Gli scrittori della porta accanto - Non solo libri

Stranger Things, una serie sci-fi horror di Netflix

Stranger Things, una serie sci-fi horror di Netflix - Serie TV, Gli scrittori della porta accanto

Serie TV | Netflix Recensione di Valentina Gerini. Stranger Things: una serie originale Netflix che sta riscuotendo un grande successo, un universo parallelo oscuro. Con la bravissima Winona Ryder.

Sci-fi, horror, fantascienza, paranormale. Stranger Things mescola perfettamente tutti questi generi, pur caratterizzando in maniera impeccabile ogni personaggio. Non si tratta di semplice horror, la serie intende narrare una vera e propria storia nella quale, talvolta, si deve fare i conti con una dimensione sconosciuta e spaventosa: il sottosopra.
Siamo negli anni '80 in una fittizia cittadina dell'Indiana, Hawkins. Un gruppo di bambini si ritrova sempre a giocare a Dungeons & Dragons e la loro vita si svolge normalmente, nello scantinato di casa, all'aria aperta, nei boschi, nei parchi e a scuola. Sono Mike, Dustin, Lucas e Will, e sono amici per la pelle. Insieme a loro, la serie racconta la storia della sorella di Mike, della madre di Will, del capo della polizia e di altri personaggi che divengono man mano sempre più presenti e importanti nella storia.
A Hawkins non è mai successo niente di strano, è un paesino remoto e tranquillo. Ma un giorno, senza spiegazione alcuna, Will sparisce. Ed è lì che la vera storia ha inizio. Viene catturato da qualcosa di oscuro, un'entità malvagia che viene da chissà dove. Inizialmente nessuno sa dare spiegazione alla scomparsa e uno strano laboratorio, che si trova proprio nei boschi di Hawkins, inscena la morte del ragazzino. La madre non crede alla sua morte e riesce a convincere anche il capo della polizia che qualcosa non va e sotto si nasconde qualcosa di diverso.
Inizia così un'indagine losca che li porta a conoscere una realtà orribile: un universo parallelo oscuro, buio e decisamente spaventoso che viene definito il sottosopra.

Riportare a casa Will è l'obbiettivo che la madre, interpretata da una bravissima Winona Ryder, si pone, così come se lo pongono i loro amici, e il fratello di Will. 

Dunque ogni gruppo svolge, a insaputa degli altri, la propria indagine e si ritrova a dover combattere con questa sconosciuta realtà. Il gruppo dei bambini fa poi una conoscenza importante: Undici, detta Undi, una bambina dai poteri paranormali che è scappata dal laboratorio dove veniva sottoposta a continue torture, esperimenti e test, e che sarà fondamentale per la sconfitta - parziale - del mostro e di quella porta spazio-temporale che è l'accesso al sottosopra. Undici è un'adolescente strappata da una vita normale quando era neonata, vissuta in laboratorio. Parla poco, conosce quasi niente del mondo ma ha dei grandissimi poteri e quando li usa il suo naso sanguina.
La storia, improbabile ma sempre ben narrata, è mantenuta viva dalla splendida caratterizzazione dei personaggi, delle loro personalità e delle loro relazioni affettive, amorose nonché dalle loro azioni nella vita di tutti i giorni. Un buon mix che tiene incollato il telespettatore fino all'ultimo episodio finora andato in onda. La serie, infatti, è ancora in produzione e lo scorso agosto i fratelli Duffer, ideatori e registi, hanno confermato che ci sarà una terza parte e, forse, anche una quarta.
I Duffer volevano omaggiare il cinema horror degli anni '80 e ci sono riusciti. La loro intenzione era quella di creare una serie che sembrasse realmente girata e prodotta in quegli anni tanto che non solo l'ambientazione risulta essere in quell'epoca ma anche la musica, la tipologia dei filmati scelti, focalizzandosi più sul terrore e la suspense che sullo splatter e il gore. Le scene sono paurose, non schifose. I colpi di scena ci sono e alcuni sono "da infarto", ma non costringono mai lo spettatore a girarsi dall'altra parte. L'orrore c'è, perché i mostri, quando arrivano e si fanno vedere, sono terrificanti, orribili e decisamente brutti. Ma non sono il punto focale della serie. Il punto focale sono tutte le cose strane che accadono a Hawkins, le "stranger things",  a cui i protagonisti vogliono ormai trovare risposta, a costo di rischiare la vita.
Una serie decisamente consigliata a chi ama il cinema horror ma anche a chi ha amato E.T. L'extra terrestre, I Gonnies, il nuovo IT e Aliens.


Valentina-Gerini

Valentina Gerini
Dopo la maturità scientifica e uno studio approfondito della lingua inglese inizia a lavorare all’estero. Le sue più grandi passioni sono i viaggi e la scrittura. Dei viaggi ne ha fatto la sua professione, diventando accompagnatrice turistica; della scrittura il suo hobby, occupandosi degli articoli di copertina per un mensile dedicato alle storie di paese.
Volevo un marito nero, 0111Edizioni.
La notte delle stelle cadenti, Lettere Animate.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Anonimo

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità