• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Una luce sul futuro" di Ornella Nalon, pag.69 | #85

Una-luce-sul-futuro-Ornella-Nalon-pagna69

Una luce sul futuro, di Ornella Nalon, StreetLib collana Gli scrittori della porta accanto, 2017. Quando il passato è ottenebrato dai rimorsi, solo una luce può rischiarare il futuro.

268 pagine | ebook 1,99€

Sembrò destarsi di colpo: i ricordi sfumarono, i suoi occhi tornarono alla intensa luce solare e le orecchie ricominciarono a udire gli schiamazzi dei ragazzi e il lontano abbaiare del cane. Non avrebbe saputo dire quanto tempo rimase seduto in quella panchina, con le gambe stese e le braccia aperte lungo la sua spalliera, ma doveva esserne trascorso un bel po’, considerato il diffuso formicolio che cominciava a sentire alle mani. Alcune nuvole si erano delineate all’orizzonte e, a osservarle bene, seppure lentamente sembravano in via di espansione e avvicinamento. Il soffio leggero di una sopravvenuta brezza andava a formare delle piccole increspature sulla superficie del mare; passava attraverso gli steli dei fiori, scuotendone i petali in una delicata danza; e accarezzava le foglie degli alberi, producendo un lieve fruscio. Pensò che fosse il caso di tornarsene a casa, prima di essere colto da un temporale. Si accese una sigaretta, che tenne penzoloni sulle labbra, raccolse le sporte e si incamminò a passo veloce. Durante la strada di ritorno, incrociò un’officina meccanica, ma non ebbe alcuna voglia di fermarsi. “Beh, ormai saprai anche tu che non mantengo sempre le promesse! Ma, prima o poi, ti assicuro che ti farò dare una bella controllata!”, disse a bassa voce all’auto, picchiettando sul cruscotto con la mano, come avrebbe fatto sulla spalla di un amico, per cercare di ottenere la sua indulgenza.
Quando parcheggiò nell’autorimessa, il cielo si era del tutto oscurato e la brezza si era intensificata: sollevava le foglie da terra e le faceva volteggiare nell’aria, prima di lasciarle cadere qualche tratto più avanti. Richard entrò in cucina e, per prima cosa, notò alcuni dei suoi fogli dattiloscritti disseminati sul pavimento. Pensò all’intrusione di un estraneo, ma poi, quando vide le tende scuotersi e fluttuare, capì che la finestra era aperta e che, con tutta probabilità, una folata di vento aveva fatto cadere le pagine dal tavolo. Si sentì sollevato da questa ultima ipotesi, anche se era convinto di avere chiuso tutte le imposte prima di uscire. Dopo aver riposto la spesa ed essersi versato una buona dose di liquore in un bicchiere, si sedette davanti al portatile e cominciò a scrivere. Mentre le sue dita si muovevano sulla tastiera e le parole sgorgavano velocemente dal cursore, una fitta pioggia cominciò a battere sui vetri della finestra.

~ 69 ~

Quarta di copertina
"Una luce sul futuro" di Ornella Nalon.

Cosa possono avere in comune un cantante rock e una ragazza vissuta nel 1800? Potrebbe sembrare nulla, ma la storia di Richard e Lidya vi dimostrerà che un collegamento può esserci. Dopo una breve gavetta, Richard Harvey riesce ad affermarsi nel panorama musicale londinese ed europeo. Ha rincorso la celebrità, sacrificando le amicizie, gli affetti familiari e i propri valori. Alla soglia della vecchiaia, si accorge che quanto ha ottenuto non lo ripaga di ciò che ha perduto. Un forte senso d’inutilità, il rimorso e la solitudine lo stanno conducendo verso un grave stato depressivo. Decide di affittare un piccolo castello a Filey, nel North Yorkshire e di rimanervi rinchiuso finché avrà scritto la sua biografia. Svelerà tutti i suoi segreti come atto di riscatto per una intera vita di bugie. In quello stesso castello, più di duecento anni prima, aveva vissuto Lidya, la figlia dei custodi. Una ragazza semplice, dolce e intelligente che, fin da piccola, coltivava il suo profondo amore per il figlio dei castellani. Un sentimento maturato con il trascorrere degli anni, ma destinato a incontrare molti ostacoli. Due storie totalmente diverse e separate dal tempo, ma che conosceranno un punto di connessione. Sarà quella fugace interconnessione che costituirà la salvezza per entrambi.


Leggi le altre pagine 69:


About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!