• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Scrittori] Intervista a Jessica Pecchioli, a cura di Silvia Pattarini

Jessica-Pecchioli

Un caffè con Jessica Pecchioli, in tutti gli store online con il suo ultimo romanzo "Musica nuova", una favola tra musica e silenzio.

Ciao Jessica, e benvenuta nel sito “Gli scrittori della porta accanto – Non solo libri”.  Per rompere il ghiaccio, visto che ci troviamo in un caffè letterario virtuale, permettimi di offrirti virtualmente un caffè, un tè, una tisana, una bibita fresca o…  cosa preferisci? 
Va benissimo un caffè, grazie.

Jessica-Pecchioli
Ora che abbiamo rotto il ghiaccio raccontaci qual è quell’alchimia, quella scintilla interiore che ti  spinge a scrivere nella vita di tutti i giorni: cosa ti affascina e ti ispira?
Della scrittura amo la magia del momento creativo, quel processo automatico che inanella un'immagine dopo un'altra, una vicenda dopo l'altra, senza neppure che tu sappia di poterlo fare. E soprattutto senza sapere dove esattamente andrai a finire. E poi la progettualità che comporta: l'arrivo dell'idea originaria, la costruzione creativa, e poi la fase di sistemazione e limatura, la ricerca del modo di dare alla luce la tua creatura e il tentativo di diffonderla un po'. Un gran bel gioco, ogni volta diverso. 
Quanti libri hai scritto, quanti e quali sono? 
Prima di Musica Nuova, appena uscito per 0111 Edizioni, ho pubblicato un altro romanzo: La badante della signora Corsini, con Autodafè Edizioni, nel marzo 2015.

Vuoi raccontarmi brevemente di "Musica Nuova", incuriosisci i lettori. Perché dovrebbero leggere il tuo libro? 
Musica Nuova, in due parole, è una favola tra musica e silenzio. Perché leggerlo? Forse per saggiare due diversi fili conduttori, che corrono paralleli nella storia: quello delle immagini e quello dei suoni. 

Ci sono esperienze autobiografiche nelle tue storie o nei tuoi personaggi?
C'è tutta la mia fascinazione verso la musica, a cui ho sempre ruotato intorno, che ho sempre corteggiato e lambito. Il romanzo è una costruzione fantastica sull'insieme di queste suggestioni. 

Come intendi impostare la promozione dei tuoi libri: ti impegni personalmente in presentazioni presso biblioteche, librerie, centri culturali e assessorati alla cultura, oppure preferisci il web o, tutte le soluzioni possibili purché se ne parli? 
Preferisco l'approccio di persona. Il libro è per me anche un ponte per “creare qualcosa con le persone”, per cercare collaborazioni e aprire spazi. Col primo romanzo non sempre ho trovato riscontro, vediamo con questo, che è “artisticamente polivalente”. Intanto la copertina è opera di una pittrice, Graziella Atzori, che l'ha dipinta appositamente. 

Il tuo editore ti supporta nella promozione del libro, in caso affermativo, in che modo? 
Siamo agli inizi della collaborazione con 0111, ancora non posso dire granché su questo punto. Però l'impressione fino ad ora è ottima, mi sembrano bene organizzati. 

Intendi iscrivere “Musica Nuova” a premi  o concorsi per narrativa edita o non ci hai ancora pensato? 
Vediamo, se capita, senza crederci troppo.

Che tipo di lettrice sei: preferisci sfogliare le pagine dei libri, annusando il profumo delle pagine, oppure ti sei lasciata sedurre dalle nuove tecnologie  preferisci gli ebook? 
Assolutamente ferma al libro di carta, che ho sempre con me, in borsa: un compagno di viaggio. 

Progetti per il futuro: ci sono nuovi lavori in corso, nuove pubblicazioni o ambizioni particolari? 
Sto scrivendo una cosa nuova, che procede piano ma procede. Troppo presto però per parlarne. Anche la scrittura è una compagna di viaggio ormai, anche un quaderno e una penna sono sempre con me.

Dove possiamo trovare i tuoi libri? 
Di certo in qualche libreria di Firenze, su richiesta da Feltrinelli. E poi sul sito della casa editrice e sulle consuete piattaforme di acquisto on line. 

Jessica ti ringrazio tantissimo per essere stata con noi e, a nome degli scrittori della porta accanto ti faccio i complimenti per il tuo ultimo libro, in bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!

Musica-Nuova

Musica Nuova

Il protagonista del romanzo è Francesco, un giovane chitarrista che ha fatto della musica il proprio mondo, il rifugio dagli aspetti della società che sente distanti. La sua vita scorre serena sotto il segno della musica e degli affetti familiari, fino all'insorgere di un grave problema di salute che ne mina l'equilibrio.
Attraverso fasi alterne di elaborazione del lutto, attraverso rovesciamenti di abitudini, rivoluzioni affettive, tradimenti e trasformazioni delle persone vicine, Francesco approderà alla speranza, sperimentando la possibilità di una vita diversa, una musica nuova che saprà andare oltre la malattia.

di Jessica Pecchioli | 0111 edizioni | Narrativa
ISBN 978-8893700818 | cartaceo 12,33€ |  ebook 3,99


Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!