• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Damien Melqart. La Città degli Esiliati" di Mirco Bambozzi: angeli, demoni, vampiri,uomini, un’avventura fantastica in un lontano passato apocalittico

Damien-Melqart-La-Città-degli-Esiliati-Mirco-Bambozzi

Damien Melqart
La Città degli Esiliati

di Mirco Bambozzi
Selfpublishing
Fantasy
ISBN 978-8892660618

Un’avventura fantastica, ambientata in un lontano passato apocalittico di cui nessuno ha più memoria. Storie di angeli, demoni, vampiri, elementali e uomini, narrate fra scalate al potere, amori tormentati, tradimenti clamorosi e insospettabili alleanze. L’umanità cerca redenzione. Spiragli di salvezza s’intravedono in un’antica profezia: “Quando il Vinto sarà vinto, e solo vincerà se stesso”. L’eterno scontro fra il bene e il male incarnato dall’epica battaglia fa gli uomini e la Terra dei Vulcani.
Damien Melqart è un giovane Eretico alla ricerca di se stesso e del suo posto nel mondo. Il suo viaggio verso Elisea è costellato di insidie, incontri e rivelazioni. Le sue uniche certezze sono i compagni d’avventura e una precisa convinzione: “non esiste Bene, che sia realmente tale, che il Male possa distruggere”. Nel primo capitolo della saga, dopo una breve sosta a Desma, Damien è costretto a prendere parte alla guerra fra gli Esiliati e i vampiri di Dorodoka. Combatte per Desma, la Città degli Esiliati, ma i vampiri sono troppo potenti e una volta preso atto del pericolo, non gli resta che partire alla volta di Lemuria, la mitica città delle silfidi, alla ricerca di una speranza.

Sulla cima di una montagna, nascosti dietro una grande roccia, quattro ragazzi stavano osservando dei viandanti trattare con quelle che avevano tutta l’aria di essere le sentinelle di un ponte. Qualche miglio prima avevano notato sette figure incappucciate procedere in lontananza e avevano deciso di tenerle d’occhio. Erano scesi dal Mechaharma numero due, il veicolo sul quale viaggiavano, e avevano iniziato a braccarle muovendosi a piedi fra sentieri impervi per non destare la loro attenzione. Alla fine scoprirono che quei tizi sospetti si dirigevano verso una delle tante vette dei Monti Melabi, e furono morsi dalla curiosità di conoscere le loro intenzioni. Erano Cacciatori discendenti dalla stirpe della gloriosa Nesmak, una città ricca e fiorente nonostante gli anni del declino che avevano segnato la decadenza della civiltà.
Molte erano state le città che per centinaia di anni avevano tentato di salvare gli uomini dalle abominevoli mostruosità della Terra dei Vulcani. I Fortini di Selima erano caduti per primi. Le Vedette di Daliah e Kaliah, di guardia allo Stretto del Giudizio tra il Mare Gaio e il Mare Caldo, le avevano seguite poco dopo.
Era l’anno 4.059. I Cavalieri di Oxima erano stati i più strenui difensori della libertà, ma il loro valore e la loro prodezza non erano valsi la vittoria. Appena un secolo dopo Oxima era già caduta, e Fayla espandeva i suoi domini nel continente occidentale, Esperya. Delle grandi città che si erano contraddistinte nella lotta agli invasori, Nesmak era stata l’ultima a cadere. Ma la sua stirpe non era ancora perduta e sopravviveva in segreto nel villaggio nascosto del clan Yumi. Il gruppetto di ragazzi aveva braccato quei viandanti fin sulla vetta della montagna. La regione in cui abitavano, la regione nord-occidentale del continente Mesopya, oggi non era altro che un misero terreno di battaglia abbandonato al suo destino. Un territorio dove ogni giorno era possibile imbattersi negli scontri fra esseri umani e mostri, ovvero fra i valorosi guerrieri del Regno di Elisea e le creature mostruose provenienti dalla Terra dei Vulcani. Nessuno si aggirava più per quei luoghi desolati senza un motivo ben preciso, dunque dovevano fare chiarezza. Non erano ufficialmente in missione nelle vesti di Cacciatori, tuttavia, se avessero scoperto che quelli fossero creature della Terra dei Vulcani, sarebbe stato loro dovere annientarli.
dall'incipit del primo capitolo


Nella pagina facebook del romanzo, ogni sabato mattina alle 10, sarà pubblicato un video dalla durata compresa fra i 5-10 minuti, dove di volta in volta affronterò un argomento diverso, come i personaggi, il protagonista, le ambientazioni ...
È la presentazione on line del romanzo, studiata come se fosse una vera presentazione dell'opera e della saga, suddivisa in 20 episodi. L'ultimo episodio è previsto per il 2 settembre.



L'AUTORE



Mirco Bambozzi vive a Recanati, nelle tranquille campagne marchigiane che si estendono dai Monti Sibillini al Mare Adriatico. 
Una volta diplomato, frequenta per qualche tempo la facoltà di filosofia dell’università di Macerata, per poi lasciare gli studi e dedicarsi al canto e alla sua passione più grande, la scrittura. 
Dopo aver pubblicato La Città degli Esiliati, primo capitolo della saga letteraria fantasy Damien Melqart, attualmente sta lavorando al secondo volume, dal titolo La Battaglia dei Secoli
Nei social si possono trovare gli episodi della presentazione del romanzo, una nuova pubblicazione ogni sabato alle 10:00 del mattino.


About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...