• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Scrittori] Intervista ad Andrea Ferrari, a cura di Silvia Pattarini

Intervista ad Andrea Ferrari - Libri, scrittori

Un caffè con Andrea Ferrari, in tutte le librerie online con il suo romanzo Ti faranno del male. Il racconto intimista di chi vive ai margini, il suo rapporto con le donne e la droga.

Ciao Andrea, e grazie per avere scelto il nostro web magazine culturale. Per rompere il ghiaccio, visto che ci troviamo in un caffè letterario virtuale, permettimi di offrirti virtualmente un caffè, un tè, una tisana, una bibita fresca o… cosa preferisci?
Piacere di conoscerti. Un decaffeinato, grazie. Il caffè ho smesso di berlo quando mi sono reso conto che al prezzo di una maggior energia le mie giornate erano rovinate dall’ansia. E provavo anche un leggere malessere al petto.

Ci racconti come hai trovato il nostro blog e perché hai deciso di affidare a noi la promozione del tuo libro?
Ho comprato su internet l’e-book di un libro che racchiude i maggiori siti o blog di critica letteraria. Il vostro mi è parso decisamente ben fatto e ho pensato di richiedere una recensione. Mi è stata offerta invece un’intervista, ed eccomi qui. Grazie per lo spazio concesso.

Bene, ora che abbiamo rotto il ghiaccio raccontami qualcosa di te. Chi è Andrea nel quotidiano?
Sono un uomo all’eterna ricerca di un lavoro. Ne ho cambiati già diversi, ognuno con un contratto peggiore del precedente. Ho lavorato come operaio generico, magazziniere, disegnatore CAD e ora forse finirò in biblioteca, come tirocinante.
Sul versante umano, sono un ragazzo di poco più di trent’anni che vive da solo e sta uscendo da un momento particolarmente buio della sua vita. Appaio insensibile, in realtà è l’esatto contrario.

Per scrivere un libro è necessario avere una storia da raccontare: raccontaci qual è stata quell’alchimia, quella scintilla interiore che ti ha spinto a scrivere il tuo Ti faranno del male.
È il mio secondo romanzo. Il mio precedente editore era al lavoro sull’editing del mio primo libro e, per esorcizzare la situazione che stavo vivendo, mi sono dedicato alla scrittura di Ti faranno dal male. L’opera parte da un contesto autobiografico, e cioè la vita di un paziente psichiatrico dalla grama vita affettiva e lavorativa, all’interno di un appartamento in concessione. Questa era la mia situazione all’epoca, verso la fine del 2016. Ora, per fortuna alcune cose si sono mosse.
Nel romanzo, proseguo poi inventando, dando dei connotati ancor più mesti della realtà al protagonista (che porta il mio nome) e fornendogli un’ancora di salvezza: una donna dalle vedute particolari e dai modi anarchici, Carolina. Sembra una storia già scritta ma, così non è. Basta leggere qualche recensione.

Ci ricordi i titoli delle tue pubblicazioni precedenti, quanti e quali sono?
Odio (2016, per 96, rue de la Fontaine Edizioni). È un romanzo che assomiglia a un proiettile. Si legge in poco tempo e fa male per l’astio e l’odio che vi ho inserito all’interno. È anche presente una forte componente sessuale e un linguaggio molto crudo. L’ho scritto, tra le cose, appositamente per disturbare. Si può trovare su qualche canale di distribuzione in rete o sul sito dell’editore. Era un piccolo editore.
A dir la verità già a ventisette anni ricevetti una proposta di pubblicazione per il mio vero primo romanzo, ma rifiutai. Non mi sentivo pronto e in effetti non lo ero.

Ora facciamo un gioco. Trovi una macchina del tempo che ti trasporta nel passato. Hai l’occasione di incontrare un grande scrittore o una grande scrittrice: chi ti piacerebbe conoscere e perché?
Tra i deceduti, adoro Hemingway e Bukowski. Vorrei incontrare Bukowski ma non condividerei con lui la sua personale visione del sogno americano. Gli alcolici li evito e la vita da senzatetto l’ho già vagamente vissuta. Ho altri vizi che mi aspettano.
Con Hemingway intratterrei una discussione sul modo in cui scrive, così asciutto e diretto, rasente la perfezione, e al tempo stesso così apprezzato. Più che altro lo ascolterei.

Continuiamo a giocare. Ore 17,00. Ti si prospetta l’occasione di un aperitivo con un grande scrittore o una grande scrittrice contemporanea: chi vorresti incontrare e perché?
Sarebbe anche da dire che non sono un esponente della socializzazione. Altrimenti probabilmente non avrei neanche cominciato a esorcizzare i miei demoni scrivendo.
Comunque, sceglierei Irvine Welsh, per chiedergli in quale dei suoi personaggi storici s’identifica maggiormente e dove ha preso le informazioni per parlare in quel modo delle droghe pesanti. Io al massimo sono arrivato al fumo, oltre alle droghe legalizzate, e di quello parlo.

