• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Scrittori] Intervista a Daniela Ippoliti, a cura di Silvia Pattarini

Intervista-Daniela-Ippoliti

Un caffè con Daniela Ippoliti, in tutte le librerie online con il suo ultimo libro Il giardino di Mattia: un romanzo che nasce da un tragico fatto di cronaca, per rendersi conto che le nostre esistenze sono spesso legate tramite fili invisibili.

Ciao Daniela, e grazie per avere scelto il nostro web magazine culturale. Per rompere il ghiaccio, visto che ci troviamo in un caffè letterario virtuale, permettimi di offrirti virtualmente un caffè, un tè, una tisana, una bibita fresca o… cosa preferisci?
Ciao a tutti. Credo che un caffè virtuale andrà benissimo grazie!

Ci racconti come hai trovato il nostro blog e perché hai deciso di affidare a noi la promozione del tuo libro?
Mi hanno parlato molto bene del vostro blog persone che lo seguono da tanto tempo. Inoltre il nome “ Gli scrittori della porta accanto” mi piace molto…mi fa sentire una vera scrittrice!

Il passaparola quindi, molto bene. Benvenuta tra noi! Ora che abbiamo rotto il ghiaccio raccontami qualcosa di te. Chi è Daniela nel quotidiano?
Sono dermatologa e lavoro a Roma in un ospedale; inoltre sono la mamma di un ragazzo di 17 anni. Il mio quotidiano è fatto, come quello di tutti, di tante cose. Oltre al mio lavoro, che mi occupa parecchio, faccio la madre, mi occupo delle cose relative al mantenimento della girandola che è la vita di tutti i giorni. A volte faccio volontariato presso un ambulatorio medico della Caritas dove visito coloro che non hanno la possibilità di recarsi in ospedale.

Daniela-Ippoliti
Per scrivere un libro è necessario avere una storia da raccontare: raccontaci qual è stata quell’alchimia, quella scintilla interiore che ti ha spinto a scrivere il tuo romanzo.
Era molto tempo che desideravo scrivere un libro anche perché sono sempre stata una lettrice accanita, sin dall’infanzia. Poi un giorno, per caso, un mio caro amico ( anche lui medico e scrittore) mi ha detto “ Siediti e comincia ascrivere… il resto verrà da se.” E così è stato.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere “Il giardino di Mattia”?
Ho iniziato a scrivere il libro nel mese di ottobre 2015 e lo ho terminato nel mese di aprile 2016.
In verità prima del libro è nato il titolo. Partendo da un triste evento di cronaca ( la morte di un ragazzo a causa di un incidente stradale) mi è venuta in mente l’idea della nascita del giardino e così è nato il titolo “Il giardino di Mattia”. Poi è venuta fuori, piano piano, la trama del libro, in maniera fluida e naturale, come un filo di lana che si srotola dal suo gomitolo! Il libro si rivolge a tutti, dai 16 ai 70 anni. Gli argomenti trattati sono quelli relativi alle problematiche dei nostri giorni che possono coinvolgere ognuno di noi.

Per un esordiente il percorso da seguire prima di giungere all’ambito traguardo della pubblicazione non è affatto semplice, talvolta può rivelarsi tortuoso e complicato. Raccontaci la tua esperienza.
Appena terminato il libro, dopo averlo fatto leggere ad amici e parenti per avere un parere sul lavoro o anche solo per qualche consiglio, ho spedito il manoscritto a varie case editrici che si occupano di scrittori esordienti. Dopo un po’ di tempo sono arrivate le risposte con le varie proposte editoriali. È stato un momento davvero emozionante perché quando a leggere il tuo lavoro non sono più gli occhi di chi ti vuole bene ma quelli di sconosciuti che devono dare un giudizio critico… capisci realmente se il tuo libro vale qualche cosa. Dopo aver ponderato una serie di proposte ho scelto di pubblicare con Bibliotheka edizioni. È una casa editrice seria con professionisti competenti e disponibili.

Come intendi impostare la promozione del tuo libro: ti impegni personalmente in presentazioni presso librerie, biblioteche e centri culturali , preferisci il web o, tutte le soluzioni possibili?
Sto mettendo in atto una serie di attività pubblicitarie come presentazione del libro ( la prima è avvenuta da Feltrinelli in viale Libia a Roma ma spero ce ne saranno altre), interviste radiofoniche, recensioni e interviste su blog e siti web, pagina facebook. Di questo aspetto se ne occupa in parte la mia casa editrice ed in parte dei professionisti del settore editoriale pubblicitario. Credo comunque che la migliore pubblicità sia il “ passa parola”. Quando sento che qualcuno ha letto il mio libro, gli è piaciuto e dichiara di volerlo regalare a qualche amico sono veramente molto contenta. Si scrive per comunicare emozioni. Se ci si riesce vuol dire che è valsa la pena scrivere!

Dove possiamo trovare il tuo libro?
Il mio libro può essere trovato in tutte le librerie (in alcune è già disponibile, in altre è necessario ordinarlo), su Amazon e sul sito della casa editrice sia in forma cartacea che in ebook.


Il-giardino-di-Mattia

Il giardino di Mattia

Mattia è un ragazzo di 19 anni come tanti, con una vita normale, degli amici normali ed una famiglia altrettanto normale, fino a quando tutto tragicamente si interrompe per sempre perché Mattia muore in un incidente stradale con il suo scooter. Per cercare di sopportare il dolore per la perdita del loro amico e nel tentativo di trasformare un posto dove è arrivata la morte in un luogo dove poter ritrovare un po’ di vita e di allegria, gli amici di Mattia decidono di creare un piccolo, ma attrezzato giardino nella piazza dove il ragazzo ha avuto l’incidente mortale. Questo giardino non solo diventerà il punto di ritrovo per bambini e ragazzi ma sarà anche teatro di tante storie che si intrecceranno tra di loro, cosicché la vita di alcuni individui prenderà un decorso nuovo e del tutto inaspettato. Andando a scomodare la teoria sociologica sui “sei gradi di separazione”, il libro racconta di come l’esistenza di ognuno di noi sia spesso legata, tramite un filo invisibile, all’esistenza di un altro individuo e come l’aiuto che ci serve possa giungere da ogni direzione, anche la più impensabile.


di Daniela Ippoliti | Bibliotheka edizioni | Narrativa
ISBN 978-8869342387 | cartaceo 11,00 € |  ebook 0,99 €


Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!