• Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di una assistente turistica 2
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Noi e il 68
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

I libri di Nadia Campanelli: romanzi storici al femminile

I libri di Nadia Campanelli: romanzi storici al femminile

Libri | Recensione di Mirella Morelli. Cenere di papavero, Filomena e le altre, Fermami il tempo, Strade di pozzanghere. Quattro libri di Nadia Campanelli, romanzi storici al femminile: donne che si rimboccano le maniche e affrontano con la stessa determinazione sacrifici e sogni.

Non è semplice scrivere di Nadia Campanelli: si ha l'impressione che qualcosa sfugga, continuamente, perché la donna che trapela dai suoi testi è intricata e intrigante come i suoi scritti.
Autrice con una visione storica dei tempi in cui ha vissuto e vive, di questo secolo complesso e velocissimamente in cambiamento, Nadia Campanelli osserva, descrive, racconta e partecipa con uno sguardo delicato e al contempo profondo. Si capisce dai suoi libri che non è mai rimasta sull'argine del fiume a osservare, anzi: ha lasciato che la corrente la coinvolgesse, l'ha contrastata e a volte assecondata, infine l'ha guadata. 
Una donna e un'autrice, insomma, il cui sguardo lucido le ha concesso di attraversare il nostro tempo restituendocene una immagine ossimoricamente algida eppure appassionata, ma di sicuro mai indifferente. La compostezza del racconto rende ogni suo romanzo un quadro classico per stile, facendo sì che il suo contributo diventi prezioso da un punto di vista non solo femminile.
Insegnante di Lettere, l'autrice ama raccontare le donne in una visione pulita e disincantata, sicuramente piena di realismo: la donna di cui ci parla è quella che si rimbocca le maniche e affronta con la stessa determinazione sacrifici e sogni. Una donna cui basta poco per sorridere, consapevole di se stessa e delle fatiche che dovrà affrontare, ma mai rinunciataria. 
Personalmente ho amato, dei suoi personaggi, il loro inserimento in un contesto storico puntuale e definito, che ci restituisce un romanzo storico al femminile di un tempo recente, vissuto privatamente ma nello stesso tempo con gli stessi connotati per ognuna di noi, in un cammino in fieri, di cambiamento femminile epocale, cui nessuna di noi è generazionalmente sfuggita.


Leggendo i romanzi di Nadia Campanelli si ha continuamente questa bella sensazione: una donna del suo tempo racconta il suo tempo, in un femminile assolutamente prezioso. 

La curiosità di conoscerla meglio mi spinge a farle due domande fondamentali, cui lei risponde con spontaneità e determinazione.

Cosa pensi di aver trasmesso al lettore ma soprattutto alle lettrici, con la tua scrittura?
Con la mia scrittura ho desiderato evocare il passato per mantenere viva una memoria storica. In “Fermami il tempo” le microstorie si muovono nel contesto di eventi importanti come il fascismo e la guerra che hanno forgiato la natura degli uomini ponendoli di fronte a realtà impensabili e sconcertanti. I piani temporali del percorso narrativo si concentrano poi sulla natura più intima di una donna che riflette in merito alla propria vita e alla precarietà dell'esistenza , siamo di passaggio e le difese che ci costruiamo non ci rendono immuni al percorso naturale della vita. La scrittura è un momento di autoanalisi per chi scrive e per chi legge. Ritrovarsi e riconoscersi in un personaggio aiuta a comprendere e ad affrontare la vita. Ci si sente meno soli. In “Cenere di papavero” oltre a riproporre il mito di una trascorsa gioventù ho desiderato rivolgermi ai giovani che non inseguono un sogno. Direi che uno degli elementi principali è il bisogno di comunicare e di stare insieme, in contrapposizione al mondo virtuale che allontana l'individuo dalla realtà portandolo all'isolamento e a una visione fatalistica della vita 

Il libro di un altro, che ti piacerebbe fossi stata tu a scrivere? 
Avrei voluto scrivere più di un libro, mi viene in mente "Cent'anni di solitudine" per la natura dei personaggi e per quel mondo così dirompente che invade ogni cosa. per quel confine impercettibile tra realtà e fantasia così legato ai ricordi... 

Nadia Campanelli finora ha pubblicato romanzi, e mai poesie. 

