• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Scrittori] Intervista a Marina Salucci, a cura di Silvia Pattarini

Intervista-Marina-Salucci

Un caffè con Marina Salucci, in tutti gli store online con il suo ultimo romanzo Di cristallo e di fiamma. Il mondo dei corrotti, soprattutto politici, l’arte a tutto tondo, la natura, la passione, forse l’amore, il coraggio del cambiamento.

Ciao Marina, e benvenuta nel sito de “Gli scrittori della porta accanto – non solo libri”.  Per rompere il ghiaccio, visto che ci troviamo in un caffè letterario virtuale, permettimi di offrirti virtualmente un caffè, un tè, una tisana, una bibita fresca o…  cosa preferisci?
Beh, sarei tentata dalla tisana, perché sono salutista alquanto, ma… Sento già l’aroma del caffè che sta te preparando, e decido dunque che stavolta cederò al fascino di una bevanda che si porta dietro fascino e storia. Specialmente in letteratura! Ristretto, grazie!

Come sei capitata sul nostro webmagazine e perché hai deciso di affidarti a noi per la promozione del tuo libro?
Ho letto l’intervista di un’amica scrittrice che mi è piaciuta molto ed ho apprezzato anche l’idea. In un mondo superveloce non è facile avere la possibilità di argomentare con calma, di raccontarsi seduti a un tavolino, e di farlo con la modalità da me preferita, quella che mi accompagna fin da piccola: la scrittura! Allora ho deciso di contattarvi!

Ora che abbiamo rotto il ghiaccio raccontaci qual è quell’alchimia, quella scintilla interiore che ti  spinge a scrivere nella vita di tutti i giorni: cosa ti affascina e ti ispira?
Non c’è qualcosa di predefinito, per fortuna! È questo il fascino della scrittura! Succede tutto per caso. I miei libri non partono dalle vicende eclatanti, rumorose, e non sono studiati a tavolino. Sono gli eventi quotidiani che spesso mi colpiscono, quelli dietro cui intravedo la possibilità di scavare, oltre le apparenze e le superfici. E quando qualcosa mi emoziona, comincio a sentire un vortice dentro che mi dice “scrivi, racconta”. E prima o poi si cede, e si parte con la penna, per un viaggio nuovo, molto impegnativo ma avvincente: s’incontrano ostacoli, a volte ci si perde, si deve tornare indietro, ma poi si arriva alla meta, e quello è un momento appagante, perché il libro potrà parlare ad altri, portare in giro i messaggi che ci sono dentro. 

Marina-Salucci
Quanti libri hai scritto, quanti e quali sono?
Siamo arrivati al terzo. Il primo è una raccolta di racconti, “L’altra città”, edito da Traccediverse. Poi ho affrontato il romanzo, con grande soddisfazione, scrivendo “L’acero delle stelle”, edito da Leucotea. L’ultimo nato è il romanzo “Di cristallo e di fiamma”, sempre con Leucotea.

Vuoi raccontarmi brevemente qualche curiosità su “Di cristallo e di fiamma”? Incuriosisci i lettori. Perché dovrebbero leggere il tuo libro?
Perché si parla di un tema attuale e spinoso, che ci riguarda tutti: la corruzione, e lo si fa cercando si scandagliarne le dinamiche. Si scava nel mondo dei corrotti, soprattutto politici, ma la narrazione incontra anche altri temi: l’arte, a tutto tondo, la natura, la passione, forse l’amore, e il coraggio del cambiamento. Tutto questo tramite la storia di un insegnante insicuro, impaurito, che ha in sorte di imbattersi in una faccenda di malaffare, legata ad un affresco del 1400. Il protagonista deve prendere una decisione importante, che lo fa precipitare in un conflitto lacerante. Finché un personaggio femminile gli fornirà i dati e la linfa nuova che gli renderanno possibile una scelta… 

Ci sono esperienze autobiografiche nelle tue storie o nei tuoi personaggi?
Io finora ho quasi sempre scritto storie al maschile, e non ci sono esperienze autobiografiche. Ma la frase di Flaubert, “madame Bovary c’est moi” mi ha illuminato, e ho capito che, anche se scrivi la storia di un uomo che ha esperienze diverse dalle tue, c’è sempre qualcosa di te in quello che scrivi. Di quello che porti dentro, che ti ha emozionato, addolorato, reso felice, di quello che hai conosciuto, e naturalmente di quello che hai letto. Insomma, quando scrivi, metti insieme pezzettini di te per formare la storia e i personaggi! 

