• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

"La farfalla con le ali di cristallo" di Demetrio Verbaro, recensione di Silvia Pattarini

"La farfalla con le ali di cristallo" di Demetrio Verbaro. Un’antica profezia racchiusa in un misterioso libro, rivela la fine della razza umana, l’apocalisse.

Passato e futuro si fondono e il lettore è catapultato nel 2044, un’epoca in cui gli uomini hanno a disposizione tecnologie innovative, ma la vita è ancora dominata dai sentimenti.
Un miliardario, si farà carico di annullare la profezia che annuncia l’apocalisse e coinvolgerà un gruppo di“prescelti” in una missione per salvare l’umanità.
Riuscirà nel suo intento e soprattutto si avvererà la profezia?
Una lettura che ho trovato particolarmente accattivante e piacevole, scorrevole, ho apprezzato l’autoironia che riesce a strappare un sorriso al lettore.
Le innovazioni tecnologiche citate, potrebbero anche materializzarsi nell’arco di qualche anno, e speriamo anche i nuovi progetti architettonici.
Arrivato a Messina, gli apparve una delle opere più monumentali mai costruite dall’essere umano: il ponte sullo stretto. Aveva il primato di ponte sospeso più grande del mondo…
I personaggi sono ben caratterizzati e ben definiti nel loro ruolo, solo uno rimane sempre avvolto da un alone di mistero, infatti si svelerà solo alla fine. Dalla seconda parte in poi ho trovato la trama decisamente originale e geniale, nessuno potrà mai immaginare il finale. L’autore è riuscito davvero a stupirmi. Consiglio la lettura a tutti gli amanti del genere fantascienza, fantasy, mistero, ma anche a chi è alla ricerca di storie in cui passato e futuro si fondono in un perfetto sodalizio.


LA FARFALLA CON LE ALI DI CRISTALLO 
Demetrio Verbaro 
Lettere Animate Editore 
Thriller Fantasy 
ASIN B010CHZ6P4 
ebook 1,49 €  | Amazon 

Il 3 marzo del 1520, il sacerdote azteco Ghetumal consegna al conquistadores spagnolo Hernan Cortes un libro sacro. Ghetumal l’aveva trovato qualche anno prima sotto la statua della dea della pioggia. Nessuno sa chi l’ha scritto, né quando. Nel libro c’è sia una profezia sul futuro: il 18 agosto del 2044 qualcosa sconvolgerà il mondo, e sia una mappa da decifrare per cambiare il corso degli eventi.
Los Angeles 2043. L’esploratore Matthew Lekos e lo studioso di storia Walden Green entrano in possesso del libro. Derisi dalla comunità scientifica per la loro ingenuità, sono gli unici a credere nella profezia e riescono a decifrare la mappa, cercando in tutti i modi di aiutare l’umanità.
La profezia sarà vera? Cosa succederà il 18 agosto del 2044?
In un susseguirsi di colpi di scena, tra svolte imprevedibili e pagine piene di suspence, il lettore arriverà all’incredibile finale.
Il romanzo è un thriller intimistico ambientato in un futuro prossimo, con uno stile diretto e ricco di pathos.




Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...