• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "L'onda lunga del Titanic" di Tiziana Viganò, recensione di Paola Casadei


L'onda lunga del Titanic, di Tiziana Viganò, Macchione, 2017. Un romanzo d’amore, sull’amore vero, in cui si mescolano storie parallele nel tempo e nello spazio, sentimenti profondi, che scivolano tra la tenerezza e la sensualità.

Un romanzo profondo, con precisi riferimenti storici: come è possibile legare insieme la storia di Clara Rovelli, architetto, donna moderna, matura nei suoi trentotto anni, le linee morbide e gli occhi dorati, alla storia di Mary Mullin, la giovanissima migrante irlandese che partì per un viaggio di speranza e di morte, come fu quello del Titanic per oltre 1500 persone? 
Eppure le due storie sono legate: quella dei due ragazzi irlandesi, fuggiti da casa per rimanere insieme e sperare in una vita migliore, si trova tra le mani di Clara, che imparerà da loro qualcosa in più sull’amore e saprà forse lasciarsi andare alla scelta migliore per il suo futuro di donna. 
È affascinante il racconto ambientato sul Titanic, l’Inaffondabile, la nave costruita con tecnologie modernissime, dotata di strumenti d’avanguardia per la navigazione, quella che voleva stupire il mondo. La nave con i suoi passeggeri della prima classe, che si preparavano a vivere un’esperienza da favola circondati dal massimo lusso possibile da Belle Epoque. E gli altri, quelli della seconda e della terza classe, i migranti alla ricerca di nuove speranze e opportunità nel Nuovo Mondo, in quell’inizio del Novecento.

Si percepisce, leggendo, la suspense per un finale che conosciamo bene. 

I sospetti, certi fatti strani e piccoli incidenti che lasciano presagire qualcosa di nefasto e creano paure nei passeggeri più attenti. Enigmi mai risolti o solo in parte svelati.
Poi seguiamo l’amore intenso dei due giovani, Denis e Mary, che li vede uniti per l’eternità, un libriccino nero ha permesso di conoscere qualcosa in più e di lasciare la loro storia impressa per le generazioni future. 
Clara, invece, è appena uscita da una storia un po’ banale, stava addirittura per sposarsi per abitudine. Quindi un incontro, una passione diversa, vera, un uomo capace di farla arrossire, poi appassionare, sciogliere, che la fa sentire viva. Complice la vecchia casa di pietra della nonna e un baule magico... 
Cosa può darle Mary Mullin, che ha fatto una scelta d’amore incondizionato? Eppure un gesto estremo come quello della giovane sarà di aiuto per le scelte che deve fare Clara, presa da dubbi, e paure comprensibili. Riuscirà dunque a decidere cosa vuole davvero? Ma una donna deve davvero rinunciare a tutto per amore? Di certo deve trovare il giusto mezzo per non sentirsi una donna incompleta.

Per la storia di Clara, lo sfondo è la cornice splendida di Varenna, sul lago di Como. 

Chizzini-Chiara-como
Clara Rovelli guidava la macchina sull’autostrada che da Milano conduce sul lago di Como: una giornata splendida, in cui la tramontana spazzava il cielo che splendeva di luce abbagliante, colorando di un verde acceso i boschi sovrastati dalle rocce grigie delle Grigne e del Resegone e il lago di un blu luminoso, solcato da tante vele 
Davvero molto apprezzabili anche le immagini fotografiche che ci regala il libro: oltre a quelle moderne con gli scenari del lago, ci sono quelle storiche che ci fanno immergere nell’atmosfera dell’epoca e ci rappresentano il tempo, gli abiti e i visi della gente, le donne reali che hanno compiuto quella traversata, che hanno sognato, che si sono salvate o che sono rimaste legate per sempre al relitto in fondo al mare. 
La prefazione è dello lo storico e scrittore Claudio Bossi, uno dei più famosi esperti internazionali del Titanic, che ha fornito consulenza e iconografia sulla storia della famosa nave.
Davvero un romanzo da non perdere!

L'onda lunga del Titanic

Cosa può legare una donna moderna, architetto di successo, con il ricordo di un’altra vissuta oltre cent’anni fa, morta per amore sul Titanic?
Misteriose vie del ricordo uniscono gli avvenimenti del romanzo in una doppia storia d’amore ambientata oggi sulle rive del lago di Como, a Varenna, in un’estate profumata da cascate di rose bianche in fiore.
Un diario della donna irlandese realmente esistita, Mary Mullin, racconta la struggente storia d’amore con Denis Lennon fino all’affondamento della mitica nave in quel lontano 15 aprile 1912: ritrovarlo aiuterà Clara ad ascoltare il suo cuore, capire quello che davvero desidera dalla vita e a scegliere il meglio per sé senza rinunciare alla sua passione artistica né al suo amore.
L’onda lunga del Titanic raggiunge i giorni nostri e, grazie alla precisa documentazione storica che supporta il flashback creato dalla scrittrice, ci immerge di nuovo in quell’atmosfera magica e fatale: una storia intramontabile, che è diventata un simbolo universale.


di Tiziana Viganò | Macchione Editore | Romanzo storico
ISBN 978-8865703953 | cartaceo 12,75€





Paola Casadei
In origine farmacista e direttore tecnico di laboratorio omeopatico, ha lasciato Forlì per trasferirsi prima a Roma, poi a Montpellier, quindi per dodici meravigliosi anni in Africa (otto in Sudafrica e quattro in Mozambico), dove ha insegnato musica e italiano. Ora risiede a Montpellier con la famiglia.
L'elefante è già in valigia, Lettere Animate Editore.
Malgré-nous. Contro la nostra volontà, traduzione, Ensemble Edizioni.
Dal buio alla luce. Il bisso marino e Chiara Vigo, traduzione, Cartabianca Editore.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!