• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Tra i segreti di Villa Aurelia" di Brunella Giovannini: segreti sepolti tra le crepe di Villa Aurelia aperte dal sisma emiliano

Tra-segreti-di-Villa-Aurelia

Tra i segreti di Villa Aurelia

di Brunella Giovannini
Leucotea
Narrativa
978-88-97770-55-8
cartaceo 13,90€

Tra le crepe di Villa Aurelia, aperte dal sisma emiliano nel 2012, si annidano segreti sepolti, indisturbati da quattro secoli. Diana, che ha trovato alcuni oggetti nel doppio-fondo di un baule, scopre di essere direttamente legata a quei segreti e che le avversità che negli ultimi anni hanno funestato lei e la sua famiglia, forse sono imputabili a un maleficio che si trascina nel tempo.
Dopo un attentato in cui perde la vita anche il marito e in seguito a minacce, viene costretta a trasferirsi insieme ai suoi figli, in un luogo dell'Alto Adige, sotto protezione.
Il dolore e la lontananza forzata dai propri cari, mettono a dura prova il suo temperamento ma l'affetto ricevuto da due anziani vicini di casa, riesce a mitigare le difficoltà quotidiane. Solo nel momento in cui potrà tornare nel paese natio, scoprirà che anche il luogo tra i monti dove ha vissuto negli ultimi anni, è strettamente legato al passato.
In un quadro attuale che vede il terremoto, la ricostruzione e l'infiltrazione mafiosa in Emilia, avvenimenti che domani saranno storia, Diana si rende conto che in fondo il tempo è solo un insieme di cicli, capaci di costruire un ponte tra passato, presente, futuro e dove tutto sembra essere collegato; ma il tempo non riesce a mantenere i segreti e prima o poi, racconta tutta la verità.

Quella notte Diana non era riuscita a chiudere occhio, una strana agitazione l'aveva costretta a rigirarsi nel letto fino all'alba, allorché esasperata, aveva deciso di alzarsi. Evitando di fare rumore per non svegliare i ragazzi, si era diretta in cucina e aveva spalancato la finestra, godendo della meravigliosa visione che le si parava dinnanzi. Il buio stava cedendo il posto al nuovo giorno e in lontananza, i primi raggi di sole irradiavano di luce le cime del Monte Cavallo. L'aria frizzante e leggera, impregnata del profumo di resina e di muschio proveniente dal bosco adiacente l'abitazione, energizzava ogni angolo della stanza. La quiete assoluta era interrotta ogni tanto da lievi rumori, certamente dovuti ai caprioli che si aggiravano nelle vicinanze in cerca di cibo e intorno, si percepiva una indescrivibile sensazione di pace. Quanti avrebbero voluto abitare in quello che sembrava essere un piccolo angolo angolo di paradiso! Per lei era diverso, lei non aveva potuto scegliere. Si era vista costretta sei anni prima a trasferirsi in quel luogo, obbligata a vivere lontano dalle persone più care per salvaguardare la sua incolumità e quella dei propri figli. Sei lunghi anni nei quali aveva potuto mantenere i contatti con la madre attraverso lettere, neppure spedite per posta; le consegnava all'ufficio relazioni con l'esterno ubicato in caserma che a sua volta provvedeva a farle recapitare attraverso un canale preferenziale e in caserma, arrivavano puntualmente le risposte dell'anziana mamma.

"Cara Diana, quanta voglia ho ri riabbracciare te e i bambini! Come sicuramente saprai, il nostro paese è stato colpito dal terremoto. Durante le prime scosse del 20 maggio, sulle pareti esterne della nostra casa sono comparse profonde crepe e stavamo aspettando un sopralluogo dei tecnici quando, l'evento del 29 ha fatto crollare una pare del tetto e l'abitazione è diventata inagibile. Abbiamo vissuto momenti indimenticabili, i forti sussulti erano accompagnati da boati e non ti nascondo che a volte, ho pensato fosse la fine, di tutto."

L'AUTORE

Brunella-Giovannini


Brunella Giovannini nasce e vive a Reggiolo (RE).
Ama scrivere da sempre ma solo negli ultimi anni si è dedicata a questa passione, iniziando con testi poetici che hanno ottenuto riconoscimenti in importanti Premi Letterari.
Sull'elaborazione di una sua poesia, scrive il romanzo "Un volo di farfalle" pubblicato nel 2015 da Edizioni Leucotea e si aggiudica il 3° premio per la narrativa edita nella 40° edizione del "Premio Città di Fucecchio".

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...