• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Professione lettore] Le tazze per gli amanti della letteratura con le frasi celebri dei libri, di Lara Zavatteri

tazze-letterarie-medithate

Bere letteratura con le tazze di Meditathe: mug speciali con gli aforismi e le frasi più celebri dei grandi libri della letteratura.

Chi l'ha detto che la letteratura si può solo leggere su un libro? La letteratura si esprime in molte forme. Dopo le panchine con disegni, fumetti e frasi ispirate alla letteratura e i calzini che riproducono le fattezze di scrittori e scrittrici famosi, uno per tutti William Shakespeare, ora ecco anche le tazze del magico universo dei libri. Tanti modi per diffondere la cultura del libro, la bellezza della lettura, anche i classici che magari per qualcuno risultano un po' ostici.
Meditathe è un marchio di Frezza Giuseppe che comprende tutta una serie di tazze su cui sono scritte le frasi più celebri di libri famosi, oppure degli aforismi, a volte anche con dei disegni.
Le tazze riportano frasi di autori come Melville (Moby Dick), di personaggi dei libri come il Piccolo Principe ("Ciò che è essenziale è invisibile agli occhi"), ma anche dei grandi della letteratura, come Giacomo Leopardi, Oscar Wilde, o della poesia, come Charles Baudelaire, o frasi tratte dai libri come Alice nel paese delle meraviglie. Accanto alle tazze che si ispirano alla letteratura, se ne trovano anche altre più “filosofiche”, come quella di Nietzsche, per fare un esempio.
Le tazze letterarie si trovano nelle migliori librerie, ma anche su Internet, per avere un'idea si può consultare il catalogo direttamente sul sito di Meditathe o acquistarle su Amazon a meno di 13 euro.


Perché comprare o comprarsi delle tazze letterarie? 

Perché la letteratura è sempre di moda, le tazze sempre un bel regalo e le due cose insieme non possono che funzionare. Per chi è un assiduo lettore sarà un regalo più che gradito, altrimenti potrebbe essere un modo per avvicinare anche chi legge poco al mondo dei libri.
Insomma un libro resta sempre un supporto da sfogliare, ma la letteratura diventa molto di più. La si può indossare, utilizzare in cucina, sedercisi sopra in un parco e chissà cos'altro ci riserverà il futuro. L'importante è non perdere la sete di letture e far conoscere i libri in tutti i modi possibili, anche mentre si fa colazione. Potrebbe essere un'idea anche per gli scrittori del nostro tempo, ad esempio gli autori indipendenti, per pubblicizzare così la propria opera...

Lara-Zavatteri

Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle,Un cane di nome Giuliano, Risparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.
La strada di casa, Edizioni del Faro.
Agata. Come un funerale ti salva la vita, Youcanprint.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!