• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

"12 anni schiavo": un fim trato dal diario di Solomon Northup, un documento sulla schavitù, di Lara Zavatteri

Solomon-Northup

12 anni schiavo, un film da vedere e un libro da leggere. Il diario di  Solomon Northup diventa un documento importante sulla storia della schiavitù in America.

Un uomo nato libero, reso schiavo per 12 lunghi anni della sua vita. La storia straziante, vera, di Solomon Northup è stata trasmessa recentemente in televisione, un film che nel 2014 ha vinto tre Oscar per miglior film, sceneggiatura e attrice non protagonista.
Il film, del regista Steve McQueen, è tratto da un libro che racconta una storia vera.
Solomon (l'attore Chiwetel Ejiofor) è un uomo di colore che nell'America del 1841, vent'anni prima della Guerra di Secessione, a Saratoga (Stato di New York) si guadagna da vivere con il suo talento da musicista. Ha una moglie, Anne e due figli, Alonzo e Margaret.
Mentre la famiglia non c'è Solomon viene avvicinato da due uomini che si spacciano per artisti girovaghi, con la scusa di ingaggiarlo per alcune settimane per degli spettacoli. Solomon accetta e cade nella trappola dei due uomini, che lo derubano dei documenti e lo vendono come schiavo.
Insieme a lui si trovano altri neri, già schiavi in precedenza. Solo Solomon è un uomo libero ma non ha nulla per poterlo provare, inoltre viene minacciato di morte se proverà a rivelarlo e a dire il suo vero nome.
Inizia così un'odissea di ben 12 anni, durante la quale Solomon dovrà lottare per sopravvivere.
Venduto inizialmente in Louisiana a un padrone caritatevole, trova negli uomini che lavorano per lui dei crudeli aguzzini, tanto che alla fine, quando uno di questi minaccia di ucciderlo, per Solomon l'unica soluzione è quella di essere venduto di nuovo.
Stavolta la vita in una piantagione di cotone è scandita dalle frustate del padrone, un pazzo ubriaco che si crede al di sopra di tutti, perfino di Dio, e che suo malgrado prova un'attrazione perversa per la schiava Patsey (Lupita Nyong'o, Oscar come attrice non protagonista). A spalleggiare le ire del padrone anche la moglie, gelosa della schiava di colore e sadica quanto il marito.

Nel corso di 12 anni Solomon si deve confrontare con violenze fisiche e psicologiche di ogni tipo, fino a quando nella piantagione giunge un uomo bianco contrario alla schiavitù, Samuel Bass (Brad Pitt) che sarà il suo salvatore. 

Scrive per Solomon una lettera ad un commerciante di Saratoga e questi giunge alla piantagione, dimostrando così che l'uomo è un cittadino libero.
Dopo 12 anni Solomon torna dalla sua famiglia e scrive le sue memorie, diventate un libro dal titolo “12 anni schiavo”.

12-anni-schiavo

12 anni schiavo

di Solomon Northup
Newton Compton Editori
cartaceo € 9,90
ebook 2,90€

Tornato libero Solomon non volle dimenticare e grazie al suo libro la gente di allora poté iniziare a capire come venivano trattati i neri resi schiavi e coloro, come Solomon, rapiti da uomini liberi. Soprattutto, il libro, scritto nel 1853, resta un documento importante sulla storia della schiavitù in America. Oltre al libro, Solomon divenne un attivista e s'impegnò per far conoscere la sua storia, parlando dove gli veniva richiesto e aiutando gli schiavi che provavano a fuggire, verso un futuro migliore, con la cosiddetta “ferrovia sotterranea”, ovvero una rete di aiuto attiva nelle città americane, ma anche nei piccoli paesi, fra tutti coloro, neri e non, che si schieravano contro la schiavitù e che concretamente aiutavano, con cibo, abiti, indicazioni utili, gli schiavi che scappavano.
Un film da vedere e un libro da leggere per conoscere la storia di un uomo che racconta grazie alla sua drammatica vicenda la schiavitù in America e la terribile condizione in cui vivevano i neri.





Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle, Un cane di nome Giuliano, Risparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Agata, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.
La strada di casa, Edizioni del Faro.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!