• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Musica] I Duran Duran, la musica new romantic anni '80, di Claudia Gerini

Duran-Duran-musica-anni-80

I Duran Duran, idoli delle teenager di tutto il mondo, gruppo cult degli anni '80. I cinque ragazzi di Birmingham della musica new romantic: Nick Rhodes, John Taylor, Roger Taylor, Andy Taylor e Simon le Bon.

Ho avuto la fortuna di vivere parte della mia gioventù nei mitici anni '80. Chi è sulla quarantina, come me, si ricorda sicuramente questo periodo come spensierato. La bellezza era al centro di ogni cosa, cinema, programmi tv (come non ricordarsi il Drive in?), film, musica. Tutto girava intorno all'ostentatamente bello.
Sono stati anni in cui si respirava benessere quasi ovunque e il mondo della musica e della moda era in continuo fermento. Sono stati gli anni della nascita di emittenti che hanno poi fatto la storia e inaugurato un nuovo modo di fare televisione. Sono stati gli anni in cui la tecnologia, lontana anni luce da come la conosciamo oggi, iniziava timidamente a fare capolino nella nostra vita.
Gli anni '80 sono stati gli anni in cui sono nati alcuni dei miti della musica di cui, ancora oggi, si cantano le canzoni. Alcuni sono riusciti negli anni a reinventarsi e ad arrivare ancora oggi ad essere molto popolari e seguiti a livello mondiale.
Oggi vi parlerò di uno di questi, i Duran Duran, gruppo cult degli anni '80, che rientrano a pieno titolo in questa categoria essendo considerati, ancora oggi, una delle band più famose al mondo.

I Duran Duran fecero parte di quel filone musicale chiamato New romantic anni '80. 

Pionieri nell'uso dei videoclip ( è di quegli anni, infatti, la nascita di canali televisivi dedicati alla musica come MTV e VIDEOMUSIC), dell'uso dei sintetizzatori digitali e famosi soprattutto per i fenomeni di isteria collettiva che caratterizzavano ogni incontro con i fans. Furono gli artefici di quella che venne definita "la seconda invasione britannica" riuscendo a sfondare anche nel mercato musicale statunitense.
Il gruppo nacque nel 1978 a Birmingham dall'idea di due compagni di liceo: Nick Rhodes alle tastiere e John Taylor al basso. Con il tempo il gruppo si consolidò con l'ingresso di Roger Taylor alla batteria, Andy Taylor alla chitarra e il cantante Simon le Bon. Questa sarà la formazione della band che arriverà al successo. Il nome del gruppo fu un'idea di John appassionato di film di fantascienza si ispirò al film cult Barbarella.
I 5 ragazzi, cresciuti a pane e musica ascoltando artisti del calibro di David Bowie, mischiavano nella loro musica rock ed elettronica il che non era certo usuale a quei tempi. 
Il primo album, uscito nel 1981 con il titolo Duran Duran, mischiava oltre agli influssi degli artisti anglosassoni, anche suoni e tendenze che arrivavano dagli Stati Uniti. Questa originale miscela musicale, unita al look stravagante e attraente, furono di certo gli ingredienti per l'enorme successo che da subito fece scalare loro le classifiche. Il primo singolo Planet earth si piazzò in poco tempo alla dodicesima posizione nella top 20 inglese. Con il terzo singolo estratto, Girls on film, arrivarono addirittura al quinto posto in classifica. 
Nel maggio del 1982 uscì il secondo album Rio, che in men che non si dica si accaparrò il secondo posto delle classifiche britanniche. Da questo album ogni singolo estratto fu letteralmente un successo: Hungry like the wolf, Rio, e l'ormai mitica Save a prayer, sono ancora oggi alcune delle loro canzoni più conosciute.
Sempre nel 1982, i Duran Duran parteciparono a una serie di tour mondiali in Giappone, Australia e Stati Uniti, aggiudicandosi dalla stampa inglese l'appellativo di The fab five paragonandoli così ai Beatles chiamati appunto The fab four.



A questo enorme e crescente successo mondiale contribuirono sicuramente anche i video, realizzati con tecniche innovative e trasmessi da MTV a rotazione continua, trasformando i cinque ragazzi di Birmingham in un fenomeno di massa. 

Nel 1983, per cavalcare l'onda del successo americano, i Duran Duran decisero di produrre una nuova edizione del primo album, con l'introduzione di un inedito Is there something I should know?, che in Inghilterra entrò in classifica direttamente al primo posto e in America al quarto, arrivando in breve a ottenere il disco di platino.
Durante la promozione dell'album, a Time Square, i cinque si fermarono a firmare autografi scatenando un immenso ingorgo provocato dall'isteria dei fans, paragonabile solo a quella dei Beatles di venti anni prima.
Intanto, iniziarono a lavorare al loro nuovo album di inediti, cosa non facile visto la vita piena di eccessi che i ragazzi, poco più che ventenni, conducevano. Una vita fatta di feste, alcool, droghe e ragazze.
Finalmente alla fine del 1983 uscì Seven and the ragged tiger, contenente i grandi successi Union of the snake, New moon on monday, e The reflex.
L'album dal vivo Arena, registrato durante il tour mondiale e uscito alla fine del 1984, conteneva l'inedito, divenuto poi un'icona degli anni '80, Wild boys, con cui parteciparono come ospiti a Sanremo. Fu un successo enorme e un delirio di ragazze che, in lacrime, aspettavano sotto l'hotel dove alloggiava la band, nella speranza di vederli anche solo per pochi minuti.
Importante fu la loro partecipazione, alla fine del 1984, al progetto di beneficenza Band Aid: personaggi del calibro di Sting, Boy George, Bono degli U2, George Michael, Paul Young, si riunirono per incidere il singolo We are the world.

