• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "La signora dei colori" di Maurizio Spano, un enigma, un groviglio apparentemente indipanabile, una Signora e le sue dame

La-signora-dei-colori

La signora dei colori

di Maurizio Spano
StreetLib
Giallo
ASIN B073GCH93N
presto disponibile anche il cartaceo

Sospeso fino all'ultima pagina tra reale e immaginario, “La Signora dei colori” è il racconto di un’avventura straordinaria vista attraverso gli occhi di Alessandro Sebastiani, uomo dall’esistenza tranquilla, studioso e docente universitario di storia. Improvvisamente Anna, l’amica del cuore, scompare, svanisce nel nulla. Un avvenimento sconvolgente, un enigma, un groviglio apparentemente indipanabile, che irrompe improvviso nella vita del protagonista e della sua famiglia. Sarà Attilio Assani, ispettore di Polizia e amico di Alessandro, ad accompagnarlo nel viaggio, affascinante e pericoloso, alla ricerca di indizi e spiegazioni: una Signora e le sue dame; uno spietato assassino e un giuramento, una promessa antica da mantenere, nello scorrere inesorabile dei secoli. Un museo, un quadro, un castello e un mondo tragico e, al tempo stesso, meraviglioso che, lentamente, affiora dalle nebbie del tempo.
"Le nostre vite, contro la loro volontà, stavano cambiando direzione, volgendosi verso un orizzonte mai desiderato. L’eterna ingiustizia dell’improbabile ci aveva coinvolto per l’ennesima volta. Qualsiasi progetto, fatto soltanto una settimana prima, ora non aveva più alcun significato" ricorderà Alessandro, pensando al viaggio che da Padova li aveva condotti a Napoli, adesso, all'inizio dell'avventura, immersi tra amori e crudeltà che si intrecciano e la verità che, lentamente, offrirà il suo stravagante palcoscenico a personaggi sempre in bilico fra la durezza della realtà e la redenzione della fantasia.

Ci fu una pausa. Per quasi cinque minuti il silenzio tornò a regnare nelle stanze. Solo qualche rumore di auto in strada. Stavamo seduti attorno al tavolo, in cucina. Gli sguardi nelle direzioni più disparate. Il bianco dei pensili, la passione della padrona di casa, ora sembrava piegare lentamente verso il pallido grigiore che s’intravedeva oltre i vetri appannati, rendendo ancora più sinistri i nostri pensieri.
Poi Attilio si alzò, andando alla finestra. Speravo gli fosse venuta un’idea brillante, ma si limitò ad aprire completamente gli scuri, accendendosi una sigaretta. I rumori della città entrarono veloci nell’appartamento, riportandomi alla realtà di un mondo che, anche se apparentemente lontano, continuava a girarci attorno.
L’odore di caffè, per un attimo, sembrò allentare la tensione. Mi avvicinai anch’io alla tenda, osservando il cielo, più cinereo del solito. Là fuori, in qualche meandro di un universo a noi sconosciuto; viva, morta, in lacrime o sorridente, stava Anna: avvolta nel mistero di un giorno qualsiasi.

L'AUTORE



Maurizio Spano, scrittore, musicista, pittore, attore di teatro e fotografo, è nato nel 1960 ad Adria (RO) dove attualmente abita con la moglie Maria Letizia.
Ha due figli: Marco e Stefano.
La sua attività di scrittore si rende concreta nel 2011 con la pubblicazione del romanzo “Francesca” seguito, nel giugno del 2013, dalla seconda opera narrativa “La Signora dei Colori”, di cui pubblica una seconda edizione nel 2017, e, nel dicembre 2015, dal terzo libro "Nato di Domenica".

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!