Eppure l'anelito al verso si sente in ogni suo respiro, soprattutto in questi ultimi tempi: la sua pagina web propone poesie che sembrano essere momenti di puro diletto ma, ad un lettore attento, rivelano un desiderio aulico che non può più essere rinviato. La Poesia è ciò che attende questa Signora dalla parola fluida e incisiva, perché il suo percorso si sta dirigendo in maniera decisa e inesorabile verso sperimentazioni più intimistiche e al contempo universali. 
Ho preso a caso dal suo profilo Facebook due fra le tante poesie che Nadia Campanelli ci regala, quasi fossero un nonnulla di parole, ma che raccogliamo, come preziosa rugiada su un piccolo prato arso d'agosto al mattino:


Ho tremori
infantili
sussulti
d'incubi
di paure nuove
Questa età
sconosciuta
mi spaventa
è una cintura
stretta
che soffoca
la vita.
Il passato
di transito
lento
ha scritto
ricordi
e rimpianti
Ora sono
un treno
in corsa
sul binario
parallelo al mio
sentire
e non riesco
a riprendermi
Resta alta
sulla fronte dei tetti
l'ombra velata
della torre antica
Sentinella immobile
scudo di nebbia
e di tempesta
è albero maestro
fermo timone
sulla rotta di un ritorno
quando il passo
incerto teme
d'aver perso il cuore
nel fondo vuoto
di un bicchiere .
Tra il miele di un bacio, il sale di qualche lacrima e tanta, tanta pepata ironia la lettura procede scanzonata e agrodolce. 
Per chi volesse conoscerne meglio l'opera, rimandiamo al sito personale www.nadiacampanelli.it

Cenere di papavero

di Nadia Campanelli
Narrativa
Algra
ISBN 978-8898760718
cartaceo 13,35€

Sinossi
Il romanzo è ambientato negli anni Settanta, sullo stile "On the road". I protagonisti sono la giovane Odilia e Guru, un ingenuo hippie metropolitano, insieme vivono l'esperienza di un viaggio in autostop che dal Nord li porterà in Sicilia. La storia si intreccia sulle strade che li condurranno fino a Palermo, città in cui sperano di ritrovare la sorella della protagonista, fuggita da casa per inseguire chissà quale mitico sogno di avventura. La strada diviene luogo di fuga, di paura, di magici incontri e di crude realtà, un viaggio iniziatico dell'anima che non riesce a raggiungere una meta ma si arricchisce di esperienze. Due mondi a confronto sono schierati su fronti diversi: il conformismo da una parte e il rifiuto delle regole dall'altra. L'ipocrisia e l'ingenuo volo verso orizzonti lontani, alla ricerca di un paradiso in cui vivere, sono l'ossatura su cui si sviluppano la narrazione e l'aspetto più introspettivo del testo.


Filomena e le altre

di Nadia Campanelli
Memoriale
Cooperativa Lavoratori
ISBN 978-8888507392

Sinossi
Le donne, da vestali della penuria e del focolare spento, tornavano ad essere grembo e culla di nuove vite. La storia d'Italia apriva un nuovo capitolo, il ciclo della vita scritto in inchiostro rosa riprendeva il suo placido corso.
Massimo Tedeschi, "Bresciaoggi" 


Fermami il tempo

di Nadia Campanelli
Narrativa
Serra Tarantola
ISBN 978-8888507392
cartaceo 12,75€


Strade di pozzanghere

di Nadia Campanelli
Narrativa
Serra Tarantola
ISBN 978-8888507439
cartaceo 9,35€
Mirella Morelli - Gli scrittori della porta accanto

Mirella Morelli
Mirella Morelli è nata a Venafro, nel Molise, ma da anni vive a Fabriano, nelle Marche. Laureata in Scienze Politiche, è impiegata amministrativa in un’azienda sanitaria, è sposata e madre di due figli. Alcuni suoi racconti e poesie sono inclusi in antologie (Grande come la terra, 2015; Veglia, 2016), ma Il volo del soffione rappresenta il suo esordio letterario individuale. Fa parte dello staff di Cultura al femminile, sito letterario per il quale recensisce libri di poesia e non solo; da qualche anno è giurata per la Sezione Poesia del Premio Nazionale di Narrativa e Poesia “Città di Fabriano”.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
1 commenti
  1. Grazie Mirella per questa recensione che ci fa conoscere un'autrice che racconta storie di donne forti .

    RispondiElimina

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO
#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram