• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Adela" di Anna Cibotti, recensione di Ornella Nalon

Adela-Anna-Cibotti-recensione

Adela, di Anna Cibotti, Self Publshing, 2016. Una storia d'amore e morte lunga secoli, un romanzo gotico, surreale, fantascientifico, eventi straordinari e misteriosi all'ombra della magnifica Basilica di S. Vitale a Ravenna.

Uno dei primi consigli che riceve un autore emergente è di dare molta importanza all'incipit del proprio romanzo. Non so se Anna Cibotti abbia seguito questo suggerimento, ma so per certo che l'incipit di “Adelasi presenta molto accattivante. Un po' lugubre, in verità, essendo ambientato in un cimitero, ma di certo predispone alla lettura con una crescente curiosità
Chi mai potrà essere quell'uomo strampalato, che il mite guardiano Egisto scova disteso a terra, immobile, tra le tombe? E quest'ultimo, da quale strana turbe mentale può essere affetto se sostiene di dover cercare il luogo di sepoltura della sua amata, morta nell'anno 543? Dice che si chiamava Adela e, dunque, quale importanza potrà avere questo personaggio per conferire il titolo al romanzo stesso? 
Poi alla fine scopri che alla base di tutto c'è una grande storia d'Amore, sì, proprio quello con la lettera “A” maiuscola. 
Qualcosa, al di là della conoscenza reciproca, li aveva coinvolti in quell'attrazione fatale che il corpo aveva suggellato, ma che la mente aveva sublimato rendendola indissolubile. 
Quel sentimento che, se puro, vince su ogni cosa, persino sul tempo e sulla morte. Ecco perché, anche se l'esordio ci presenta Adela come defunta, è poi comunque lei, con la sua storia triste e forte che principalmente ci coinvolge ed emoziona per tutto il romanzo.
Ed ecco anche perché la narrazione si stempera in tre livelli temporali: il passato dell'anno 500, il presente e un futuro non ben precisato, ma lontano e apocalittico.
Detto questo, non si creda che il libro scritto da Anna Cibotti sia catalogabile come romance, no di certo, non è soltanto questo. Potrei anzi affermare che inquadrarlo in un determinato genere non sia affatto facile. Gli ingredienti sapientemente miscelati dall'autrice sono di varia natura: romance, come già ho detto, ma anche storico, futuristico, distopico, paranormale, gotico. Il tutto amalgamato da uno stile scorrevole e da una buona capacità descrittiva.
E se i riferimenti storici della bella Ravenna e in particolare della Basilica di S. Vitale, da cui tutto ha avuto inizio ed è poi terminato, a volte, possono sembrare didascalici, dobbiamo consideralo un sintomo d'amore anche questo; quello dell'autrice per la sua città e la sua chiesa più importante. Ce lo dice lei stessa nella prefazione:
Questo romanzo è un omaggio alla mia città, Ravenna, e alla sua Chiesa più bella.

Adela

Adela

Storia d'amore e morte diviso in tre capitoli storici. 2014 - 548- e futuro senza data.
Romanzo gotico, surreale, fantascientifico, nella cui trama Adela è la protagonista di eventi straordinari e misteriosi all'ombra della magnifica Basilica di S. Vitale a Ravenna, chiesa che sarà l'emblema di un fatale destino.



 di Anna Cibotti | Self Publishing | Storico, Fantasy, Gotico
ISBN 978-1523376308 | ebook 2,99€ | Cartaceo 12,47€







Ornella-Nalon

Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, da 0111 Edizioni.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!