• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Scrittori] Intervista a Loreto M. Crisci, a cura di Ornella Nalon

Intervista-Loreto-M-Crisci

Un caffè con Loreto M. Crisci, in tutti gli store online con il suo ultimo romanzo "REM", un’evasione da un sogno per tornare alla realtà oppure un’evasione dalla realtà per tornare in un sogno?

Il nostro Caffè Letterario è lieto di ospitare un giovane e promettente scrittore puteolano. Nel nostro salotto virtuale incontriamo Loreto M. Crisci.

Ciao Loreto e benvenuto in questo webmagazine culturale. Volevo presentarti un po' ai nostri lettori, ma la tua biografia è decisamente scarna, oserei dire persino misteriosa. Vuoi dirci tu qualcosa per farti conoscere?
Ho sempre pensato fossero informazioni superflue, non credo che al lettore importi sapere dove sono nato oppure che scuola abbia frequentato, tutto ciò che importa conoscere è tra le righe dei miei romanzi. Citando una delle ultime cose che ho scritto:
Sogno un pubblico a cui non servano le mie interviste. Un pubblico che non abbia bisogno di sapere chi o cosa mi scopo per amarmi. Che non senta l’esigenza di vedermi. Sogno un pubblico che capisca il mio distacco, la mia esigenza di essere lontano. Il mio bisogno di fare l’amore con le parole come un crooner con il microfono. Sogno un pubblico che comprenda che come la pubblicità esisto solo se lui guarda. 

Il tuo romanzo “REM” ha sia il titolo sia il testo particolari. Ci spieghi il motivo del primo e ci fai un accenno del secondo? 
Per quanto riguarda il titolo, è semplicemente l’acronimo di Rapid Eye Moviment, e fa riferimento alla fase profonda del sonno, il romanzo tratta di questo: uno scrittore bloccato in un limbo incapace di tornare a “casa”. Le particolarità del testo ci sono ma io non le vedo. Mi spiego. Non credo in quei modi di scrivere fatti apposta per creare personalità letteraria, questo è semplicemente il mio modo di scrivere, quando rileggo le cose sembrano funzionare così ed è questa la cosa che più m’importa, se poi questo caratterizza l’opera e l’autore ben venga.

A volte, nel tuo scritto si resta turbati dalla volgarità, dalla violenza e dalla cattiveria che trapelano. È proprio questo il tuo scopo? Scioccare il lettore? Ci motivi questa scelta? 
Il mio scopo, come quello di ogni scrittore, è lanciare un messaggio e sono fermamente convinto che una martellata sia meglio di una carezza. Ma nulla è artefatto, cerco di avere un rapporto più sincero possibile con il lettore, finché sono vero non mi fa paura l’idea di poter sembrare cattivo.

Che messaggio lanceresti ai lettori per invitarli a scoprire il tuo libro? 
Tutto ciò che posso dire è che questo libro vi colpirà, forse lo amerete o forse no. Sono uno di quelli convinti che l’odio sia comunque un legame, qualcosa vi resterà sia essa positiva o negativa.

Raccontaci qual è quell’alchimia, quella scintilla interiore che ti spinge a scrivere. Cosa rappresenta per te la scrittura?
Scrivo per rabbia, metto su carta le mie turbe, è uno sfogo.

Ritieni che il tuo modo di scrivere sia stato influenzato dallo stile di qualche autore o artista in genere che ami e che segui? Da cosa sei ispirato? 
Paradossalmente penso di essere maggiormente influenzato più dalla musica. Adoro alcuni scrittori tra cui Marek Hlasko, Hunter S. Thompson e Irvine Welsh, ma le mie influenze sono nei testi Punk, Rap Horrorcore.

Perché hai deciso di ricorre all'auto pubblicazione? 
In Italia penso sia la scelta migliore per un autore emergente, bisogna crearsi un pubblico e fare in modo che le case editrici vengano a cercarti, poi credo si riesca anche ad avere un rapporto più diretto e intimo con il lettore, poter dire davvero ciò che si vuole senza nessun “paletto” penso sia importante.

Che rapporto hai con le recensioni? Come reagisci a quelle positive e a quelle negative? 
Non ho un buon rapporto con i critici, spesso si possono trovare attacchi a questa categoria nei miei lavori. Una frase dello scrittore statunitense John Ernst Steinbeck è per me un mantra:
A meno che un critico abbia il coraggio di lodarti senza riserve, io dico, ignora il bastardo. 

Hai già qualcos'altro in mente o addirittura stai già scrivendo un altro romanzo? Se è così, ci puoi anticipare qualcosa? 
Ho completato la stesura del mio nuovo romanzo due settimane fa, è un romanzo più corposo circa 180 pagine. Il disegnatore con cui ho già collaborato in REM ha iniziato a lavorare alla copertina ma non sarà possibile acquistare l’opera prima del prossimo settembre. Con tutta probabilità però distribuirò qualche copia omaggio al prossimo bookmob di Napoli che si terrà circa a metà febbraio. Per chi fosse interessato può tenersi informato su quest’evento ed altri a cui prenderò parte attraverso la mia pagina Facebook.

Concludiamo questa intervista comunicando ai nostri lettori i link dove si possono trovare informazioni su di te, sui tuoi libri. 
Pagina Facebook Loreto M. Crisci - Scrittore Freelance. Profilo Instagram loretom.crisci.
Faccio presente che la copia digitale si può scaricare GRATUITAMENTE in tutte le maggiori librerie online (Amazon, IBS, Google play, etc..).

Grazie per essere stato con noi, Loreto. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri. 

REM

Lorenzo Torrisi.
Uno scrittore di successo.
Un imbroglione.
Bloccato nella fase REM del sonno cerca un modo per tornare a “casa”.
La sua, un’evasione da un sogno per tornare alla realtà oppure un’evasione dalla realtà per tornare in un sogno?

di Loreto M. Crisci | IlMioLibro | Romance ironico
ASIN B01MA4RQ2V | cartaceo 9,00€ | ebook 0,00€







Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, da 0111 Edizioni.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!