• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Frida" di Vanna Vinci e "Divorziare con stile" di Diego De Silva, recensioni di Beatrice Rurini

Frida-Vanna-Vinci-Divorziare-con-stile-Diego-De-Silva-recensione

[Mini Book Review]

Frida Kahlo. Operetta amorale a fumetti, di Vanna Vinci, 24ore Cultura, 2017. Una graphic novel forte e decisa, come il segno lasciato da Frida nel mondo.

Una biografia sui generis, forse la più azzeccata per una donna artista a tutto tondo e forte come Frida. Penso che la sua storia sia assolutamente ben rappresentata sotto questo aspetto.
Una graphic novel che porta il segno forte, i contorni decisi e marcati, come quello lasciato Frida nel mondo.
Una storia esagerata, quella di Frida, segnata da scambi epistolari intensi, da amori passionali, da eventi tragici: il suo passo più volte è stato accompagnato dalla morte.
Una storia ben esposta e ben disegnata, quella di  Vanna Vinci, che sento proprio di consigliare ai molti che amano l'arte poiché è ben costruita e non stanca, si legge senza sforzi. L'edizione è tra l'altro molto sgargiante e può essere messa in bella vista sulla libreria.

Frida
Frida Kahlo. Operetta amorale a fumetti
Un diario a fumetti per ricomporre l'arte, la vita e i sentimenti di Frida Kahlo: l'infanzia, l'incidente, il leggendario matrimonio con Diego Rivera, la scoperta della passione per una pittura trasformata in specchio dell'interiorità. 
La storia straordinaria di una donna magnetica, carismatica promotrice della propria immagine: un'icona pop.


di Vanna Vinci | 24 Ore Cultura | Graphic novel, biografia
ISBN 978-8866483182 | cartaceo 19,47€

Divorziare con stile, di Diego De Silva, Einaudi, 2017. Una Guerra dei Roses all'italiana, uno psicodramma collettivo sul divorzio assolutamente esilarante.

Non so se sia meglio come macchietta o come avvocato, ma Malinconico ha quell'attrattiva da sfigato che, come una calamita, si lascia sedurre da cause che non portano a nulla. Le sue elucubrazioni filosofiche farebbero tranquillamente il paio coi grandi del passato, le sue analisi psicologiche metterebbero a repentaglio gli scritti di Freud, ma lui ha la jella napoletana dalla sua.
Un romanzo geniale, abbastanza scorrevole e non scontato, con una tematica molto attuale mette in evidenza quelli che sono i problemi contemporanei: la convivenza coi social, porta i nuovi cinquantenni a comportamenti infantili (non è che siamo proprio cresciuti bene, eh) per dei Peter Pan moderni. Il tutto condito con cinismo e ironia tipici del personaggio Malinconico (di nome e di fatto).
Qualche passaggio poteva essere evitato, il finale è del tutto differente da come ce lo so può immaginare e la lettura né è consigliata.

Divorziare-con-stile
Mentre vive, Vincenzo Malinconico cerca di capire come la pensa. Per questo discetta su tutto, benché nessuno lo preghi di farlo. Abilissimo nell'analizzare i problemi ma incapace di affrontarli, dotato di un'intelligenza inutile e di un umorismo autoimmune, si abbandona alla divagazione filosofica illuminandoci nell'attimo in cui ci fa saltare sulla sedia dal ridere. Malinconico, insomma, è la sua voce, che riduce ogni avventura a un racconto infinito, ricco di battute fulminanti e di digressioni pretestuose e sublimi. Puri gorgheggi dell'intelletto. Questa volta Vincenzo e la sua voce sono alle prese con due ordini di eventi: il risarcimento del naso di un suo quasi-zio, che in un pomeriggio piovoso è andato a schiantarsi contro la porta a vetri di un tabaccaio; e la causa di separazione di Veronica Starace Tarallo, sensualissima moglie del celebre avvocato Ugo Maria Starace Tarallo, accusata di tradimento virtuale commesso tramite messaggini. 

di Diego De Silva | Einaudi | Narrativa
ISBN 978-8806233310 | cartaceo 16,15€ | ebook 9,99€

Beatrice-rurini

Beatrice Rurini
Del 1969, sono appassionata di lettura e musica sin da piccola. Ho conseguito la maturità magistrale (senza insegnare), studiato pianoforte e violoncello. Lavoro come restauratrice d'arte. Sono sposata con prole e, soffrendo d'insonnia, mi appoggio alla lettura per evitare di stare con le mani in mano.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!