• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Non tutto è come sembra" di Ornella Nalon, recensione di Claudia Gerini

Non-tutto-come-sembra-Ornella-Nalon-recensione

Non tutto è come sembra, di Ornella Nalon, 0111 Edizioni, 2014. Tre omicidi senza alcun apparente collegamento. Un giallo psicologico che mette in luce il mondo interiore dei protagonisti.

All' ultima edizione del Pisa book festival ho fatto incetta di libri. Tra i tanti che ho scovato sulle bancarelle mi è saltato agli occhi "Non tutto è come sembra" di Ornella Nalon, 0111 edizioni.
Da adolescente ero fissata con i gialli, divoravo letteralmente tutti i libri di Agatha Christie, mi divertiva, mentre leggevo, cercare di scoprire il colpevole e come sarebbe andata a finire. Negli anni ho abbandonato questo genere letterario prediligendone altri. Per cui, quando ho scelto questo libro, è stato un po' come accettare una sfida. Sarei riuscita ad arrivare in fondo alla storia?
Ebbene sì, ho letto tutto il libro divorando le pagine  una ad una con la curiosità crescente di scoprire se le mie supposizioni, fatte durante la lettura, potessero avvicinarsi a quelle narrate nella vicenda.
La storia, tutta italiana, racconta del maresciallo dei carabinieri Giovanni Colucci che si ritrova a dover gestire un'indagine per triplice omicidio in una cittadina della provincia veneta.
Una sera viene rinvenuta la salma, a bordo della sua macchina recuperata in un fiume, di un giovane e noto psicologo della zona. Tutto sembrerebbe far pensare a una morte accidentale ma per il maresciallo Colucci ci sono dei particolari che fanno pensare da subito a un omicidio.
Qualcosa non torna e anzi, nella mente del maresciallo, la vicenda sembra collegarsi ad altre due morti di due psicologi, avvenute negli ultimi due anni. Da qui si mette in moto la sua indagine guidata sempre dal suo intuito che, a un certo punto, sembra essere davvero infallibile.
Intrecciata alla sua vita privata e alla sua storia personale, la vicenda prenderà un ritmo sempre più incalzante fino a portare il lettore alla risoluzione di questa trama intricata.
Il libro è decisamente ben scritto, con un linguaggio semplice e scorrevole per una lettura adatta a tutti.
I personaggi sono descritti in maniera minuziosa, soffermandosi anche sugli aspetti caratteriali e fanno sì che, andando avanti con la lettura, sembri di conoscerli da sempre. Con i loro pregi e i loro difetti non sono personaggi straordinari ma assomigliano un po' a noi, nella vita di tutti i giorni. Forse è anche questa la forza di questo romanzo, la capacità di narrare in maniera semplice una storia complicata, attraverso parole e gesti in cui il lettore si può riconoscere.
Decisamente consigliato, non solo a chi ama il genere giallo, ma anche a chi piace immedesimarsi nei personaggi. 

Non-tutto-come-sembra

Non tutto è come sembra

A bordo di un’auto recuperata in un fiume viene rinvenuta la salma di Giancarlo Visconti, un giovane e rinomato psicologo. La morte sembra accidentale, ma il maresciallo dei Carabinieri Giovanni Colucci ricorda che altri due psicologi dello stesso comune sono morti negli ultimi due anni e comincia a insospettirsi. Convince i suoi superiori a non derubricare il caso come un semplice incidente stradale e si adopera per dimostrare che si tratta di un omicidio. L’autopsia accerta che Visconti non presenta segni di annegamento e che la causa del decesso è dovuta allo sfondamento della scatola cranica per mezzo di un corpo contundente. Ottenuta la conferma dei suoi sospetti, il maresciallo, con l’aiuto della sua piccola squadra, indaga per trovare l’assassino e per stabilire un collegamento tra le morti dei tre psicologi, elemento che suffragherebbe la tesi di un serial killer. Approfondite e scrupolose indagini volgono a comprovare questa teoria e, da quel momento, la vita di numerose persone sarà passata al setaccio. In apparenza sembrano tutti innocenti, anche se alcuni di loro presentano dei lati oscuri. In questa trama intricata, riusciranno i nostri valenti militari dell’Arma a individuare l’omicida seriale?

di Ornella Nalon | 0111 Edizioni | Giallo
ISBN 978-88-6307-816-9 | cartaceo 14,50€ | ebook 2,99€


Claudia Gerini
Claudia Gerini nasce a Pontedera negli anni ’70. Completa il liceo linguistico e collabora saltuariamente con un’importante testata giornalistica. Poi abbandona gli studi e le passioni per un impiego fisso. Da più di 15 anni infatti lavora nel reparto gastronomia di un supermercato. Adora la sua famiglia ed è ciò a cui si è ispirata per scrivere questo suo primo romanzo.
Il sogno di Giulia, Lettere Animate.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!