• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] Isabella Piersanti presenta "Da piccola ero Down", nell'intervista si Silvia Pattarini

Isabella Piersanti presenta "Da piccola ero Down" - Foto autore e libro

In anteprima Da piccola ero Down, di Isabella Piersanti, Il prato, 2017. Un libro che parla al cuore, anche a chi non vive questa condizione, per dire che avere una figlia con la sindrome di Down non è un dramma.


Da piccola ero Down - cover

Da piccola ero Down

di Isabella Piersanti
Il prato
Non-fiction
ISBN 978-8863363692
cartaceo 12,00 €
ebook 3,99 €

Perché ho scritto queste pagine?
Beh, prima di tutto per me stessa, per mettere ordine nelle mie poche idee ma confuse, come diceva il grande Ennio Flaiano.
Poi per Valentina, la mia figlia maggiore, perché possa conoscere la storia della nascita della sorella e perdonarci se qualche volta le abbiamo dato l’impressione di trascurarla; per dirle che le vogliamo un mondo di bene e che per questo le abbiamo voluto dare una sorella, per dirle che le siamo grati perché, se oggi Giulia è quella che è, moltissimo è per merito suo.
Per Giulia, perché un domani possa ripercorrere la sua storia.
Per Francesco, mio marito, con cui ho iniziato e continuo questa splendida avventura che è la nostra vita.
Per condividere questa mia esperienza con chi si trovasse in situazioni simili, perché forse può essere utile un confronto con chi ha vissuto e vive la stessa realtà, senza la pretesa di dire verità assolute ma semplicemente di raccontare la mia storia.
Per dire che avere una figlia con la sindrome di Down non è un dramma. Che non significa non essere più felici, anche se resterà Down per sempre. Che sì, ci saranno difficoltà ma anche tante risate e che si riceverà un amore incondizionato, puro, totale che è difficile sperimentare in altre condizioni.


L'autore racconta 



Buongiorno Isabella e benvenuta nel nostro blog letterario. Ci racconti come è nata l’idea di questo libro? A cosa si ispira il titolo?
L’idea di questo libro è nata, come dice anche la sinossi, prima di tutto per me stessa, per metter ordine nelle mie poche idee ma confuse, come diceva il grande Flaiano. Per Giulia, la mia figlia minore che ha la sindrome di Down, perché un domani possa ripercorrere la sua storia. Poi per Valentina, la mia figlia più grande, perché potesse conoscere meglio la vita della sorella e perdonarci se qualche volta le abbiamo dato l’impressione di trascurarla. Il libro infatti è dedicato a lei. Per mio marito, con cui ho iniziato e continuo questa splendida avventura che è la nostra esistenza. E poi per condividere questa mia esperienza con chi si trovasse in situazioni simili, perché forse può essere utile un confronto con chi vive la stessa realtà. Soprattutto quello che mi premeva comunicare è che avere una figlia con la sindrome di Down non è un dramma. Che non significa non essere più felici, anche se resterà Down per sempre. Che sì, ci saranno difficoltà, perché la disabilità è una realtà oggettiva e un figlio disabile, in qualche modo, rende un po’ disabile tutta la famiglia, ma anche tante risate e che si riceverà un amore incondizionato, puro, totale che è difficile sperimentare in altre condizioni.
Cronologicamente è nato prima il titolo, perché è una frase di Giulia, ma la scelta di utilizzarla come tale è stata successiva alla scrittura del testo.

Appartiene a un genere ben definito o accorpa più generi?
È difficile definire il genere del testo. Però direi che, in quanto autobiografico, si possa far rientrare nella diaristica.

Si rivolge a un target di pubblico specifico?
Quando ho scritto il libro pensavo che lo avrebbero letto persone che erano coinvolte in situazioni simili e che quindi vivevano, direttamente o indirettamente, l’esperienza della disabilità. Mi ha invece colpito scoprire che il libro abbia “parlato” anche a persone che non vivono questa condizione.
Mi piacerebbe comunque arrivare dentro il mondo della scuola. Ho avuto l’impressione che la scuola venga considerata per i bambini e i ragazzi disabili il luogo in cui l’inclusione vada curata quasi esclusivamente nel suo aspetto relazionale, cosa ovviamente fondamentale, ma che poco si punti all’apprendimento. Ma l’inclusione vuol dire anche didattica, nel senso classico della parola, nel senso di acquisizione di conoscenze e di competenze da spendere oggi e domani. Certamente nei bambini con disabilità mentale il processo di astrazione fatica ad attivarsi; questo però non deve portare alla rinuncia di obiettivi didattici, ma semmai a una semplificazione della didattica. Per fare questo bisogna essere in grado di elaborare un’analisi attenta che riveli le potenzialità del singolo. Se queste non sono chiare si consumano energie preziosissime su cose inutili. Ecco mi piacerebbe che questo libro fosse anche un’occasione di riflessione sulla didattica per i ragazzi disabili e non.

Essendo un libro autobiografico presumo che non si sia reso necessario un lavoro di ricerca o documentazione. Come hai affrontato il lavoro di ricostruzione degli eventi narrati?

Come dicevo prima il libro rientra nel genere della diaristica anche se ci sono dei dialoghi e dei personaggi. Io da sempre ho l’abitudine di scrivere per me: idee, impressioni, riflessioni, ricordi. La scrittura, al di là della pubblicazione, ha sempre una forza catartica di liberazione. Diciamo quindi che il libro già lo avevo scritto nei miei quaderni e era pronto dentro di me ma ho voluto aspettare che mia figlia più grande crescesse e potesse darmi il suo parere. Una volta avuto il suo placet ho comunque svolto un lavoro di ricerca e di ricostruzione degli appunti. Finito il testo, solo dopo aver avuto di nuovo l’ok da mio marito e da Vale, mi sono mossa per pubblicarlo.

