• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Il Cielo d'Inghilterra" di Loriana Lucciarini, recensione di Elena Genero Santoro

Il-Cielo-d-Inghilterra-Loriana-Lucciarini-recensione

Il Cielo d'Inghilterra, di Loriana Lucciarini, Arpeggio Libero, 2015. Una storia d'amore basata sugli equivoci, incomprensioni, litigi e amarezze, il tutto nella cornice dell’aristocrazia e sotto il cielo inglese.

Cristina è la giovane figlia di una coppia di albergatori romani che ad un certo punto ospitano una anziana vedova inglese. Costei si affeziona molto a Cristina tanto da invitarla in Inghilterra dove Cristina conoscerà i nipoti della donna, Steve, Mary e Susan
Qui Cristina capisce che i Walker Jones, la famiglia che la ospita, sono ben più ricchi di quanto lei stessa avesse immaginato ed entra in contatto con la nobiltà inglese e con gli obblighi dettati dall’etichetta. Nonostante ciò, diventerà parte integrante di una famiglia affettuosa, che inizierà a considerarla quasi come una cugina.
Due anni dopo, la vedova viene a mancare e a questo punto Cristina viene convocata a Londra perché nominata tra gli eredi. L’anziana, infatti, le ha lasciato una parte ben cospicua del patrimonio, tra cui una villa da riqualificare e Cristina deve fermarsi in Inghilterra il tempo sufficiente per realizzare tutti i lavori.
Il questo lasso di tempo Cristina riallaccerà i rapporti con il bel tenebroso Steve, dal quale si è sempre sentita attratta, ma con cui non è mai iniziata una storia. Steve si mostra da subito ambiguo verso di lei: da un canto sembra anche lui attratto, dall’altro, però, frequenta la bella e sinuosa Helen, con cui sembra essere molto intimo. Anche Cristina però farà una conquista: l’affascinante architetto Marlon Bradley che si occupa dei lavori di ristrutturazione pare completamente infatuato di lei.
È l’inizio di una storia basata sugli equivoci che porteranno a incomprensioni, litigi e amarezze, il tutto con la cornice dell’aristocrazia e sotto il cielo inglese. E anche i ricchi hanno i loro problemi…
È una storia scorrevole, che si legge in fretta perché incuriosisce. Ciò che prevale è il sentimento: questo romanzo appartiene al genere romance al cento per cento ed è concepito e portato avanti per far sognare i lettori che si sentiranno anch’essi protagonisti, tra cene in villa e feste vip. 
Lo consiglio ovviamente agli amanti del genere, a chi vuole gustare una storia d’amore tanto dolce quanto travagliata, a chi ama le famiglie unite e amorevoli come quella di Cristina, ma anche a chi vuole un romanzo ricco di descrizioni, con personaggi ben delineati.

Il-Cielo-d-Inghilterra-Loriana-Lucciarini

Il Cielo d'Inghilterra

Ambientato tra Roma e Londra, è una storia delicata dove i veri sentimenti vincono e dove le convenzioni della nobiltà inglese non riusciranno a cambiare il carattere della protagonista che, lentamente, acquisterà la determinazione necessaria per fare le proprie scelte.
Cosa fareste se un'anziana vedova inglese vi nominasse erede del suo ingente patrimonio, strappandovi alla tranquilla pensione che gestite con i vostri genitori nel centro di Roma?
È quello che capita a Cristina, la cui esistenza viene sconvolta dalla notizia della morte di una signora conosciuta tempo prima e che ha deciso, inaspettatamente, di farla sua erede. Così Cristina è costretta a tornare in quella stessa Inghilterra dove già in passato ha lasciato un pezzo di cuore, e rivedere Steve, che non è mai riuscita a dimenticare, nonostante dopo il suo ritorno a Roma lui non l'abbia più cercata.
Ma, soprattutto, dovrà fare i conti con le convenzioni sociali dell'alta nobiltà inglese che pretenderanno di cambiarla nel carattere e nei modi, stravolgendo tutti i valori in cui ha sempre creduto.


di Loriana Lucciarini | Arpeggio Libero | Romance
ISBN 978-8899355043 | cartaceo 11,90€
gli-scrittori-della-porta-accanto

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag.
L’occasione di una vita, Lettere Animate.
Immagina di aver sognato, PubGold.
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni.
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!