• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "La forma del sole" di Giulia Mastrantoni, pag. 69 | #104

La forma del sole, di Giulia Mastrantoni - Copertina

La forma del sole, di Giulia Mastrantoni, collana Gli Scrittori della Porta Accanto, 2017. Una raccolta di racconti per lenire ferite e riuscire a vivere bene con le proprie cicatrici.

120 pagine  | cartaceo 8,99€ | ebook 0,99€

Avrei potuto continuare a mettere giù pagine e pagine di fantasie, di sogni e di desideri, ma non ho voluto farlo perché il mondo non ha bisogno dell’ennesima storia d’amore fittizia, che accade solo nella testa di chi scrive. Ci sono talmente tante bugie nel mondo, che aggiungerne un’altra mi sembrava inutile. Volevo parlare di speranza vera a chi avrebbe letto il mio romanzo. Volevo infondere fiducia e coraggio alle gocce che, come me, si sentivano delle perdenti, ma volevo che fosse una fiducia che avesse davvero origine dalla realtà. Insomma, “Abbasso le parole facili” era il mio motto e quel romanzo continuava a non accingersi a vedere la luce. Ed io aspettavo.
Ero disperata e allora ho iniziato a fare di tutto: a saltare le lezioni, a pensare incessantemente al goccio, a scrivergli bigliettini anonimi, a nascondermi durante i temporali, a vivere in solitudine. Insomma, davvero, ero l’ombra di un’ombra di un’ombra di una goccia. Ero innamorata di lui, che non mi considerava neppure, e non pensavo di poter avere una vita senza quel goccio.
Sarò sincera: ho sofferto tanto e me la sono sempre presa con me stessa. Non sapevo cadere dalle nuvole, non sapevo farmi amare ed ero una fifona. Ora ringrazio ogni sera il destino che non ha voluto che scrivessi quel maledetto romanzo d’amore. Non solo sono riuscita a imparare a cadere, ma ho anche imparato a volare. Ho imparato a piroettarmi in aria e a scendere in impennata. E tutto questo da sola, perché io non ho bisogno di nessun goccio. La fiducia in me stessa l’ho trovata dentro di me e ho lavorato sodo per tirarla fuori. Ora è la mia corazza, la mia armatura, la cosa di cui vado più fiera e che mi spinge a non mollare. Nella storia della mia vita non c’è nessuna passionale ricerca dell’amore e nessun torrido ricordo. Ci siamo solo io, la mia voglia di vivere e il coraggio di andare avanti. Se l’amore arriva, è il benvenuto. Ma se non arriva, io ho me stessa e mi basto. Mai più perdere notti insonni per il goccio sbagliato. Se è amore vero, fa tutto da solo. Altrimenti, meglio lasciar perdere. Anche voi potete essere l’arcobaleno della vostra vita, perché disponete di tutti i colori per creare un disegno meraviglioso e indimenticabile. Createlo e siate fieri di vivere al suo interno. L’eroe che vi serve è dentro di voi. Dal mondo dell’aria e delle nuvole è tutto.

~ 69 ~

Quarta di copertina
"La forma del sole" di Giulia Mastrantoni.

Ci sono libri che aprono ferite, altri che le guariscono. E poi ci sono loro, le storie scritte per isolarsi dal mondo, per recuperare il sorriso e la voglia di vivere, imparando a convivere con le cicatrici. La forma del sole è nato come un tentativo di ritrovare la luce, laddove c’erano troppe ombre, valorizzando ogni cicatrice e intessendovi sopra delle storie che ne demistificassero la realtà del passato. Ѐ la voglia di trasformare in lezioni di vita interiore le piccole paure del quotidiano, le piccole delusioni che fanno male all’anima, ma che possono tramutarsi in arcobaleni che seguono la tempesta.
Questi racconti cercano un riparo dal mondo, una stanza colorata in cui esista solo lo spazio per pensare a come trasformare in luce il pensiero più svogliato. Sono privi di qualunque pretesa, ma si fanno portatori della speranza di rendervi felici. La felicità non sta nel mondo esterno, quanto nella nostra capacità di sorridere della vita, imparando che, anche quando non tutto va come vorremmo, c’è quella meravigliosa possibilità chiamata futuro che può regalarci una vita nuova. Sono racconti che fanno ironia in modo delicato, lasciando che la fantasia faccia il resto. Ci sono Brad Pitt e il Bianconiglio che rincorrono il tempo perduto, un vecchio che prepara cioccolate calde alle storie d'amore a brandelli e vampiri che non sono protagonisti della loro storia. Ci sono anche stralci di oroscopo, perché il futuro è un grande punto interrogativo che ci accompagna in ogni momento.
"La forma del sole" è la ricerca di un mondo parallelo e felice, in cui i pensieri colorino ogni angolo della mente.


Leggi le altre pagine 69:


About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...