nell'intervista di Elena Genero Santoro


In anteprima, Senza più paura di Roberto Fancellu, Lettere Animate, 2016. Il passato bussa alla porta di un quarantenne alcolista.

SENZA PIÙ PAURA
di Roberto Fancellu

Lettere Animate
Thriller psicologico
ISBN 9788868824730
ebook 1,99€ 

Lungo le secolari ed affollate vie di Firenze si snoda la vicenda di Massimo, un uomo in perenne lotta con l'alcolismo e con se stesso, alla disperata ricerca di un equilibrio che lo allontani dalla vita brutale e sregolata della strada, l'unica che ha conosciuto fin da ragazzo. Alla soglia dei quarant'anni sembra trovare la tanto agognata stabilità con l'aiuto di Sara, una psicologa incontrata in un centro di recupero, con la quale instaura una travagliata relazione clandestina. Ma un oscuro individuo disposto a tutto in nome di una vendetta che ha radici lontane, metterà a rischio i suoi propositi di riscatto, disvelando un'agghiacciante verità sepolta nel passato che trascinerà Massimo fin negli abissi della disperazione. Una verità capace di spezzare e distruggere delle vite sconvolgendo ogni certezza.

L'autore racconta


Raccontaci qualcosa di te: chi è Roberto Fancellu nella vita di tutti i giorni?
Anzitutto vi ringrazio per lo spazio e il tempo dedicatomi. Per rispondere alla tua domanda, ho 33 anni e sono laureato in psicologia. “Senza più paura“è il tentativo di mettere a frutto la passione che ho sempre avuto per la scrittura. Che altro dire? Sono una persona che legge molto, oltre a vedere parecchi film e serie TV. Spesso e volentieri mi faccio contaminare da essi durante la crezione delle mie storie.

Questo è il primo romanzo che pubblichi?


Veniamo al libro, “Senza più paura”, Lettere Animate. Com’è nata l’idea?
Ho sviluppato l'idea di base durante il tirocinio post-laurea in un centro per alcolisti e tossicodipendenti. Era un'atmosfera stimolante e ricca di spunti per chi si appresta a scrivere un romanzo.



Ci racconti di che cosa parla? A quale genere appartiene?

Senza più paura” è ascrivibile al thriller psicologico. Racconta la storia di un alcolista quarantenne che, anche grazie a una psicologa con cui intraprende una storia d'amore, cerca faticosamente di trovare la stabilità che non ha mai raggiunto. Ma questo suo tentativo di risalire la china viene ostacolato da un uomo a lui sconosciuto, il quale, sconvolgendogli la vita, lo metterà faccia a faccia con i fantasmi del suo passato. Fondamentalmente la definirei come la cronaca di un riscatto, almeno fino a un certo punto.

Un giovane con una vita difficile, la ricerca di un equilibrio. Qual è il target a cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare?
Non ho un vero e proprio target di riferimento. Mi piacerebbe venisse letto sia da chi apprezza i thriller e i libri in generale, e magari anche dalle persone che affrontano i problemi di alcolismo di cui parlo nel libro.

Quanto ti ha coinvolto intimamente la stesura di questo romanzo? C’è qualcosa di autobiografico?
“Tengo particolarmente a “Senza più paura”. Sia perché è il mio primo romanzo , sia perché nasce da un'esperienza che mi ha arricchito tanto umanamente. Di autobiografico si possono senz'altro trovare il sarcasmo e l'ironia con cui Massimo affronta le situazioni che gli si pongono davanti.

Parli di alcolismo, un tema sempre attuale e molto delicato. Per scrivere questo libro hai dovuto svolgere delle ricerche?
Come ho avuto modo di dire poc'anzi, nella stesura mi è stato molto utile il tirocinio che ho svolto con alcolisti e tossicodipendenti ai quali mi sono,in parte, ispirato per creare il personaggio principale.

C’è qualche messaggio particolare che speri di comunicare attraverso questo romanzo?
Il messaggio che vorrei passasse è che c'è sempre una speranza, e che la vita può sempre migliorare, per quanto insormontabili appaiano le difficoltà.

Il finale chi l’ha deciso? Tu o i tuoi personaggi?
Il finale è venuto da sé mentre scrivevo. Mi sono lasciato abbastanza guidare dalla storia e dalle vicende dei personaggi.

Grazie per essere stato con noi, Roberto. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.

gli-scrittori-della-porta-accanto

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.
Immagina di aver sognato, PubGold.
SCHEDA DELL'AUTORE

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!