• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

"Penna", la tastiera vintage acquistabile in crowdfunding, di Lara Zavatteri

penna-keyboard-bluetooth-retro-vintage-tastiera

“Penna”: la keyboard bluetooth retro di Elretron che ricorda la macchina da scrivere, per i nostalgici del ticchettio, acquistabile su Kickstarter.

Una tastiera che ricorda in tutto le macchine da scrivere. Si chiama “Penna” ed è una tastiera che è al centro di un progetto di raccolta fondi sulla piattaforma Kickstarter promosso da Elretron che ha raccolto la bellezza di oltre 300 mila dollari. Pare che i primi esemplari di questo modello saranno in vendita da agosto.
Ma vediamo bene di che si tratta.
Prima del computer, prima dei tablet, prima degli iPad, prima degli smartphone, c'era lei: la macchina da scrivere. Ingombrante, rumorosa quando si batteva sui tasti, ma da sempre lo “strumento” di chi doveva pubblicare articoli, racconti, romanzi. La macchina da scrivere è stata l'icona della scrittura per moltissimo tempo, fino a quando, con le nuove tecnologie, si sono sviluppati altri dispositivi, sempre più leggeri, portatili, silenziosi, per scrivere ovunque. Eppure, il fascino della macchina da scrivere pare non sia mai tramontato. 
Come detto, sulla piattaforma Kickstarter sta prendendo piede il progetto per creare “Penna”, una tastiera vintage che ricorda la macchina da scrivere: ha dei tasti meccanici e a lato anche la levetta per digitare le parole più utilizzate. “Penna” è alimentata da batteria stilo e pare, anche solo a vederla, una mini macchina da scrivere.

penna-keyboard-bluetooth-retro-vintage-tastiera

Ma come funziona?

Nella parte superiore non c'è un foglio, bensì uno spazio dove inserire tablet o iPad Windows e Android, (supporta anche il sistema operativo Ios di Apple) e ha una connessione bluetooth. Insomma, alla versione di un oggetto vintage si aggiunge la tecnologia dei nostri tempi, una sorta di connubio che non rinuncia all'eleganza del passato e alle comodità del presente. 
“Penna” sarà disponibile anche in una versione legno, oppure nei colori nero, bianco, verde oliva e rosa, colori classici che anche nelle tonalità riportano indietro nel tempo. 
Per avere la tastiera è necessario però sottoscrivere il crowdfunding su Kickstarter da un minimo di 99 ad un massimo di 299 dollari (quest'ultimo prezzo per la versione in legno). 
Un'idea originale che fa comprendere come il vintage continui ad essere di moda, con un po' di nostalgia per il ticchettio delle “vecchie” macchine da scrivere. 





Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle, Un cane di nome Giuliano, Risparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Agata, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.
La strada di casa, Edizioni del Faro.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!