 Arcadia Power-Station

Nel 1985 i Duran Duran si presero una pausa di riflessione. 

In realtà fu la scusa per dividersi in due band definite: John Taylor e Andy Taylor formarono insieme a Robert Palmer i Power Station e Simon le Bon, Nick Rhodes e Roger Taylor gli Arcadia. Entrambe le band pubblicarono un album che ebbe un discreto successo piazzandosi in vetta alle classifiche americane.
Nel frattempo si riunirono momentaneamente per contribuire alla colonna sonora del film James Bond agente 007 - Bersaglio mobile con il brano A view to a kill.
Parteciparono anche al progetto Live Aid, un concerto di beneficenza che si svolse contemporaneamente allo stadio Wembley di Londra e al J.F. Kennedy di Philadelphia il 13 Luglio 1985, davanti a 90.000 persone. Si ritrovarono a suonare insieme dopo più di un anno senza aver fatto prove. L'esibizione sul palco fu un disastro, Simon "bucò" una nota durante il coro di A view to a kill e l'episodio, anni dopo, fu descritto dal cantante come il più imbarazzante della sua vita.
Dopo la lunga pausa e il concerto al Live Aid, il gruppo si riunisce per registrare l'album Notorius. Dei cinque membri iniziali, rimasero solo Simon, Jhon e Nick, cui si uniranno, nel settembre dell'86, Warren Cuccurullo e Niel Rogers per il completamento dell'album.

Anche se il singolo Notorius si confermò una hit a livello mondiale, il gruppo, ormai divenuto un trio, sembrava aver perso quell'alone e quel fascino che aveva caratterizzato i primi anni di carriera. 

La loro musica si era fatta più matura e intima e decisamente meno "pop" e anche se il tour mondiale Strange Behaviour ebbe un discreto successo, fu evidente che la band aveva imboccato una strada che l'allontanava sempre più dalla ribalta.
Nel 1988 uscì l'album Big thing che conteneva i singoli I don't want your love che ebbe molto successo sia in Inghilterra sia in America. All she wants is, invece, non sfondò oltre oceano dove il pubblico non era ancora abituato ai suoni della house music ampiamente usata in questo brano. In realtà tutto l'album risultava essere molto sperimentale e creativo ispirandosi all'hip-hop e all'acid house e unendo questi suoni a quelli pop classici caratteristici del gruppo.
Nell'Aprile del 1988, dopo un lungo tour mondiale, il chitarrista Cuccurullo e il batterista Sterling Campbell furono considerati ufficialmente membri dei nuovi Duran Duran.
Alla fine dell'89 uscì la raccolta Decade che racchiudeva i loro più grandi successi dei 10 anni appena trascorsi. Nel 1990 il nuovo album Liberty risultò essere molto lontano dal loro ultimo lavoro Big Thing. Era una sorta di riavvicinamento al genere del passato ma non ebbe molto successo. Due i singoli principali, Violence of summer e Serious.



La popolarità del gruppo proseguì tra alti e bassi alimentata dall'uscita di altri album. 

Nel 1993 The wedding album contenente i singoli Ordinary world e Come undone, Thank you nel 1995 con all'interno il singolo Perfect day cover del celebre brano di Lou Ree.
Nel 1997 uscì Medazzaland solo per il mercato americano. Nel 2004 finalmente, con l'uscita di Astronaut il gruppo torna alla ribalta.
Nel 2005 a Roma si tiene un concerto ispirato al famoso Live Aid del 1985, sempre con l'organizzazione dell'evergeeen Bob Geldof. I Duran Duran, nella cornice del circo massimo, si esibirono con le loro canzoni più famose.
Il presente di questo mitico gruppo è segnato dall' uscita di Paper gods nel 2015. Album che vede collaborazioni illustri come quella dell'ex chitarrista dei Red hot chili pepper Jhon Frusciante. Il primo singolo estratto è Presuure off ( che noi conosciamo grazie anche ad una famosa pubblicità televisiva). 

Duran-Duran




Claudia-Gerini

Claudia Gerini
Claudia Gerini nasce a Pontedera negli anni ’70. Completa il liceo linguistico e collabora saltuariamente con un’importante testata giornalistica. Poi abbandona gli studi e le passioni per un impiego fisso. Da più di 15 anni infatti lavora nel reparto gastronomia di un supermercato. Adora la sua famiglia ed è ciò a cui si è ispirata per scrivere questo suo primo romanzo.
Il sogno di Giulia, Lettere Animate.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!