• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Professione lettore] La vita nelle comunità ebraiche del Novecento attraverso i libri dei fratelli Singer, di Lara Zavatteri

singer-scrittori-famiglia

Uno spaccato della storia ebraica attraverso gli occhi di tre generazioni e i romanzi dei fratelli Singer, il premio Nobel Isaac, Israel e la sorella maggiore Esther Kreitman.

La famiglia Karnowski” di Israel J. Singer, scritto nel 1943, ripercorre la storia di una famiglia ebrea dalla Polonia fino in America, passando attraverso momenti storici come la prima guerra mondiale e l'ascesa al potere di Adolf Hitler in Germania.
Il libro, che inizia ai primi del Novecento, narra le vicende della famiglia seguendo le vicissitudini di tre protagonisti, a partire da David, capostipite, che decide di lasciare il piccolo villaggio polacco dove è cresciuto e si è sposato con Lea, per approdare a Berlino, soprattutto perché affascinato dalle idee del filosofo ebreo Moses Mendelssohn
Mentre David si ambienta subito in Germania, diventando un personaggio in vista all'interno della Comunità, la moglie Lea non riesce a rassegnarsi e sogna solamente di ritornare in Polonia.
Mentre il padre è un ebreo convinto, non lo è invece il figlio di David, Georg Moses, che rinnega la fede ebraica, diventa ateo e sposa una gentile, Teresa, ovvero una non ebrea. Sarà lui a prestare servizio come medico durante il primo conflitto mondiale e lui il primo ad allontanarsi dalla tradizione e dalle fede dei suoi avi.
Il terzo protagonista è il nipote di David e figlio di Georg, Joachim Georg (chiamato Jegor) che cresce nel periodo dell'ascesa al potere del partito nazionalsocialista di Hitler. Lui, ebreo di terza generazione, si ritrova affascinato dalle idee di Hitler e influenzato dallo zio ariano, che gli descrive la sua famiglia, e gli ebrei in generale, come una razza infima, responsabile di tutti i mali della Germania e anche della sconfitta durissima della prima guerra mondiale. Per allontanare il figlio da questo ambiente la famiglia si trasferirà a New York, ma neppure in America troveranno la pace, infatti Jegor sarà il responsabile di tutti i problemi della famiglia dovuti al suo odio per gli ebrei.

La-famiglia-Karnowski

La famiglia Karnowski

di Israel J. Singer
Adelphi
ISBN 978-8845929632
ebook 2,99€
cartaceo 8,50€

La famiglia Karnowski” riprende una grande storia di famiglia ebrea come già aveva fatto La famiglia Moskat” di Isaac B. Singer, il fratello. In quel testo però la storia era molto più corale, i personaggi moltissimi e l'ambientazione quasi tutta in Polonia. In “La famiglia Moskat”, inoltre, la storia terminava più avanti, allo scoppiare della seconda guerra mondiale.
Ai fratelli Singer (Isaac fu premio Nobel per la letteratura), ebrei polacchi, si aggiunge anche la sorella maggiore Esther Kreitman Singer, a sua volta scrittrice. Di lei si è sempre parlato poco: privata dell’istruzione concessa ai fratelli, costretta a sposarsi, rifiutata dalla madre perché brutta, relegata in cucina, ma incapace di stare zitta. Uno dei suoi libri più famosi è L'uomo che vendeva diamanti, ambientato prima nella Anversa dei commercianti e tagliatori di diamanti ebrei, poi nella Londra dei rifugiati durante la prima guerra mondiale.

La-famiglia-Moskat

La famiglia Moskat

di Isaac B. Singer
TEA
ISBN 978-8850220236
cartaceo 9,35€

L'uomo che vendeva diamanti

di Esther Kreitman Singer
Bollati Boringhieri
ISBN 978-8833927626
ebook 9,99€
cartaceo 14,88€
L-uomo-che-vendeva-diamanti

Tre libri da leggere per comprendere la vita nelle comunità ebraiche nel corso del Novecento, duramente segnate dai pogrom, da pregiudizi prima, in seguito dai rastrellamenti, dalla costruzione dei ghetti e dei campi di concentramento poi.

Lara-Zavatteri

Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle,Un cane di nome Giuliano, Risparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.
La strada di casa, Edizioni del Faro.
Agata. Come un funerale ti salva la vita, Youcanprint.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...