• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Le mille facce della stessa moneta" di Francesco Nucera, recensione di Giulia Mastrantoni

Le-mille-facce-della-stessa-moneta-Francesco-Nucera-recensione

Le mille facce della stessa moneta, di Francesco Nucera, Augh! Edizioni, 2017. Uomini e donne in una perenne lotta con la quotidianità, ironici spaccati della società italiana del secolo scorso per parlare di disagio esistenziale.

Ma non è che ‘sta vita è una gran palla, anziché l’avventura avventurosa che tutti proclamano di star sperimentando? Lo pensano un po’ troppe persone, dal commesso del negozio di scarpe fino al serial killer che dovrebbe infettare i bambini con un virus letale. La vita è qualcosa che non è andato come previsto, un intoppo, un tentativo finito male. Per tutti loro. E quindi come cavolo si risolve la questione?
I protagonisti della raccolta di racconti di Francesco Nucera sono persone normalissime, gente cui la vita ha promesso qualcosa, senza però ricordarsi di concederla davvero. Sono esseri umani che lavorano, uccidono, impazziscono e cercano di sopravvivere in un mondo che diventa sempre meno approcciabile e ordinario.
Si inizia con Carlo, commesso che ama qualcuno che esiste solo nella sua immaginazione. O forse no? Ma è controllo o amore? E se fosse pazzia?
Si prosegue, poi, con una serie di figure, tra cui il terribile Ivan, che hanno questioni irrisolte, interrogativi esistenziali e missioni da compiere. Ma le compiranno? E se non volessero portarle a termine? E poi, perché bisogna a tutti i costi avere uno scopo?
L’ambiente in cui il tutto ha luogo è la bella Milano, una città invivibile e diventata un agglomerato di ombre. Tutti cercano di sopravvivere come possono, ma non c’è più nulla di ‘normale’, a Milano.
Ben scritto, piacevole e decisamente noir, il libricino di Nucera è una lettura adatta a una giornata in spiaggia o a un pomeriggio durante il quale si vorrebbe tanto essere in riva al mare. Raccontini veloci, pungenti e pensati per un’Italia che deve rimettersi in carreggiata.

Le-mille-facce-della-stessa-moneta

Le mille facce della stessa moneta

Carlo lavora in un negozio di articoli sportivi in un centro commerciale; Tazio, dopo una brillante carriera automobilistica, ora ripara trattori in un'autofficina; Imma e Mario si amano da tempo, ma non possono vivere liberamente la loro storia. 
Questi sono solo alcuni dei personaggi degli undici racconti de Le mille facce della stessa moneta, e il profilo che ne traccia l'autore è quello di uomini e donne in una perenne lotta con la quotidianità. Nessuno di loro è un eroe, ma tutti - o quasi - vorrebbero esserlo, insoddisfatti di ciò che sono. Ed è proprio questa insoddisfazione a generare il disagio esistenziale, tema portante della narrazione a cui Francesco Nucera alterna ironici e gradevoli spaccati della società italiana del secolo scorso.

di Francesco Nucera | Augh! Edizioni | Racconti
ISBN 978-8893431484 | cartaceo 10,20€



Giulia Mastrantoni
Da quattro anni collaboro all’inserto Scuola del Messaggero Veneto, scrivo per il mash up online SugarPulp e per la rivista dell’Università di Trieste Sconfinare.
Dopo aver trascorso un periodo in Inghilterra, ho iniziato un periodo di studi in Canada, ma, dovunque sia, scrivo.
Misteri di una notte d’estate, ed. Montag.
One Little Girl – From Italy to Canada, eBook selfpublished.
Veronica è mia, Pensi Edizioni.
La forma del sole, StreetLib collana gli scrittori della porta accanto.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!