• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] Francesco Ambrosio presenta il suo romanzo "I guardiani dell'Efterion", nell'intervista di Elena Genero Santoro

I guardiani dell'Efterion

In anteprima I guardiani dell'Efterion di Francesco Ambrosio, Bibliotheka Edizioni, 2016. Un fantasy per intraprendere un viaggio tra pianeti e stelle.



I guardiani dell'Efterio
I GUARDIANI DELL'EFTERION
di Francesco Ambrosio
Bibliotheka Edizioni
Narrativa
ISBN 9788869341724
cartaceo 14,45€
ebook 3,99€ | Acquista 

Un uomo che scappa da una clinica psichiatrica, una bambina russa che viene condotta contro la sua volontà su un pianetino chiamato Efterion, sulla quale si erge l’omonimo e grande Tronco che con i suoi tanti rami e radici veglia sull’armonia dell’intero universo.
La loro storia si incrocerà con quella di altri alieni, fino alla formazione di una vera e propria squadra di guerrieri volta a combattere innumerevoli nemici e cercare di riportare l’armonia e la pace nello spazio, sempre in nome dell’Efterion.
La Terra, quindi, è solo il punto di partenza, ma il viaggio continuerà tra pianeti e stelle diverse, spesso molto particolari. Ma da cosa dipende veramente l’oscurità che per secoli ha intrappolato l’universo?
Battaglie, tanti nemici, colpi di scena continui, intrighi e segreti oscuri si susseguiranno fino all’ultima pagina, per arrivare a svelare l’origine di tutto.


L'autore racconta


I-guardiani-dell-Efterio
Raccontaci qualcosa di te: chi è I guardiani dell'Efterio nella vita di tutti i giorni?
Sono una persona determinata a cui piace imparare e migliorarsi sempre. Tutti giorni dedico sempre molto tempo alla scrittura.

Questo è il primo romanzo che pubblichi?
Sì.

Veniamo al libro, “I guardiani dell'Efterion”. Com’è nata l’idea?
L’idea è nata da una sola storia e altre sparse con gli stessi personaggi. Un insegnante di italiano con cui ho tenuto un corso di scrittura mi disse che potevo migliorare nel modo di scrivere e potevo unire queste storie per formare un romanzo. Quest’aneddoto, quel giorno che mi sconvolse con quelle parole, è rimasto impresso nella mia mente. Questa cosa l’ho menzionata anche nei ringraziamenti , alla fine del libro.

È un fantasy. Ci racconti di che cosa parla?
E’ ambientato nello spazio ma non è di fantascienza. Parla dell’Efterion che è un tronco con tantissimi rami e radici, attraverso il quale veglia sull’armonia dell’intero universo. La pace viene, però, spezzata e un gruppo di alieni diversi e molto curiosi, sia per l’aspetto fisico che per le loro abilità, si ritroveranno insieme a combattere svariate minacce nell’universo, senza conoscere l’origine di tutto questo male. E dovranno scoprire perché l’universo è così tormentato dalla sua creazione.

Qual è il target a cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare?
Il romanzo è rivolto a un pubblico giovane o anche giovanissimo, visto che i toni sono molto fiabeschi e la lettura è abbastanza scorrevole. Ma anche gli adulti potrebbero leggerlo perché credo che tutti amino sognare e apprezzino la creatività.

Quanto ti ha coinvolto intimamente la stesura di questo romanzo? C’è qualcosa di autobiografico?
l romanzo mi ha coinvolto più di un anno con tantissime riletture e modifiche. Niente di autobiografico, dato che è tutto frutto della mia fantasia e, se per autobiografico si intende la mia creatività che si sbizzarrisce a inventare alieni e pianeti particolari, sì credo proprio di sì.

C’è qualche messaggio particolare che speri di comunicare attraverso questo romanzo?
Sì e non lo si capisce subito ma solo andando avanti nella lettura. La lotta tra il bene e il male fa solo da a sfondo ma in realtà a un certo punto si capisce che il male che minaccia l’universo di continuo ha un’origine antica. Quindi il messaggio è che bisogna sempre tornare indietro, all’origine delle cose per capire il perché si sono evolute in un certo modo e se ci sono dei rami secchi bisogna estirparli alla radice.

Il finale chi l’ha deciso? Tu o i tuoi personaggi?
L’ho deciso io. Loro incoscientemente si ritroveranno ad affrontare queste minacce senza conoscerne l’origine che scopriranno solo alla fine.

Grazie per essere stato con noi, Francesco. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.
gli-scrittori-della-porta-accanto

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

SCHEDA DELL'AUTORE

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!