Come intendi impostare la promozione dei tuoi libri: ti impegni personalmente in presentazioni presso biblioteche, librerie, centri culturali e assessorati alla cultura, oppure preferisci il web o, tutte le soluzioni possibili purché se ne parli?
Entrambe le cose. Il web è molto importante, è un canale privilegiato e molto visibile, ma non si può prescindere dal contatto diretto con i lettori, che è anche piacevole e stimolante. Seleziono però le attività. Ad esempio, mi avevano proposto una serata di competizione fra scrittori, una gara in cui il pubblico ascoltava una pagina scritta da ciascun partecipante e proclamava il vincitore. Ho detto di no, perché la competizione in letteratura non la condivido. Ce n’è già troppa in giro, e all’ultimo sangue…
Ho presentato finora il mio ultimo romanzo nelle Biblioteche, in alcuni Municipi, nello studio di un amico pittore, poiché nella storia l’arte ha una grande importanza. Il 23 aprile sarò a Florarte una bellissima manifestazione ad Arenzano, in Liguria. Siete tutti invitati!

Il tuo editore ti supporta nella promozione del libro, in caso affermativo, in che modo?
L’Editore mi ha dato modo di partecipare ad alcuni Saloni del libro, quali Torino, Pisa, Bordighera. Pubblicizza poi le mie attività e i miei libri sui suoi Blog. Inoltre per la prima presentazione di “Di cristallo e di fiamma” il relatore è stato lui!

Direi che da parte dell'editore hai un buon supporto, non tutti si mettono in gioco in prima persona. Intendi iscrivere “titolo ultimo libro” a premi o concorsi per narrativa edita o non ci hai ancora pensato? 
Muoversi nel mondo dei Concorsi è estremamente difficile. Ce ne sono miriadi e non si può partecipare a tutti. Per questo ho chiesto all’Editore di consigliarmi qualche concorso per cui valga la pena di muoversi, e certamente lo farò.

Che tipo di lettrice sei: preferisci sfogliare le pagine dei libri, annusando il profumo delle pagine, oppure ti sei lasciata sedurre dalle nuove tecnologie  preferisci gli ebook?
Ho dovuto per forza imparare a destreggiarmi con il computer, ma la mia attività informatica si ferma alla scrittura. Il profumo della carta stampata mi ha sempre sedotta, fin da piccola, come il profumo dell’inchiostro. Inoltre vedere la copertina già ti dice qualcosa del libro e del suo autore. E poter sfogliare le pagine, entrare in contatto fisico con il libro, vedere il segno della lettura che avanza, per me è irrinunciabile!

Progetti per il futuro: ci sono nuovi lavori in corso, nuove pubblicazioni o ambizioni particolari?
Sta nascendo il quarto libro, che parlerà del lavaggio del cervello dei media, in particolare sui giovani, purtroppo. Sarà la storia di due adolescenti che passano la notte all’addiaccio per essere i primi a comprare il nuovo cellulare tutto facente. Ma durante la giornata succederà qualcosa di molto, troppo importante…

Dove possiamo trovare i tuoi libri? 
Spero di avervi incuriosito abbastanza. I miei libri si possono ordinare in tutte le librerie. Ma siccome qui siamo nel virtuale, eccovi intanto il link della casa editrice, di Ibsebay e Amazon a voi la scelta. Qui potete acquistare i miei libri con il fatidico clic e con lo sconto! Arrivano in due giorni, solitamente! Inoltre, se volete visitare la mia pagina Facebook, mi farà molto piacere!
Grazie ai lettori per l’attenzione! E a voi per il caffè, ristretto al punto giusto!



Marina, ti ringrazio tantissimo per essere stata con noi e, a nome degli scrittori della porta accanto ti faccio i complimenti per il tuo ultimo libro, in bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!

Di cristallo e di fiamma

Appena varca la soglia di Villa Fugazzi, Fulvio Arrighi precipita nell'atmosfera irreale d'un insolito convegno. Perché quell'ambiente da gran ballo nobiliare? L'occasione è certamente importante, si apre al pubblico l'affresco del Rossino, grande pittore rinascimentale. Ma al professore qualcosa non quadra. Sarà Sandra Martino, giornalista d'assalto incontrata in un antro della Villa, a rivelargli una verità scomoda: l'affresco è un falso e le incredibili cifre stanziate servono a foraggiare una storia di corruzione, che parte dall'Assessore della cittadella e arriva fino al Ministro. Il professore è perplesso, ma Sandra lo incalza, e gli parla del pittore infelice, creatore di un rosso magico: di cristallo e di fiamma. Ci vuole molto coraggio per denunciare la disonestà e l'inganno, e marciare contro l'Araba Fenice del Potere. Fulvio ci riuscirà?

di Marina Salucci | Leucoteca | Narrativa
ISBN 978-8897770480   | cartaceo 15,90 € |  ebook 5,99 €


Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!