• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Caffè letterario] Le interviste di Silvia Pattarini: un caffè con Marilina Ciociola

Oggi il nostro caffè letterario è ben lieto di presentarvi un volto nuovo della letteratura italiana: è con noi Marilina Ciociola. Conosciamola meglio!

Ciao Marilina, e grazie per avermi concesso questa intervista. Per rompere il ghiaccio, visto che ci troviamo in un caffè letterario virtuale, permettimi di offrirti virtualmente un caffè, un the, una tisana, una bibita fresca o…  cosa preferisci?
Un caffè macchiato, grazie!

Bene ora che abbiamo rotto il ghiaccio raccontami qualcosa di te. Chi è Marilina nella vita di tutti i giorni?
Una trentenne in cerca di lavoro e di una sua dimensione, precaria in cerca di equilibri.

Come è nata la tua passione per la scrittura? Ci sono autori classici o molto noti che credi abbiamo influenzato, in qualche modo, il tuo stile?
Sicuramente gli studi che ho fatto mi hanno influenzato molto (avendo frequentato il liceo classico); ho ritrovato dopo un po' di anni, nella scrittura, un veicolo facilmente accessibile per parlare di me e di ciò che più mi appassiona e mi terrorizza. Leggo tante cose di generi diversi ma sicuramente per me il 'Maestro' rimane Umberto Eco, non per questo disdegno autori giovani come Filippo Timi e la sua spregiudicata verità.
Quali sono i generi letterari che preferisci leggere e quali, invece, preferisci scrivere?
Come già detto, leggo un po' di tutto ma la scrittura che mi viene più naturale è quella in versi... almeno per ora è così.

Per un esordiente il percorso da seguire prima di giungere all’ambito traguardo della pubblicazione non è affatto semplice, talvolta può rivelarsi tortuoso e complicato: come sei approdata alla tua pubblicazione? Raccontaci la tua esperienza.
Sì assolutamente non facile ma soprattutto bisogna stare attenti alle speculazioni, anche da parte di case editrici. Io ho pubblicato autonomamente il mio primo libro! Come bere un bicchier d'acqua: istruzioni, con la casa editrice Lampi di Stampa; lo sto presentando in alcune città e sto avendo delle discrete soddisfazioni, ci credo tanto in quello che c'è scritto in questo libro.

La pubblicazione del proprio libro o ebook  è il sogno nel cassetto di tutti gli esordienti. Poi finalmente il sogno è diventato realtà:ora cosa ti aspetti? Lo vedi come un obiettivo raggiunto o come un punto di partenza per nuovi progetti?
Sì, è una bella soddisfazione sicuramente, ma dopo i primi momenti di entusiasmo capisci che questo è solo il primo passo, quindi ogni idea è da prendere in considerazione per un altro progetto.

Raccontami in breve il tuo libro...
Non ha una trama, è una raccolta di poesia con un brano finale in prosa. Non si tratta però di classiche poesie, l'obiettivo era spiazzare e sembra che sia stato centrato; molti le hanno definite ermetiche e futuriste...cosa chiedere di più?

La rivoluzione digitale e l’ e-book: cosa ne pensi di questo sistema innovativo di lettura, credi che rappresenti il futuro o è solo fumo negli occhi?
L'avanzare della tecnologia è sempre una buona cosa ma come in ogni caso bisogna non farsi stritolare da meccanismi che rischiano di snaturare la bellezza; leggo e-book e il mio libro ha anche un formato digitale ma rimango dell'idea che avere in mano copertina e pagine (magari in una bella edizione) dà un piacere difficilmente sostituibile.

Progetti per il futuro: ci sono nuovi lavori in corso, nuove pubblicazioni o ambizioni particolari?
Vorrei non scrivere in versi nel secondo libro, ho in mente un po' di cose...intanto continuo a presentare il primo libro cercando sempre nuove sperimentazioni o comunque contaminazioni con altre discipline. Il prossimo reading, accompagnato dalla chitarra di un amico e da foto fatte da me, sarà nello scenario bellissimo del Torrione Angioino di Bitonto.

Dove possiamo trovare il tuo libro?
Questa è la pagina fb del libro sempre aggiornata 


Il libro potete acquistarlo sul sito di Lampi di Stampa, oppure nei maggiori store online, tra cui Amazon.

Marilina ti ringrazio tantissimo per essere stata con noi e, a nome de Gli scrittori della porta accanto ti faccio i complimenti per il tuo libro, augurandoti che sia un vero successo! In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!




Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...