Raccontaci qualche curiosità sui personaggi principali e comprimari: come si chiamano, il loro carattere o qualche particolare che li contraddistingue.
I personaggi principali sono le mie due figlie.
Giulia, nata il 12 luglio del 2005 con la sindrome di Down e Valentina, la sorella maggiore, che ha quattro anni di più. È’ lei la vera maestra di Giulia. Valentina, senza saperlo le ha insegnato a parlare, a relazionarsi con gli altri, a rispettare le regole nei giochi. Il loro rapporto è fatto di momenti di grande intimità e affettuosità, in cui noi genitori siamo fatti fuori, in cui si intendono con linguaggi verbali e non, e altri di franchezza disarmante in cui con molta naturalezza Vale la prepara alla vita. E’ un rapporto autentico, giocoso, complice, ma come fra fratelli qualsiasi, se la sorella minore non rispetta i paletti messi dalla sorella maggiore ne subirà le conseguenze, perché <>.
Il particolare che contraddistingue invece Giulia, come dice lei, sono gli occhi un po’ a mandorla, perché lei ha smesso di essere Down. Giulia è una ragazzina sveglia, che già da piccolissima si è resa conto della sua diversità e che oggi sta compiendo un cammino, non facile, ma di fondo sereno, di accettazione della sua identità.

I tuoi personaggi secondari sono tutti reali o ne hai anche inserito qualcuno esclusivamente frutto di fantasia per esigenza di trama?
Tutti i personaggi di questo libro sono veri. Solo i nomi propri che compaiono all’interno del testo in corsivo sono di fantasia per proteggere la privacy delle persone citate.

I luoghi del romanzo: dov’è ambientato?
I luoghi son quelli della vita di tutti i giorni: casa, scuola, attività sportive, ecc.

Invoglia il lettore a leggere il tuo libro, fornisci almeno tre motivi persuasivi. Perché dovremmo leggerlo?

  1. Per capire che si può essere felici anche se ci sono dei problemi.
  2. Per riflettere serenamente su un tema importante come quello della disabilità. 
  3. Si legge tutto d’un fiato, in due ore e qualche spicciolo.


Stralci d’autore: lasciaci uno stralcio accattivante tratto da Da piccola ero Down.

Io non so raccontare le barzellette. Tutte le volte che ci provo è un disastro: non mi ricordo mai la fine oppure ometto qualche elemento indispensabile per la comprensione della battuta. Giulia invece è bravissima. Lei le inventa, ovviamente senza saperlo, e ci fa morire dal ridere.
(…)
Al circo, quando era più piccola: “Certo è proprio strano quell’«orso volare» perché non ha mai volato”.
(…)
Sta andando a catechismo per la comunione e la sera prima di dormire mi chiede di fare una preghiera: “Signore………..e signori”
(…)
Francesco non guarda la televisione - a parte quando gioca la Juve ovviamente - ma finalmente riusciamo a trovare un programma che gli piace, è una fiction su Nero Wolf e le sue indagini. C’è un'attrice simpatica e a pranzo cerchiamo di ricordarci come si chiama. A Vale finalmente viene in mente il nome.
“Giulia Bevilacqua”
“Ma Vale non mi va”
(…)
Entriamo in una stanza e premendo l’interruttore non si spegne la luce.
“Che cosa è successo?”, dico io.
“È un black out”, dice Giulia.
“Semmai è il contrario”, rispondo.
“Allora è un out black”, dichiara lei.
(…)
Siamo in ospedale a fare il controllo dal cardiologo.
“Oggi mi faranno l’ecocardiogramma?”
“Sì, certo.”
“Bene, sono proprio contenta”
“Perché?”
“Perché ho scoperto che Tancredi non mi ama e mi si è spezzato il cuore. Voglio proprio vedere com’è un cuore spezzato”
Insomma con Giulia ci si diverte, quando lei è in casa ci sono sempre scoppi di risate, è una fascinatrice e spero che lo sarà per sempre.
Giulia è generatrice negli altri di autostima.
“Mamma perché non mangi i bastoncini Findus?”
“Devo stare attenta a non ingrassare”
“Ma mamma, non ti fissare con la dieta, tu sei una top-model ”
(…)
Ad oggi vi posso assicurare che Giulia è una bambina felice e che noi siamo felici con lei. Non è il massimo che un genitore possa sperare per il proprio figlio? Non importa se Giulia non farà il liceo o l’università, l’importante è che possa sempre trovare il suo posto con persone accanto che le vogliano bene. Per concludere questo mio racconto prendo in prestito una battuta di un bel libro spagnolo che racconta a fumetti la storia di Edo che ha “la sindrome di Down, una fidanzata, tanti amici e un disco preferito”:“Il brutto di avere la sindrome di Down è che il giorno in cui nasci i tuoi genitori diventano un po’tristi. Il bello è che dopo quel giorno, non lo saranno mai più”.

Hai davvero una protagonista dalla battuta sempre pronta. Meravigliosa! Immagino che il tuo libro, come mi dicevi, si faccia portavoce di molti messaggi, giusto?
Diciamo che il mio libro, senza la pretesa di dire verità assolute ma raccontando semplicemente una storia, ha l’ambizione di intrattenere il lettore comunicando al tempo stesso un messaggio che è quello che ho detto già diverse volte e cioè che anche se ci sono dei problemi permanenti, come ad esempio la disabilità, nonostante le difficoltà, si può essere felici.

Indubbiamente è un bel messaggio che fa riflettere. Ti auguro davvero che possa accattivarsi le simpatie di un vasto pubblico. Grazie per essere stata con noi, in bocca al lupo per i tuoi progetti futuri e un abbraccio alla piccola, grande Giulia.

Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...