Fabrizio Caramagna afferma che “ogni libro è un viaggio, e l’unico bagaglio che portiamo con noi è l’immaginazione.” Vuoi raccontarci qualche curiosità su Ti faranno del male? A che genere appartiene a che target di pubblico si rivolge?
Ti faranno del male, come scritto sopra, è una storia di disagio vissuto con pienezza e di come si possa vivere la propria esistenza aspettando quella donna che non sai come, arriverà. Per quanto poi tutto possa degenerare.
L’ho scritto forse troppo in fretta, del resto sono centodue pagine, ma non ho aspettato. Non l’ho lasciato a decantare come si dovrebbe fare e l’ho inviato a Leucotea, ricevendo una risposta (positiva) quasi immediata. Però il romanzo vuole raccontare una storia. Il racconto intimista di questo personaggio ai margini e del suo rapporto con le donne e le droghe che assume. Non vuole essere un papiro.
Come genere siamo sulla narrativa, con un po’ di biografico e qualche momento noir.

Secondo te che requisiti deve possedere un “buon libro” per essere definito tale?
Ne ho letti molti, di buoni libri. Da Fiesta a Post Office, passando per Il Lercio. Un romanzo ben fatto deve possedere quel minimo di decenza grammaticale, avere un linguaggio di facile accesso e raccontare la storia che ognuno si vuol sentirsi dire, ognuno con il proprio gusto.

Fornisci almeno tre motivi validi per invogliare un potenziale lettore a leggere Ti faranno del male.

  1. La rappresentazione del disagio nelle sue forme più varie, dalla psichiatria alla perdita dell’amore. Per non dimenticare che non esistono solo esistenze serene.
  2. Una scrittura concisa che non lascia spazi morti.
  3. Il finale, che non svelo.


Come intendi impostare la promozione del tuo libro: ti rendi disponibile per presentazioni presso librerie, biblioteche e centri culturali , preferisci il web o, tutte le soluzioni possibili?
Sto effettuando dei reading nei locali e nei circoli. Abbiamo due musicisti e un attore, intervalliamo pezzi jazz a letture. Questo è la cosa migliore che possa fare per vendere copie, dato che non avendo un gran numero di contatti, in una biblioteca o in una libreria, non verrebbe quasi nessuno.
Sul web, richiedo recensioni e interviste ma, non so a quanto serva. Anche se la visibilità è sempre una bella cosa rispetto all’oblio.

Uno scrittore è prima di tutto un lettore: preferisci il classico libro di carta o meglio gli ebook?
Il libro di carta. Però ne possiede solamente una sessantina. Di solito mi rifornisco nelle biblioteche.

Hai ancora qualche sogno nel cassetto da realizzare?
Trovare un lavoro non dico definitivo, ma ben pagato e soddisfacente. Uscire da questo marasma di disagio affettivo e trovare la donna giusta. Possibilmente della mia età. Acquisire maggior successo come scrittore, sono ancora agli inizi.
E poi, tornare a suonare la batteria.

Come ti vedi tra dieci anni?
Realizzato e non affetto da calvizie. La parte sulla realizzazione personale è importante, il contrario sarebbe un grosso problema da affrontare.

Dove possiamo trovare il tuo libro?
Ti faranno del male, si può trovare nei maggiori siti on line: Amazon, laFeltrinelliMondadori store, Rizzoli libri, Ibs, e altri ancora. Oppure è ordinabile nelle librerie Feltrinelli.
Vorrei indicare la mia pagina autore e il mio sito autore, spero non vi dispiaccia. In questo modo i lettori potranno leggere le recensioni.

Andrea ti ringrazio tantissimo per essere stato con noi e, a nome de Gli scrittori della porta accanto ti faccio i complimenti per il tuo libro, augurandoti che sia un vero successo! In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!
Vi ringrazio per avermi ospitato sul vostro sito.


Ti faranno del male - Libri, scrittori, romanzo

Ti faranno del male

Andrea vive in un appartamento protetto del servizio di salute mentale, dentro cui trascorre le proprie giornate quando non lavora come magazziniere o riflette sulla sua condizione vagando per la città. Ormai le donne sono per lui una chimera, non coltiva amicizie e ha una condizione economica precaria. L'uomo è rinchiuso in se stesso e affranto; neanche la pubblicazione del suo primo romanzo, gli dona speranza. Dopo essersi ritrovato, suo malgrado, a vivere in tre diversi ospedali psichiatrici, l'arrivo di Carolina cambierà la sua vita. Questa ragazza dalle vedute antisemite e dai comportamenti particolari, lo condurrà verso situazioni difficili da affrontare. Un romanzo che esaspera la naturale condizione dell'uomo: perché se tutto può andare per il verso sbagliato, quasi sicuramente accadrà. L'opera, seppur inventata, tratta in alcuni casi argomenti ed emozioni vissuti in prima persona dall'autore.

di Andrea Ferrari | Project edizioni | Narrativa
ISBN 978-8899067762 cartaceo 10,98€ | ebook 5,99

Silvia Pattarini

Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO