• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Solo una storia" di Luca Porcella, recensione di Giulia Mastrantoni

Solo-una-storia-Luca-Porcella-recensione

Solo una storia, di Luca Porcella, Eretica Edizioni, 2015.  Storia di G e H. L’amore non è mai una cosa semplice.

G è un ragazzino che sa già che aspetterà con ansia l’inizio dell’estate. Come sempre, spera che la sua vita cambi, ma non ripone molta fiducia in questa speranza. Sa che arriverà maggio. Sa che aspetterà i giorni più caldi. Sa che l’estate volerà via e che tutto ricomincerà. 
G è alle prese con la gita scolastica. Guai a farsi prendere in antipatia dai compagni di classe. Guai a dire che preferirebbe una passeggiata in centro alla discoteca. Guai a farsi vedere allegro e propositivo. Insomma, guai a differenziarsi dal gruppo.
G è in discoteca e conosce H. Bella, con il volto pulito da brava studentessa, normale e gentile. Ama leggere. Per G è una boccata di normalità, in mezzo a un gruppo di adolescenti che vogliono a tutti i costi essere ribelli.
Finisce la gita e i due si scambiano l’indirizzo. Diventano grandi, si iscrivono all’università e vivono le loro vite. Ma non riescono a vedersi.
G è innamorato di H, ma l’amore non è mai una cosa semplice...
Una storia che è “solo una storia”.
Un racconto di un amore che tarda a sbocciare e che viene narrato con grande semplicità.
Una trama lineare, dei personaggi dolci e un finale... da leggere.

Solo-una-storia

Solo una storia

Era semplicemente lei, nella sua semplicità. Con due occhi piccoli che guardavano oltre e che non si fermavano sulle cose più vicine e immediate. Con un maglione senza fronzoli e poco trucco, perché non ne aveva bisogno, e magari ci sarebbe stata anche male, con troppo rimmel e il fondotinta pesante. Era bella, molto. Ma non bella e scintillante come New York a capodanno: era bella in una maniera diversa da com’era abituato a vedere le ragazze a quell’età. Più underground, o forse solo meno appariscente. Era bella come la Barcellona di un libro di Zafón.
Luca Porcella è nato nel 1989, vive in provincia di Roma e lavora nell’ambito della consulenza. Appassionato di viaggi, tango, moto e birre artigianali, nel tempo libero gira l’Italia su due ruote alla continua ricerca di paesaggi e sapori. Solo una storia è il suo primo romanzo.


di Luca Porcella | Eretica | Romance
EAN 9788899466619 | cartaceo 11,05€


Giulia Mastrantoni
Da quattro anni collaboro all’inserto Scuola del Messaggero Veneto, scrivo per il mash up online SugarPulp e per la rivista dell’Università di Trieste Sconfinare.
Dopo aver trascorso un periodo in Inghilterra, ho iniziato un periodo di studi in Canada, ma, dovunque sia, scrivo.
Misteri di una notte d’estate, ed. Montag.
One Little Girl – From Italy to Canada, eBook selfpublished.
Veronica è mia, Pensi Edizioni.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!