• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Il labirinto della memoria" di Nicolò Maniscalco, pag. 69 | #91

Il-labirinto-della-memoria-Nicolò-Maniscalco-pagina69

Il labirinto della memoria, di Nicolò Maniscalco, Zerounoundici, 2014. Droga, ricatto, personalità psicotiche, sogni allucinati in un noir ricco di colpi di scena.

190 pagine  | ebook 2,99€ PROMO 0,99€

Daniela cambiò tattica, si girò verso la guardia e con gli occhi da pesce bollito le sussurrò: «Non si arrabbi. Le chiedo solo di andare in bagno.»
La donna la squadrò, era gracile ed emaciata, non poteva giocarle alcuno scherzo.
«Va bene» disse e lentamente la liberò dalle cinture che le legavano braccia e gambe, tenendo sempre bene in vista i suoi movimenti.
Il carabiniere Manca arrivò in quel momento per rilevare Bianchi.
«Ciao. Cominciavo a fare i funghi qua dentro» gli disse Bianchi appena lo vide. «Ho voglia di un caffè, prima di smontare. Ne vuoi uno anche tu.»
«Sì, grazie, mi terrà sveglio.»
Manca guardò il collega e indicò con la testa la porta della stanza di Daniela, facendo implicitamente la domanda se fosse stato o no il caso di lasciare il corridoio.
L’altro con fare rassicurante gli disse: «C’è dentro la collega della Penitenziaria. Dai vieni, la macchinetta del caffè credo sia qui dietro…»
«Sì, è alla base delle scale, dietro l’angolo» disse Manca un po’ titubante.
«Tanto si tratta di pochi minuti.»
L’agente di custodia stava aiutando Daniela ad alzarsi e aveva preventivato di utilizzare tutta l’energia necessaria che aveva per alzare quel corpo che, per quanto minuto, era privo di forze, secondo la sua valutazione.
La ragazza era sostenuta dalla guardia che faticosamente cercava di metterla in piedi quando, improvvisamente, si trasformò in una tigre, almeno quella fu l’impressione che ebbe l’agente sentendo il verso rabbioso uscire dalla bocca della ragazza; tutto questo prima di sentire il colpo alla tempia e piombare nel buio assoluto.
Bianchi e Manca stavano bevendo il caffè, mentre Daniela in divisa da agente penitenziario stava uscendo dal pronto soccorso dell’ospedale San Martino.

~ 69 ~

Quarta di copertina
"Il labirinto della memoria" di Nicolò Maniscalco.

La memoria è molte cose! Per la biologia è un ammasso di proteine accumulate nelle cellule cerebrali. Per la psicologia è la capacità di riprodurre nella mente stati di coscienza passati. Per l’informatica è l’insieme dei dati archiviati su un dispositivo elettronico. Per la vittima è la ricerca della vendetta. I ricordi girano, girano… girano nella trama del labirinto della memoria e poi escono, a volte silenziosi altre volte con un’esplosione udita solo da chi se ne libera.


Leggi le altre pagine 69:


About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!